X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Depilazione. Definitiva, permanente o temporanea: le tecniche

16/07/2014 10:00
Depilazione. Definitiva permanente temporanea le tecniche

Dalla tecnologia alla tradizione, le tecniche a confronto. Meglio la definitività della depilazione con ago elettrico o la depilazione laser? Cosa cambia dalla depilazione a luce pulsata? Chi è meno tecnologico farà affidamento invece alla cara ceretta e alla depilazione fai da te.

Depilazione: ago elettrico. Questa è la tecnica che più si avvicina al concetto di "definitivo". Infatti l'ago, collegato ad un apposito strumento, penetra all'interno del bulbo pilifero emettendo una lieve scarica elettrica. In questo modo il bulbo viene indebolito e, ripetendo l'operazione in più sedute, si giunge alla sua morte definitiva. Le probabilità di ricrescita del pelo sono prossime allo zero: per questo parliamo di tecnica definitiva di depilazione.

Pro: eliminazione definitiva dei peli, soprattutto in zone circoscritte come baffetti o zona del mento.
Contro: costi elevati per via delle lunghe sedute; leggero fastidio.

 

Depilazione laser. Il follicolo verso il quale è indirizzato il raggio laser viene distrutto grazie ad uno speciale strumento che trasforma la luce in calore, attuando il processo di foto-termolisi selettiva. Il laser, indirizzato alla radice del pelo, colpisce la melanina e inibisce (fino a eliminarla) la riproduzione del pelo. Questa tecnica di depilazione è detta "progressivamente permanente" perché elimina fino all'80% dei peli nella zona trattata in circa 6 sedute e alla fine la ricrescita è pressoché inesistente.

Pro: il trattamento è ottimo per pelli chiare con peli scuri; è sostanzialmente indolore, a volte si percepisce una piccola sensazione di bruciore.
Contro: non si può fare con pelli abbronzate o peli troppo chiari perché, agendo sulla melanina, il trattamento sarebbe vano; lievi arrossamenti cutanei; sedute numerose.

Depilazione a luce pulsata. E' una tecnica simile a quella del laser, con la differenza che esistono apparecchi a luce pulsata che si possono usare tranquillamente a casa. Attenzione però, a dispetto da quanto si dice, la luce pulsata è una tecnica "permanente" di depilazione, non definitiva: ciò vuol dire che non elimina definitivamente (per sempre) il pelo ma lo elimina in modo permanente e cioè dopo anni potrebbe ricrescere. I macchinari usati da personale medico, comunque, assicurano un risultato più duraturo. Come il laser, la luce pulsata colpisce il bulbo pilifero inibendo (fino a eliminare) la ricrescita del pelo.

Pro: comodità e permanenza del trattamento.
Contro: prezzi ancora piuttosto elevati sia negli studi che degli apparecchi.

Depilazione fai da te. In questa categoria rientrano le tecniche più "classiche" della depilazione, quelle più conosciute. Partiamo dall'epilatore elettrico che estirpa il pelo alla radice assicurando un effetto duraturo. A suo vantaggio la rapidità del trattamento di depilazione; a svantaggio il dolore che provoca lo strappo dei peli. Per chi non ha mai tempo di depilarsi, il metodo più rapido è il rasoio. Ma è da considerarsi l'ultima spiaggia se proprio non avete nemmeno un minuto da perdere: infatti, tagliando il pelo, e non strappandolo alla radice, l'effetto del trattamento dura pochissimi giorni e si vede subito la ricrescita. Lo stesso discorso vale per la crema depilatoria, che agisce in superficie sciogliendo il pelo e quindi richiede una ripetizione frequente dell'operazione.

 

Ceretta. La tecnica più conosciuta, più diffusa, la più tradizionale. Se infatti non vi fidate tanto di aghi, laser e luce pulsata, non tradirete mai la cara, vecchia ceretta. Estirpando il pelo alla radice, questo trattamento di depilazione permette di avere la pelle liscia per circa un mese. Tra strisce già pronte e cere in barattolo c'è differenza. Le prime più rapide da utilizzare ma meno efficaci. Le seconde richiedono più tempo (soprattutto per il fai da te) ma assicurano risultati migliori. Quindi: tecnologia o tradizione? A voi la scelta!

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Jacopo Sartori
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Michael Bublé: 'Ora apprezzo la vita molto di più' confida la moglie sulla guarigione del figlio

La moglie di Michael Bublé, Luisana Lopilato ha diffuso la notizia sulla guarigione del loro figlio, Noah. I due avevano confermato nel 2016 che il figlio fosse affetto da una forma di tumore al fegato. Durante una conferenza stampa in Argentina, Luisana Lopilato ha detto ai giornalisti: “Grazie a Dio, mio figlio sta bene. Quando si ...

 

'La nostra società sta diventando eccessivamente protettiva': intervista a Daniele Fabbri

Abbiamo intervistato il comico Daniele Fabbri, protagonista il 7 aprile al Teatro Douze di Roma con un nuovo significativo show.  D: Il tuo nuovo monologo si intitola “Infarto Cesareo”, cosa lo distingue rispetto ai precedenti? R: La voglia di essere più scemo. Nei miei primi spettacoli ho cercato di esplorare un umor...

 

Care figlie vi scrivo, il libro tra cinema e passione di Marisa Bruni Tedeschi

Care figlie vi scrivo è il libro uscito di recente di Marisa Bruni Tedeschi che racconta una famiglia cresciuta tra il cinema la politica.  Marisa Bruni Tedeschi è pianista, ha vissuto una vita da artista: racconta qui la giovinezza nell'Italia fascista, la morte precoce del padre, l'incontro nel 1952 con il marito Alberto, indu...

 

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 

JK Rowling: via Twitter regala ad una bambina di Aleppo una copia di Harry Potter

JK Rowling ha inviato un libro di “Harry Potter” ad una giovane ragazza siriana di Aleppo. Secondo quanto riportato da Twitter Moment, la ragazza si chiama Bana ed è una bambina di 7 anni che vive nella città nel mezzo della guerra civile siriana. L’obbiettivo della richiesta effettuata dalla madre era distrarla dal...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni