X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione danza Paul Taylor Dance Company: Sospesi fra cielo e terra

13/07/2014 12:30
Recensione danza Paul Taylor Dance Company Sospesi fra cielo terra

Chiude in bellezza, a dispetto della pioggia, la stagione di danza del cinquantasettesimo Festival dei Due Mondi di Spoleto, grazie ad un intenso spettacolo proposto dalla Paul Taylor Dance Company di New York. I suoi danzatori sono apparsi quantomai fisici ed espressivi, riempendo lo spazio di guizzante energia.

Danza - Paul Taylor Dance Company. Non sono cielo. Non sono terra. Volano sospesi a metà. Con la loro danza energica, agile e sinuosa i ballerini della Paul Taylor Dance Company di New York hanno dato prova della propria arte ieri sera, sabato 12 luglio 2014, in quella che è stata la serata conclusiva per la stagione tersicorea 2014 proposta dal cinquantasettesimo Festival dei Due Mondi di Spoleto. Nonostante l'allarme pioggia, che ha causato un ritardo nella messa in scena della terza ed ultima coreografia in programma, la stimatissima compagnia, fondata dall'ormai quasi ottantaquattrenne Paul Taylor un sessantennio fa, ha potuto omaggiare un pubblico a caccia d'emozioni grazie a movimenti emblematici, pregnanti, espressivi.

Paul Taylor. Niente a che vedere con la leggiadria e l'immaterialità del balletto classico. Ma i danzatori della Paul Taylor Dance Company nemmeno sembrano affondare in un suolo che pure sfruttano massimamente per spingersi, respingersi, accucciarsi in pose plastiche capaci d'estatica bellezza. Lo spettatore resta colpito, inizialmente attonito. Di fronte ad una danza che non è né su, né giù. Né ieri, né domani. Ma è presente. E forse è proprio questo che sgomenta ed affascina il pubblico: quella di Paul Taylor appare una danza difficile, perché non consente di abbracciare le dimensioni che ci sono tanto care, in cui il pensiero sfugge in un prima oppure in un dopo. Obbliga a vivere il presente, il qui ed ora, cercando di abbandonarvisi scevri da paure e con mente libera da pregiudizi.

Festival dei Due Mondi. Nella suggestiva cornice del Teatro Romano, la Paul Taylor Dance Company ha profuso il proprio impegno nell'arricchire le meraviglie del Festival dei Due Mondi con uno spettacolo fatto di tre pezzi danzati, tutti rigorosamente coreografati da Paul Taylor in persona. La prima performance s'intitolava “Mercuric Tidings” e creava per così dire musica visiva, offrendo un'exploit di creatività nella composizione delle movenze corporee: tredici danzatori in tute blu aderentissime e screziate con un filo d'arancione prendevano possesso del palco ottenendo l'effetto di una confusione studiata e lirica. Le donne sfoggiavano capelli corti o raccolti, oltre ad orecchini luminosi. Gli uomini erano a torso nudo. Nessuno portava scarpe.

Mercuric Tidings. Sulle sinfonie n. 1 e 2 di Franz Schubert, i ballerini hanno realizzato prese uomo-donna, schemi di gruppo articolati fin nei minimi dettagli. Sono apparsi quantomai fisici ed espressivi, riempendo lo spazio di guizzante energia. “Mercuric Tidings” ha subito manifestato agli spettatori l'originalità delle creazioni performate dalla Paul Taylor Dance Company, una compagnia che sceglie la forza, la potenza, che aggredisce il suolo mostrando il contatto con la terra ed il tormento che può derivarne. I corpi dei danzatori non sono fisici ideali od idealizzati. Seppure atletici, risultano profani, mostrando una grande varietà e talora una prosperità che potrebbe non apparire consona all'idea tradizionale conservata nell'immaginario collettivo di un corpo per la danza.

Coreografia Dust. La seconda perfomance è stata un'impetuosa coreografia chiamata “Dust”, sicuramente il pezzo più apprezzato della serata, perché fortemente originale, ricco di mistero e d'accattivante curiosità. Sulle note del “Concert Champêtre” di Francis Poulene la Paul Taylor Dance Company si è esibita con tute a pelle effetto nudo tattoo in un'esaltazione della corporeità offesa e lesionata. I ballerini si piegavano a terra con fisici che parevano urlare, cercavano lo spazio in maniera quasi disperata, proprio come una qualunque creatura terrena cerca ossigeno vitale. Ora sembravano tentare di colmare il divario esistenziale fra essenza ed immagine. Ora apparivano ciechi e si munivano di corde chiare e teli scuri per trovare una soluzione all'impasse di esistenzialità irrisolte.

Piazzolla Caldera. Per l'ultimo pezzo di danza in programma la Paul Taylor Dance Company ha indossato apposite calzature. Si è trattato di “Piazzolla Caldera”, una creazione che rappresenta un excursus nel cuore del tango contemplando l'incontro-scontro fra i sessi, le fantasie ed i desideri di individui visti nella loro sfaccettatura di predatori sessuali. Un finale ad effetto ha provocato l'applauso finale del pubblico che, il giorno seguente alla rappresentazione, rimane ad interrogarsi sulle suggestioni offerte dallo spettacolo di Spoleto. Su danzatori che sovente strisciano a terra, quasi uomini-marionette trascinati da catene invisibili. Che stanno a testa china o a naso all'insù. A vederli viene da chiedersi come sia meglio vivere. Se fissando il pavimento o guardando il cielo. Comunque si rigiri la questione non si va in Paradiso. Si resta in bilico.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Intervista a Simonetta Spiri: 'è un'eresia pensare che le passioni abbiano un'età'

Simonetta Spiri inaugura il suo nuovo percorso artistico con "Il tempo di reagire", canzone scritta insieme con Mario Cianchi ed Emilio Munda.  La cantante ha guadagnato notorietà grazie alla partecipazione alla settima edizione del talent show "Amici". Nel corso della sua carriera ha pubblicato gli album "Il mio momento" (20...

 

Campioni omaggio: dai concerti ai trucchi il risparmio e la sua storia

Il sistema è ormai saldo: nato nel 1851 negli Stati Uniti grazie a Benjamin T. Babbitt, ora si è diffuso sul web. Tra i siti nazionali di spicco c’è supercampione.it, che grazie ad un lavoro attento e particolarmente minuzioso offre molteplici tipologie di campioni omaggio. In questo caso basta registrarsi in maniera gra...

 

Michael Bublé: 'Ora apprezzo la vita molto di più' confida la moglie sulla guarigione del figlio

La moglie di Michael Bublé, Luisana Lopilato ha diffuso la notizia sulla guarigione del loro figlio, Noah. I due avevano confermato nel 2016 che il figlio fosse affetto da una forma di tumore al fegato. Durante una conferenza stampa in Argentina, Luisana Lopilato ha detto ai giornalisti: “Grazie a Dio, mio figlio sta bene. Quando si ...

 

'La nostra società sta diventando eccessivamente protettiva': intervista a Daniele Fabbri

Abbiamo intervistato il comico Daniele Fabbri, protagonista il 7 aprile al Teatro Douze di Roma con un nuovo significativo show.  D: Il tuo nuovo monologo si intitola “Infarto Cesareo”, cosa lo distingue rispetto ai precedenti? R: La voglia di essere più scemo. Nei miei primi spettacoli ho cercato di esplorare un umor...

 

Care figlie vi scrivo, il libro tra cinema e passione di Marisa Bruni Tedeschi

Care figlie vi scrivo è il libro uscito di recente di Marisa Bruni Tedeschi che racconta una famiglia cresciuta tra il cinema la politica.  Marisa Bruni Tedeschi è pianista, ha vissuto una vita da artista: racconta qui la giovinezza nell'Italia fascista, la morte precoce del padre, l'incontro nel 1952 con il marito Alberto, indu...

 

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni