X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Moda lunare: forme e stili degli abiti "stellari" 2014

19/07/2014 11:00
Moda lunare forme stili degli abiti "stellari" 2014

Gli influssi dello sbarco sulla Luna da André Courrèges con i pant suits tunica, ai moduli poliformi di Lemuria, passando per i tagli lunari della collezione primavera- estate 2014 di Kelvin Klein, fino all'abito Universo per Expo Mondiale della Dieta Mediterranea 2016. La moda lunare ci accompagna tra passato, presente e futuro

“Che fai tu Luna, in ciel? Dimmi, che fai, silenziosa Luna?” Giacomo Leopardi così scriveva. Ma noi una risposta l’abbiamo: conosciamo bene quanta creatività la suggestione lunare possa donare agli animi sensibili e, tra questi, agli stilisti. Il primo essere umano ad aver messo piede sulla Luna fu, il 20 luglio 1969, Neil Armstrong, comandante della missione Apollo 11. Oggi, a distanza di 45 anni , gli influssi di questo evento memorabile si riflettono ancora sulla nostra vita, moda compresa.

Moda Space Age. La moda lunare ha le radici nei lontani anni Sessanta quando, a seguito dello sbarco sulla Luna, il disegnatore  André Courrèges creò uno stile ultra-moderno, antesignano dell'immagine Space Age dei Sixties. Abiti sartoriali dalle linee pulite, in una tavolozza di bianco lunare. Il suo primo colpo è stato quello di introdurre pant suits tunica (in un momento in cui le donne non erano ammesse in molti ristoranti in pantaloni); queste sono state accessoriate con stivali bianchi piatti. Egli vedeva con gli occhi della sua generazione, testimone dei missili sulla Luna. La moglie e partner, Coqueline, ha spiegato a Vogue nel 1995, durante uno dei tanti Space Age revival, che i modelli degli anni Sessanta sono stati aggiornati per le donne con i telefoni cellulari e connessione internet.

Lemuria. A distanza di 45 anni, ancora oggi si parla di moda lunare. In particolare Lemuria, un’azienda made in Italy che nasce dall’idea di creare moduli poliformi che possano essere indossati in molti modi diversi, lancia una collezione materica e glamour. Gli abiti trasformabili di Lemuria rappresentano una vera e propria rivoluzione concettuale: gli abiti li fa chi li indossa. Per la collezione invernale 2014/2015 ci sono interessanti novità. Agli abiti trasformabili, da cui era partito il brand, si sono aggiunte giacche, pantaloni e maglieria, per una collezione dall’aspetto materico ed ispirata alla terra, sia nei colori che nelle texture, grazie a tessuti increspati che evocano il muschio e la roccia. Oltre alla terra, Lemuria si ispira anche al cielo e alla Luna: ecco, come si può vedere in foto, abiti realizzati in un tessuto che ha memoria di forma, ovvero un tessuto realizzato con una fibra di acciaio, in grado di mantenere la forma – sgualcita o stirata – che consentono una ulteriore personalizzazione del capo.

Collezione lunare Kelvin Klein. Anche Kelvin Klein sfrutta l’anniversario dello sbarco sulla Luna per lanciare una collezione primavera-estate 2014 legata alla moda lunare. I tessuti scelti per la collezione da uomo estiva sono quelli più freschi: dal twill al cotone, senza dimenticarsi dei materiali tecnici, da indossare sopra camicia e cravatta. La palette cromatica di Calvin Klein preferisce le nuance del blu, colore lunare. Le cromie triofanti sono quelle dell’azzurro, del verde acqua, del blu marino, atlantico, cobalto, navy, celeste, talco e infine il blu Klein. Anche il taglio degli abiti richiama le forme delle tute spaziali.

Abito Universo. Un altro esempio di moda lunare è quello proposto da Federica Gatto. Giovane alunna dell'I.I.S.S. Liceo Artistico "Enrico Gianneli" di Parabita (Lecce), è la creatrice dell'abito stravagante che si può vedere in foto, dedicato più che alla Luna, all'Universo intero. L'abito ha un aspetto decisamente tridimensionale, non per niente sembra quasi una scultura più che un semplice vestito, ed è caratterizzato da un silhouette molto voluminosa composta da corpetto e gonna; in questo richiama molto gli abiti ottocenteschi tipici del periodo romantico. La stampa rappresenta una sorta di galassia immaginaria con stelle, pianeti e nebulose mescolate sapientemente per creare un effetto di Universo "avvolgente", esaltato dalla circolarità delle forme, dai drappeggi e dalle volute. La proposta di lancio di questo prodotto viene da una realtà nascente che è quella di EXPO Mondiale della Dieta Mediterranea 2016 che, nella figura della presidente Luana Gallo, ha detto: "invitiamo una donna speciale, l'astronauta italiana Samantha Cristoforetti a indossare l'abito Universo in occasione dell'Expo 2016 dedicato al Cibo Sano e al futuro alimentare dell'essere umano".

A questo punto non resta che alzare gli occhi al cielo in una notte stellata illuminata dalla Luna e trovare l’abbigliamento lunare più adatto a ciascuno… e che la Luna vi porti consiglio, sempre!

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Campioni omaggio: dai concerti ai trucchi il risparmio e la sua storia

Il sistema è ormai saldo: nato nel 1851 negli Stati Uniti grazie a Benjamin T. Babbitt, ora si è diffuso sul web. Tra i siti nazionali di spicco c’è supercampione.it, che grazie ad un lavoro attento e particolarmente minuzioso offre molteplici tipologie di campioni omaggio. In questo caso basta registrarsi in maniera gra...

 

Michael Bublé: 'Ora apprezzo la vita molto di più' confida la moglie sulla guarigione del figlio

La moglie di Michael Bublé, Luisana Lopilato ha diffuso la notizia sulla guarigione del loro figlio, Noah. I due avevano confermato nel 2016 che il figlio fosse affetto da una forma di tumore al fegato. Durante una conferenza stampa in Argentina, Luisana Lopilato ha detto ai giornalisti: “Grazie a Dio, mio figlio sta bene. Quando si ...

 

'La nostra società sta diventando eccessivamente protettiva': intervista a Daniele Fabbri

Abbiamo intervistato il comico Daniele Fabbri, protagonista il 7 aprile al Teatro Douze di Roma con un nuovo significativo show.  D: Il tuo nuovo monologo si intitola “Infarto Cesareo”, cosa lo distingue rispetto ai precedenti? R: La voglia di essere più scemo. Nei miei primi spettacoli ho cercato di esplorare un umor...

 

Care figlie vi scrivo, il libro tra cinema e passione di Marisa Bruni Tedeschi

Care figlie vi scrivo è il libro uscito di recente di Marisa Bruni Tedeschi che racconta una famiglia cresciuta tra il cinema la politica.  Marisa Bruni Tedeschi è pianista, ha vissuto una vita da artista: racconta qui la giovinezza nell'Italia fascista, la morte precoce del padre, l'incontro nel 1952 con il marito Alberto, indu...

 

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni