X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Psicologia Cambiamento, la farfalla che non voleva le ali: da Eraclito all'approccio cognitivo comportamentale

01/08/2014 14:00
Psicologia Cambiamento la farfalla che non voleva le ali da Eraclito all'approccio cognitivo comport

"E se diventi farfalla nessuno pensa più a ciò che è stato quando strisciavi per terra e non volevi le ali", suggeriva Alda Merini. Cambiare è un processo tanto naturale quanto difficile. Perché gli uomini sono complicati e cuore, anima e cervello a volte fanno a cazzotti!

Psicologia Cambiamento. “E se diventi farfalla nessuno pensa più a ciò che è stato quando strisciavi per terra e non volevi le ali”. Così dice un'intensa frase della poetessa milanese Alda Merini, suggerendo le straordinarie possibilità insite nel cambiamento di psicologia dell'essere umano. Ma cos'è il mutamento e perché, pur essendo una condizione perenne in natura, può procurare tremendo spavento a livello interiore?

Panta rei. Già Eraclito nell'antica Grecia filosofeggiava asserendo che “panta rei”, ovvero tutto scorre, tutto cambia, tutto è in perenne evoluzione. Il cambiamento risulta qualcosa di connaturato alla dimensione temporale: mette in relazione un prima ed un dopo, dando termine a quanto modifica. L'individuo che non voglia subire la realtà, bensì imparare a gestirla deve apprendere a mutare e ciò non è sempre facile.

Psicologia educazione. Il cambiamento è la condizione di possibilità dell'educazione, perché senza cambiamento non ci sarebbero né vita, né esperienza, né educazione. L'uomo vive di e nel cambiamento: egli può venire educato solo in quanto protagonista di cambiamento. Essere in grado di cambiare ed ancor più di ricercare il cambiamento è vitale per la nostra specie, e non solo.

Darwin ed Einstein. Nel 1800 il naturalista e geologo britannico Charles Darwin sosteneva che “non è la specie più forte o quella più intelligente a sopravvivere, ma quella che risponde meglio al cambiamento”. Ed il fisico e filosofo della scienza Albert Einstein un po' più tardi notava come l'ameba muore perché non sa adattarsi, invece l'essere umano sa imparare dai proprio errori e scegliere soluzioni diverse quando vede che quelle adottate non funzionano nello scioglimento dei problemi.

Psicologia apprendimento. Se i bambini sono, in un certo senso, come “spugne”, “fogli bianchi” su cui disegnare per la prima volta, un adulto può avere maggiori difficoltà a cambiare, perché già formato ed irrigidito nelle sue strutture. Questo fatto salta particolarmente all'occhio nel settore dell'apprendimento, ad esempio nel campo della danza recuperare un ballerino impostato male da piccolo è un grosso problema.

Mappe neurali. In medicina si parla di mappe neurali, le quali si configurano quali circuiti complessi da modificare. Addirittura, quando si riesce in tale operazione, muta persino l'anatomia del nostro cervello! E comunque la brutta notizia è che le vecchie mappe possono risaltare fuori in maniera più o meno inattesa. Potremmo in sostanza dire che il lavoro su sé stessi non finisce mai... Ogni giorno in cui non facciamo qualcosa per migliorarci è una giornata persa, non credete?

Omeostasi principio. Ciascun essere vivente per il principio biologico dell'omeostasi, secondo cui l'equilibrio tende a mantenersi, tanto più è complicato e tanto più resiste al cambiamento del proprio equilibrio, anche quando tale equilibrio è disfunzionale. In psicologia esistono diversi tipi di cambiamento. C'è innanzitutto il cambiamento graduale, vale a dire quello effettuato “step by step”, che è poi quel tipo di cambiamento che ritroviamo anche a scuola.

Cognitivo comportamentale. L'approccio cognitivo comportamentale delinea in secundis il cambiamento catastrofico; esso è paragonabile ad un fulmine che, durante un temporale, cade su un albero incendiandolo. Talora si rende necessario procurarlo nel paziente, al fine di rompere qualcosa che lo sta portando alla distruzione. C'è poi il cambiamento effetto valanga, chiamato dagli scienziati effetto farfalla. Si dice infatti che il minimo battito d'ali di una farfalla in una parte del globo sia in grado di provocare un uragano sul lato opposto del mondo...

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Power, il teaser della quarta stagione: debutto fissato per il 25 giugno

La quarta stagione della serie televisiva "Power" debutterà il 25 giugno 2017.  Il teaser pubblicato ieri sul canale YouTube di Starz propone alcune anticipazioni sul prosieguo del racconto. La nuova stagione sarà composta da dieci nuovi episodi della durata di un'ora. Power, la serie che ha ridefinito ...

 

Verissimo, il racconto di Paola Barale: 'Raz è stato un viaggio meraviglioso'

Paola Barale è tra gli ospiti della nuova puntata di "Verissimo", in onda su Canale 5 sabato 29 aprile 2017.  Nello studio del rotocalco televisivo condotto da Silvia Toffanin, la showgirl ha parlato del suo rapporto con Raz Degan, vincitore della dodicesima edizione de "L'isola dei famosi": "Raz è stato un viaggio meravigl...

 

Tutto può succedere, seconda stagione: intervista a Esther Elisha

La seconda stagione di “Tutto può succedere” torna questa sera su Rai 1 con una nuova puntata e prosegue nel raccontare le vicende che ruotano attorno alla famiglia Ferraro.  In occasione del compleanno di Max i suoi genitori assumono un singolare mago degli insetti per rendere la festa più dinamica. Tuttavia Alessan...

 

Soy Luna, seconda stagione: un video dal backstage racconta il sogno della protagonista

Sul canale YouTube DisneyChannelIT è stato pubblicato un video dal backstage del primo episodio della seconda stagione di "Soy Luna".  "Benvenuti nel sogno di Luna" - dichiara Ruggero Pasquarelli, interprete del personaggio di Matteo. "Al Jam&Roller c'è una festa dove la Roller band sta suonando" - spiega Karol Sevilla, la q...

 

Di padre in figlia, terza puntata: delusione e riscatto

La terza puntata della fiction “Di padre in figlia” va in onda questa sera su Rai 1 dalle 21.25. Franca (Stefania Rocca) è intenzionata a partire con Jorge ma il timore delle ripercussioni su sua figlia Sofia (Demetra Bellina) a seguito del suo incosciente gesto nei confronti del fratello Antonio (Roberto Gudese) sping...

 

Life in pieces, una sitcom per ogni generazione: intervista all'attrice Angelique Cabral

La sitcom statunitense creata da Justin Alder e intitolata “Life in Pieces” ha debuttato in Italia su Fox nel maggio 2016. Leggi la trama Abbiamo intervistato l’attrice Angelique Cabral, interprete del personaggio di Colleen.  D: La serie rappresenta situazioni esilaranti. Come può essere definita la famig...

 

Di padre in figlia, seconda puntata: tra aspettative e realtà

La seconda puntata della fiction “Di padre in figlia” va in onda questa sera su Rai 1 dalle 21.25. La narrazione riprende agli inizi degli anni Settanta. I sedicenni Sofia e Antonio Franza mostrano differenti espressioni della loro condizione adolescenziale. Sul ragazzo ricadono le aspettative di suo padre Giovanni (Alessio Boni), il q...

 

Made in Sud, 'si tende ancor di più allo show di varietà': intervista a Paolo Caiazzo

Il programma televisivo "Made in Sud" torna domani sera su Rai 2 con una nuova puntata.  Abbiamo intervistato Paolo Caiazzo, volto storico della trasmissione. D: Da anni sei nel cast artistico di "Made in Sud", cosa rende la nuova edizione diversa dalle precedenti? R: Effettivamente ho visto nascere il progetto quando era soltanto un l...

 

Serie tv più viste negli USA: 'NCIS: New Orleans' si avvicina al secondo posto

NCIS occupa la prima posizione della classifica settimanale delle serie televisive più viste negli Stati Uniti. Il ventunesimo episodio della quattordicesima stagione, intitolato "One Book, Two Covers" e diretto da Terrence O'Hara, ha registrato 13.32 milioni di spettatori.  Secondo posto per "Bull". Il diciannovesimo episodio, intitol...

 

Chicago P.D., lo sceneggiatore Matt Olmstead lascerà la serie tv dopo la quarta stagione

"Chicago P.D.", spin-off di "Chicago Fire", sta per subire un'importante perdita: stando al sito Deadline, lo sceneggiatore Matt Olmstead abbandonerà la serie al termine della quarta stagione e ancora non è noto chi sarà a rimpiazzarlo. Olmstead, che è anche produttore esecutivo della serie madre, di "Chicago Med" e di "...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni