X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione libro La figlia di Burger di Nadine Gordimer, accetto i limiti di quello che conosco

15/07/2014 19:16
Recensione libro La figlia di Burger di Nadine Gordimer accettolimiti di quello che conosco

Nadine Gordimer pubblica La figlia di Burger nel 1979: il libro è messo al bando dal governo sudafricano mentre il resto del mondo si schiera dalla parte della scrittrice.

Nadine Gordimer - Nadine Gordimer, Premio Nobel nel 1991, ne era convinta: ogni romanzo sul Sud Africa non può eludere il problema del razzismo, non esiste altro paese nel mondo occidentale in cui il più insignificante evento privato sia radicato in un assetto sociale governato da leggi razziste.

Le critiche e il divieto - La figlia di Burger si confronta, in un certo senso, con le critiche rivolte alla scrittrice - i lettori delle sue opere sarebbero bianchi priviligiati, il prodotto del suo immaginario letterario sarebbe viziato dal retaggio, la sua arte solipsistica: il suo settimo romanzo raggiunge evidentemente l'obiettivo, tanto scomodo da essere messo al bando dal governo. Nadine Gordimer racconta le vicende della pubblicazione di La figlia di Burger in un opuscolo, What happened to Burger's Daughter or How South African censorship works. L'indignazione di intellettuali famosi e associazioni potenti in tutto il mondo costringono le autorità a fare un passo indietro e permettere la diffusione dell'opera.

Apartheid - Accetto i limiti di quello che conosco, riconoscerà la scrittrice rinunciando alla caratterizzazione di personaggi di colore in un paese dove le barriere razziali sono un muro alla comprensione.

La figlia di Burger trama - Anni Settanta, Johannesburg. Al massacro di Sharpeville del 1960 seguono le persecuzioni e i processi politici. Rose cresce in una famiglia di attivisti bianchi Afrikaner anti-apartheid, membri del partito comunista del Sud Africa. La casa dei Burger è sempre aperta a tutti. Rose crescerà insieme a Baasie, il bambino di colore adottato dai Burger. Appena adolescente perde la madre Cathy che muore di sclerosi multipla in prigione. Anche il padre Lionel finirà in carcere dove morirà, ufficialmente suicida, assassinato.
Il romanzo si chiude con la sommossa di Soweto. È la fine dell'ideale di una pacifica società multirazziale.

Che cosa hanno visto? - Nadine Gordimer alterna la narrazione della prima con la terza persona. Questa tecnica permette al lettore di mediare i punti di vista: “Quando mi hanno vista davanti la prigione, che cosa hanno visto?” si chiede la quattordicenne Rose in visita alla madre, “Non lo saprò mai. È tutto così artificioso. Vedevo – vedo – quel profilo in uno specchio tenuto in mano e puntato in un altro specchio; so come sono sopravvissuta, non infelice e , se non popolare, almeno con la taciata e riconosciuta sensazione che noi – io e la mia famiglia – eravamo superiori a loro, in quella scuola; capisco la blanda magniloquenza delle memorie mal scritte dei fedeli; brave persone nonostante il loro fanatismo”.

Un asino picchiato a sangue - Con la morte del padre, Rose volta pagina nel tentativo di scrollarsi di dosso l'identità di figlia di Burger. Assiste, senza avere la forza di intervenire, a un brutale episodio di violenza: un asino picchiato a sangue da un anziano di colore ubriaco: “Lasciai che picchiasse l'asino. L'uomo era un nero. Di conseguenza una sorta di vanità pesò più dei sentimenti; non sopportavo di vedere me stessa – in lei – Rose Burger – uno di quei bianchi che si preoccupano più degli animali che delle persone. Da quando sono libera, sono anche libera di diventare così”. Rose ha deciso:“Dopo l'asino non potei più fermarmi. Io non so come vivere nel paese di Lionel”.

La fuga - Vola in Europa lasciandosi alle spalle le aspettative riguardo all'impegno politico richiesto come figlia di Lionel Burger, eroe e martire dell'appartheid. Ma in Europa è al centro dell'interesse di tutti, media compresi. La sua fuga è intesa come necessità conseguente alla persecuzione politica.
Una notte riceve la telefonata di Baasie che non vede da anni. Le dice di chiamarsi Zwelinzima, significa terra sofferente, ricordandole che suo padre, Lionel Burger, è un martire tra i tanti: “Conosco un mucchio di neri come Burger. Non contano, siamo soltanto neri noi, certo ci siamo abituati, non ci mostreranno alla televisione inglese”.
Baasie non è mai esistito se non nella memoria illusoria di Rose. Le chiede astioso Zwelinzima: “Cosa avevo di tanto speciale? Un bambino nero come tanti. Tutto quello che voi bianchi toccate diventa roba vostra. Era lui mio padre. Anche quando saremo liberi, vorranno ricordarci di ringraziare Lionel Burger”. Perchè dovrebbe vedersi: “Io non so chi sei. Mi senti, Rose? Tu non conoscevi neanche il mio nome. Non devo dirti cosa faccio”.

Baasie come Rose – Anche Rose si rende conto di non essere mai esistita se non come proiezione degli altri. Se non come “la figlia di Burger”. Un unicorno, una creatura dell'immaginazione. L'Europa rappresenta la spensieratezza, qui Rose conoscerà l'amore. Tuttavia, tra il desiderio del privato e l'impegno civile, non può sottrarsi al senso della responsabiltà.
L'Inghilterra per Rose sarà sempre così: “strati di ombra lungo la strada assolata, timidi piedi bianchi di persone che si sono tolte scarpe e calzini per sentire l'erba, il sole che serpeggia sulle scie dei battelli da diporto sul fiume antico; dove la gente siede a bere sulle panche davanti ai pub e le ragazze si lisciano con le dita i capelli lucenti”.
Torna nel paese natìo, riprende il lavoro di psicoterapeuta in soccorso dei bambini nati paralitici.
In seguito alla protesta degli studenti di Soweto contro l'obbligo dell'uso dell'africaans nelle scuole, Rose Burger viene arrestata nel novembre del 1977 .

Il dilemma - In tutti i suoi romanzi torna l'interrogativo, andarsene? Altri scrittori hanno scelto l'Europa, Nadine Gordimer è rimasta.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 



Altri articoli Home

Kiss, The demon 1: Dynamite comics lancia il prequel della nuova seria

Dynamite Comics ed il Rock disegnato. Questo è il connubio che porta ad un nuovo fumetto che ha sullo sfondo e come ispiratrice la rock band fondata nel 1973 a New York. Kiss, The demon è il prequel della prima serie che ha visto i protagonisti impegnati in una storia sci-fi che li proiettava nella città di Blackwell. In quest...

 

Final Fantasy XV, recensione videogame per PS4 e Xbox One: la rinascita della serie

Final Fantasy XV è un videogioco action RPG sviluppato da Square Enix e distribuito da Koch Media. La serie rappresenta da anni un marchio conosciuto e apprezzato in ogni parte del mondo, per fan di vecchia data e nuovi utenti, che si avvicinano per la prima volta al titolo giapponese o ai film ispirati all’universo di Final Fanta...

 

Fairy Tail Zero: le origini della gilda

Fairy Tail Zero le origini della gilda narra le vicende che hanno portato alla formazione della gilda così come emerge nella storia raccontata nella nota saga di Fairy Tail. Una storia di amicizia ma anche di malia con protagonista Mavis che ritorna in questo prequel nel quale viene descritta la formazione della sua personalità. Riusc...

 

DC Comics nuova serie a fumetti: Injustice: Gods Among Us - Ground Zero

DC Comics ha annunciato il lancio di una nuova serie di fumetti che ha come personaggio protagonista Harley Quinn, salito all’attenzione del pubblico con il recente film Suicide Squad uscito nelle sale lo scorso agosto ed interpretato da Margot Robbie. Injustice: Gods Among Us - Ground Zero 1 è il titolo del primo episodio della nuova...

 

Recensione La quarta variazione, il primo fumetto di AlbHey Longo per Bao Publishing

“La quarta variazione” è il primo fumetto di AlbHey Longo pubblicato dalla casa editrice Bao Publishing. Questo nuovo fumetto è uscito nei primi giorni di novembre e come tanti altri albi era stato presentato in anteprima a Lucca Comics and Games. È stato pubblicato dalla Bao nella collana “Le città vis...

 

Catwoman: Election Night n.1 una nuova serie pubblicata dalla DC Comics nella città di Gotham

“Catwoman: Election Night” n.1 è una delle novità per questo mese di novembre della DC Comics. il personaggio di Catwoman negli ultimi tempi è stato lasciato un po’ da parte e con questo nuovo numero uno hanno voluto rilanciare il personaggio. Nell’albo troviamo, oltre alla prima storia di questa nuova s...

 

Amnesia Collection, recensione videogame per PS4: la paura del buio

Amnesia Collection è un videogioco horror in prima persona, sviluppato da Frictional Games e distribuito da Sony su PS4. L’arrivo per la console giapponese avviene dopo sei anni dall’uscita su PC del titolo originale, apripista del filone horror in soggettiva, che ha segnato negli ultimi anni il mercato videoludico con decine e d...

 

Assassin's Creed The Ezio Collection, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Assassin’s Creed The Ezio Collection è un videogioco sviluppato e pubblicato da Ubisoft, un'edizione che racchiude al suo interno le avventure rinascimentali e italiane di Ezio Auditore, indimenticato personaggio di una serie capace di vendere oltre cento milioni di copie in tutto il mondo. Le esperienze vissute con il protagonista pi&...

 

Recensione Ricomincia da qui, graphic novel scritta da Ste Tirasso pubblicata dalla Bao Publishing

“Ricomincia da qui” è la prima graphic novel pubblicata dall’autore Ste Tirasso. Questo albo è stato edito dalla casa editrice Bao Publishing il 20 ottobre scorso. Questo fumetto si inserisce nella collana della casa editrice “Le città viste dall’alto”. Anche “Ricomincia da qui” c...

 

Missions of Love il nuovo manga della Star Comics scritto da Ema Toyama

Missions of Love è il nuovo manga che verrà pubblicato il prossimo 23 novembre per la casa editrice Star Comics. Questo è il nuovo lavoro della scrittrice di manga giapponese Ema Toyama. Il manga è di genere shojo, cioè gli albi indicati per il genere femminile di età compresa tra i dieci e i diciotto anni....

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni