X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Abiti tecnologici: dai gioielli alle T-shirt

13/07/2014 10:00
Abiti tecnologici dai gioielli alle T-shirt

I braccialetti Jawbone Up già li conosciamo. Ma i chip health monitor e le magliette tecnologiche di OMSignal o Swiss Embassy sono delle novità interessanti. Creativi di tutto il mondo unitevi al movimento maker e partecipate alla Maker Faire!

Jawbone UP. Ci siamo quasi abituati a questo braccialetto che interagisce col nostro smartphone ed il nostro corpo e ci fa un po' da personal trainer durante tutta la giornata. Dal sito dell'azienda: "Up ti aiuta a capire come dormi, ti muovi e mangi in modo che tu possa prendere decisioni migliori. La nuova applicazione visualizza i dettagli relativi a movimenti e sonno dal braccialetto UP24 o UP e fornisce approfondimenti, celebra il raggiungimento di Tappe fondamentali e ti spinge a fare ogni giorno meglio". Tutti i nostri risultati si possono condividere sui social. Questo apparecchietto, gadget per gli amanti degli abiti tecnologici, è già in commercio.


Health monitor. Sono più sottili di un capello ma tecnologici come uno smartphone. Questi microchip sono talmente sottili che sembrano tatuaggi; o meglio, sono dei "quasi" tatuaggi: i circuiti del chip vengono solitamente applicati sulla pelle e ricoperti da una pellicola protettiva. Non sono dei veri e propri abiti tecnologici ma servono fondamentalmente a tenere monitorato il nostro corpo. John Rogers dell'University of Illinois ne ha inventato uno che permette di tenere monitorati da remoto i pazienti degli ospedali e si applica nel modo già spiegato. L'università di Tokyo ha progettato una specie di adesivo completamente impermeabile che si può applicare anche sul palato del paziente. Motorola ha già messo le mani sul progetto di John Rogers: comandi vocali e interazione diretta con lo smarthpone, queste sono le prime indiscrezioni.

Magliette tecnologiche. Per tenere monitorato il nostro corpo si passa dai chip alle magliette. In particolare le magliette di OMSignal, già presentate alla MakerFaire di maggio a Trieste. Sono principalmente abiti tecnologici per il fitness, magliette in particolare, dove i sensori applicati nel tessuto permettono di controllare battito cardiaco, respiro, calorie bruciate e altro ancora. Ma la OMSignal ha creato anche una maglietta per la vita di tutti i giorni, che comunica con il nostro smartphone dicendogli la frequenza del nostro respiro, quanti passi abbiamo fatto, se siamo stressati, tutto tramite un'applicazione chiamata Personal Analytics Record. Tutte le vostre attività monitorate da una maglietta e dal vostro smartphone. Già in commercio sul loro sito.

Magliette tecnologiche, parte seconda. Completamente diverso rispetto a OM Signal è l'approccio di Swiss Embassy e della sua principale fonte d'ispirazione Alison Lewis. Molto più orientati sul connubio moda/tecnologia, creano abiti tecnologici che non siano dei "brutti prototipi" di vestiti, a detta della CEO. Sono morbidi, si lavano tranquillamente senza staccare fili o altro, sono degli abiti normali. Non troppo normali, correggerei. Lucette su magliette e borse fanno quasi da monitor dove si possono visualizzare disegni o scritte fisse o in movimento.

Maker Faire. Gli sviluppatori delle tecnologie sopra citate sono piccoli artigiani che hanno messo a frutto la loro creatività e le competenze tecnologiche e hanno realizzato il loro sogno di "inventori". Questo è il mood dei "makers" che sono gli "hobbysti tecnologici del 21esimo secolo". Sono appassionati di tecnologia, design, sostenibilità. Il movimento dei Maker si basa sulla riutilizzazione e condivisione dei risultati, sulla creatività e sull’innovazione. Si danno appuntamento spesso in giro per il mondo ma ad ottobre si fermeranno in Italia.La prossima tappa italiana di questa fiera internazionale, infatti, si terrà a Roma dal 3 al 5 ottobre. In realtà la Innovation Week che fa da cornice all'evento fieristico, aprirà il 29 settembre e si concluderà sempre il 5 ottobre. Un settimana di dibattiti, incontri e forum dedicati alle nuove frontiere della rivoluzione digitale. Roma ospiterà relatori, tutor e ben 444 makers da tutto il mondo! Che abiti tecnologici ci saranno?

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Jacopo Sartori
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Michael Bublé: 'Ora apprezzo la vita molto di più' confida la moglie sulla guarigione del figlio

La moglie di Michael Bublé, Luisana Lopilato ha diffuso la notizia sulla guarigione del loro figlio, Noah. I due avevano confermato nel 2016 che il figlio fosse affetto da una forma di tumore al fegato. Durante una conferenza stampa in Argentina, Luisana Lopilato ha detto ai giornalisti: “Grazie a Dio, mio figlio sta bene. Quando si ...

 

'La nostra società sta diventando eccessivamente protettiva': intervista a Daniele Fabbri

Abbiamo intervistato il comico Daniele Fabbri, protagonista il 7 aprile al Teatro Douze di Roma con un nuovo significativo show.  D: Il tuo nuovo monologo si intitola “Infarto Cesareo”, cosa lo distingue rispetto ai precedenti? R: La voglia di essere più scemo. Nei miei primi spettacoli ho cercato di esplorare un umor...

 

Care figlie vi scrivo, il libro tra cinema e passione di Marisa Bruni Tedeschi

Care figlie vi scrivo è il libro uscito di recente di Marisa Bruni Tedeschi che racconta una famiglia cresciuta tra il cinema la politica.  Marisa Bruni Tedeschi è pianista, ha vissuto una vita da artista: racconta qui la giovinezza nell'Italia fascista, la morte precoce del padre, l'incontro nel 1952 con il marito Alberto, indu...

 

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 

JK Rowling: via Twitter regala ad una bambina di Aleppo una copia di Harry Potter

JK Rowling ha inviato un libro di “Harry Potter” ad una giovane ragazza siriana di Aleppo. Secondo quanto riportato da Twitter Moment, la ragazza si chiama Bana ed è una bambina di 7 anni che vive nella città nel mezzo della guerra civile siriana. L’obbiettivo della richiesta effettuata dalla madre era distrarla dal...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni