X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Maicol Jecson, recensione film: la prima volta e l'estate indie

17/07/2014 07:00
Maicol Jecson recensione film la prima volta l'estate indie

Maicol Jecson, un nuovo film su l'amore giovane, il sesso e gli adolescenti. Una commedia indie di formazione che porta il road movie nella provincia italiana.

Maicol Jecson, film diretto da Francesco Calabrese ed Enrico Audenino. Interpretato da Remo Girone, Tommaso Maria Neri, Vittorio Giannotti, Cristina Marino e Stefania Casini. 

Trama film Maicol Jecson. Il giugno del 2009 sta finendo. I genitori di Andrea sono partiti per le vacanze, così il ragazzo decide di sfruttare la loro assenza per saltare il campo estivo e fare l’amore per la prima volta con la sua fidanzata Eva. Per questo deve affidare a qualcuno il suo fratellino di nove anni, Tommaso, bambino introverso e pazzo per Michael Jackson, che indossa sempre una maschera. Da qui una serie di accadimenti a catena che lo portano, insieme al fratellino e a Cesare, un anziano conosciuto in un ospizio, a vivere un’avventura carica di imprevisti.

Commedia indie. Gli esordienti Francesco Calabrese ed Enrico Audenino portano sullo schermo una commedia che parte da uno schema classico del genere, l’adolescente ossessionato dal sesso cui i genitori lasciano la casa libera d’estate. Il riferimento all’immaginario di film come Little Miss Sunshine è chiaro, l’ambientazione di provincia che sembra un qualsiasi sobborgo americano, personaggi di contorno pittoreschi, gli amici nerd, una vicina svampita, la ragazza dei sogni da copertina e il fratellino Tommaso piuttosto eccentrico, fanatico di Michael Jackson. L’incontro con l’anziano Cesare, che farà da nonno ai due fratellini, aggiunge una parte più riflessiva al racconto, attraverso il rapporto che si instaura fra di loro. È un film che vuole mantenere saldo l’equilibrio fra leggerezza e irriverenza, senza eccessi forzatamente volgari, come spesso accade nelle commedie d’oltreoceano sui giovani. Facciamo conto di essere in America è una battuta del film. Le musiche sono affidate agli Amari, un gruppo pop rock originario della provincia di Udine.

Remo Girone (Il Gioiellino) è Cesare. Stefania Casini (Suspiria) è Maria, la vicina di casa.  I due fratellini Andrea e Tommaso sono interpretati rispettivamente da Vittorio Giannotti e Tommaso Maria Neri. Eva è Cristina Marino.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Remo Girone, Michael Jackson,



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni