X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Sbarco sulla luna: evoluzione della tecnologia dal 1969 ad oggi

20/07/2014 10:00
Sbarco sulla luna evoluzione della tecnologia dal 1969 ad oggi

Ricorre quest'anno il 45esimo anniversario dello sbarco sulla luna. Cosa è cambiato nella ricerca spaziale dagli albori ad oggi? Dallo Sputnik al futuro passando per il Programma Mercury e lo sbarco sulla luna con l'Apollo 11.

Sbarco sulla luna: prequel; lo Sputnik, Laika e l'URSS. Durante gli anni '50, la Guerra Fredda tra le superpotenze USA e URSS vide la conquista dello spazio come uno dei terreni di battaglia favoriti. Siamo ancora molto lontani dallo sbarco sulla luna. Il primo satellite artificiale, dotato di antenne per comunicare con la terra, era sovietico e si chiamava Sputnik 1: entrò nell'orbita terreste il 3 ottobre 1957. Esattamente un mese dopo veniva lanciato dall'URSS lo Sputnik 2, famoso per aver trasportato il primo passeggero nello spazio: la cagnetta Laika. Questo satellite era costituito dall’ultimo stadio di un razzo vettore ed era corredato di containers con strumenti di misura. Possedeva, inoltre, una cabina ermetica nella quale si trovava il cane, con un apparecchio per il condizionamento dell’aria, le riserve alimentari e gli strumenti per lo studio del comportamento dell’animale negli spazi interplanetari ed infine gli apparecchi (due radiotrasmittenti) per la trasmissione sulla Terra delle informazioni scientifiche ottenute.

Programma Mercury. Fu il primo programma spaziale americano a prevedere il trasporto di un umano su una sonda spaziale. I test vennero effettuati con satelliti interamente automatici, delle capsule molto piccole attrezzate di paracadute per il rientro e provviste di un rudimentale razzo vettore per il lancio: si trattava infatti di missili militari adattati per lo scopo. La capsule spaziali erano minuscole: Solo 1,7 m³ di volume. La capsula Mercury era grande appena per contenere il suo pilota. Dentro c'erano 120 controlli: 55 interruttori elettrici, 30 fusibili e 35 leve meccaniche. Una volta partito, per separare la capsula Mercury dal veicolo di lancio, il modulo utilizzava tre piccoli razzi a carburante solido. Il modulo, inoltre, aveva tre retrorazzi di spinta a carburante solido, 450 kg, che si attivavano per 10 secondi ciascuno. Uno era sufficiente per far tornare il modulo sulla Terra se l'altro avesse fallito. La Mercury-Redstone 3 lanciò il primo americano nello spazio: Alan Shepard. Ci si avvicina allo sbarco sulla luna.

Primo uomo sulla luna. Incomincia il programma Apollo: il primo vero programma che ha come obiettivo la Luna. Sviluppato quasi in parallelo con il programma Gemini, che prevedeva il lancio di capsule spaziali con all'interno due astronauti (per questo il nome "gemini"), il programma Apollo era ben più ambizioso: già il fatto di dover sollevare una capsula di più di 100 tonnellate metteva in discussione la ricerca fatta fino ad allora su capsule decisamente più leggere. La North American Aviation si adoperò per la realizzazione di razzi vettori capaci di lanciare un peso simile e nel frattempo cambiò il combustibile solido con idrogeno liquido, più adatto allo scopo. Ecco nascere il Saturn V, primo razzo vettore ad ossigeno e idrogeno liquidi, più cherosene raffinato, a tre stadi. Così, con la missione Apollo 11, il 20 luglio 1969, Neil Armostrong fa il primo passo sulla luna. Il sogno dello sbarco sulla luna si è avverato!

Apollo 11. La tecnica usata per la missione fu il Rendez-vous in orbita lunare, che sostanzialmente prevedeva un giro dell'orbita lunare sia in fase di atterraggio che di ripartenza. I componenti principali della navicella Apollo erano il Launch Escape System, Modulo di Servizio e l’Adattatore del Modulo Lunare. Il Launch Escape System era costituito da una torre posta sopra il Modulo di Comando e serviva per allontanarlo dal resto del razzo durante il lancio, nel caso si fosse verificata una situazione di emergenza. Il Modulo di Comando era il centro di controllo della navicella Apollo e la zona dove risiedevano gli astronauti. Comprendeva una cabina dell’equipaggio pressurizzata, pannelli di controllo e strumentazione, i sistemi ottici ed elettronici di guida e navigazione, i sistemi di comunicazione e di assetto, batterie, scudo termico, il reaction control system, il portellone per il rendezvous, il portellone di ingresso, cinque finestre e il sistema di atterraggio formato da tre paracadute. Il Modulo di Servizio era una parte della navicella non pressurizzata e contenente le celle a combustibile, antenna ad alto guadagno, radiatori, reaction control system e propellente per entrare e uscire dall’orbita lunare e il sistema di propulsione di servizio. Il Modulo Lunare era una parte della navicella Apollo che atterrava sulla luna per poi ritornare in orbita lunare, quella utilizzata per lo sbarco sulla luna, per intenderci. Era diviso in due parti principali, il Modulo di Discesa e il Modulo di Ascesa. Il Modulo di Discesa comprendeva le gambe di atterraggio, una antenna radar utile per l'avvicinamento al suolo lunare, il motore a razzo per la discesa e il combustibile per scendere sulla luna. Il Modulo di Ascesa conteneva la cabina dell'equipaggio, i pannelli della strumentazione, un portellone posto sul tetto per il docking con il modulo di comando, un portellone laterale, il sistema ottico e elettronico di guida e navigazione, il sistema RCS, radar e antenne di comunicazione, il motore a razzo per l'ascesa e il carburante per il ritorno in orbita e per il rendezvous con il modulo di comando e servizio dell'Apollo.

Il futuro e la Cina sulla Luna. Il programma Apollo fa nascere e morire i tentativi della NASA di allunaggio. Dopo la missione Apollo 17, infatti, nessun uomo ha messo più piede sul terreno lunare. Il 20 luglio 1989, ventennale dello sbarco, il presidente degli USA Bush lanciò un programma che avrebbe avuto come obiettivo la creazione di una base lunare permanente. Per motivi economici e di scarso interesse dell'opinione pubblica, il programma venne abbandonato. Stessa sorte per il programma Constellation, promosso dal figlio di Bush nel 2004, che avrebbe riportato l'uomo sulla luna entro il 2020. Di per sé la tecnologia e la tecnica che sarebbero state utilizzate in caso di attuazione del programma erano pressoché identiche a quelle del programma Apollo. Un razzo vettore, chiamato Ares I, avrebbe lanciato il veicolo Orion in orbita, dopodiché il modulo lunare Altair, concettualmente identico al modulo Eagle della missione Apollo, sarebbe atterrato sulla luna e ripartito con un razzo propulsore Ares V. Nel frattempo anche la Cina si è attrezzata e ha raggiunto la luna con un rover spaziale: un piccola macchina comandata a distanza, senza equipaggio ma in grado di scattare foto e raccogliere campioni. Insomma, se avevate programmato una vacanza sulla luna dovreste aspettare perché, per il momento, sembrerebbe che gli astronauti non ci ritornino: dopo lo sbarco sulla luna dobbiamo aspettarci lo sbarco su Marte?

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Jacopo Sartori
Home
 



 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Nobel per la Letteratura 2016, vince Bob Dylan emblema di nuova espressione poetica

Il 109esimo premio Nobel per la Letteratura è stato vinto da Bob Dylan. Ad annunciarlo è l’Accademia di Svezia, con la motivazione : “i nuovi modi di espressione poetica”. Nel 2016 Bob Dylan ha pubblicato "Fallen Angels", Il primo lavoro è "Bob Dylan" (1962), cui seguirono 35 album come "Planet Waves" (1974),...

 

Dario Fo, il teatro della ragione umana nell'autore scomparso

Dario Fo, attore e scrittore scomparso all’età di 90 anni aveva da poco pubblicato “Charles Darwin. Ma siamo scimmie da parte di padre o di madre?”. Qui lo scienziato e viaggiatore viene proposto come assetato di conoscenza, con anni trascorsi in mare e terre lontane raccogliendo conchiglie, crostacei, coleotteri per studia...

 

Dan Brown, il nuovo libro dal titolo 'Origin' sarà pubblicato nel 2017

Dan Brown ha confermato che la casa editrice Doubleday  pubblicherà il nuovo libro nel 2017, dal titolo "Origin". Nella foto si mostra lo scrittore in piedi su una terrazza, con sullo sfondo la città di Firenze. Il libro tratterà ancora del professore esperto di simboli Robert Langdon, già raccontato nei quatt...

 

John Grisham, diffusa la trama del nuovo libro 'The Wishter' tra giudici corrotti e mafia

È stata diffusa in questi giorni la trama del nuovo libro di John Grisham, dal titolo "The Wishter" pubblicato il 25 ottobre 2016. Il romanzo ha come protagonista un giudice che per la sua posizione dovrebbe essere onesto e saggio, simboleggiando l'unione di integrità e imparzialità: quando l'uomo riceve una tangente ad occupa...

 

Anna Marchesini, i tre libri della brillante attrice scomparsa

Anna Marchesini, l’attrice scomparsa oggi all’età di 63 anni era anche una scrittrice raffinata, che in tre romanzi ha saputo alternare ironia e satira. Del 2014 è “Moscerine”, una serie di racconti che mostrano imprevisti che s’immettono nella quotidianità, “una carezza involontaria” ...

 

Steve Hackett e il suo apprezzato 'The Total Experience Live in Liverpool'

Steve Hackett ha appena pubblicato ‘The Total Experience Live in Liverpool’, una raccolta di due CD e due DVD dell’esperienza dal vivo a Liverpool. L’uscita del materiale è avvenuta ieri, 24 giugno 2016. Il famoso e apprezzato chitarrista inglese, come era avvenuto per l’uscira di ‘Genesisi Revisited&rsquo...

 

Marracash e Guè Pequeno e il primo nuovo album 'Santeria'

Marracash e Guè Pequeno sono alle prese con la pubblicazione del loro primo album scritto insieme, dal titolo ‘Santeria’, la cui uscita ufficiale è prevista proprio oggi, venerdì 24 giugno. I due artisti sono cresciuti a Milano, per le sue strade, e dopo ben 15 anni di carriera hanno deciso di pubblicare il loro pri...

 

Radiohead e il loro nuovo e struggente album 'A Moon Shaped Pool'

Radiohead hanno appena pubblicato il loro nuovo album dal titolo ‘A Moon Shaped Pool’, che proprio ieri ha visto la distribuzione in cd. Alcuni brani erano già stati lanciati, al cui ascolto si percepisce una profonda riflessione e profondità da parte di una delle band più note e amate. Burn The Witch. Questa belli...

 

Red Hot Chili Peppers e il nuovo malinconico album 'The Getaway'

Red Hot Chili Peppers si sono appena dedicati al loro undecisimo album, il nuovo disco dal titolo ‘The Getaway’, un insieme di canzoni che malinconicamente raccontano la vita adulta. Questo album segna la maturità del gruppo, con toni inaspettati. Dark Necessities. Tra le tante interessanti canzoni proposte nell’album &lsq...

 

Afterhours e il loro lucido e allucinante 'Folfiri o Folfox'

Gli Afterhours si sono appena dedicati alla pubblicazione del nuovo album ‘Folfiri o Folfox’, titolo che rappresenta due cure di chemioterapia che Manuel Agnelli ha purtroppo incontrato a causa della malattia del padre; i loro nomi ricordano una filastrocca, un ballo, qualcosa di leggero, così come l’orchidea riportata in c...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni