X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Sensational Umbria, Steve McCurry ci mostra la sua Umbria

19/06/2014 19:34
Sensational Umbria Steve McCurry ci mostra la sua Umbria

Sensational Umbria è la mostra del Maestro Steve McCurry, che fino al 5 ottobre presso Palazzo della Penna a Perugia, ci mostra il cuore d'Italia, attraverso il suo obbiettivo.

Sensational Umbria. La mostra, o meglio, il progetto Sesational Umbria è un evento promosso dalla Regione Umbria commissionato al grande fotografo Steve McCurry, che con il suo sapiente occhio, e riuscito a cogliere e comunicare i valori culturali, storici, ambientali e umani della regione cuore d'Italia, una terra di antiche tradizioni, di forti valori umani e magnifici paesaggi.
Il maestro McCurry con le sue 100 opere in esposizione, riesce a cogliere tutto ciò e a trasmettere allo spettatore il fascino indiscusso di questi luoghi, fatti di ricchi sguardi, mani operose e sapienti, luoghi mistici e storie millenarie.

La mostra. L'esposizione presso lo splendido Palazzo della Penna, ha un allestimento, curato personalmente dal Maestro, che risulta già di per se suggestivo e che da un'ulteriore valore aggiunto a tutto l'evento.
Improntato su un forte impatto visivo ed emotivo, l'ambiente in cui è inserita l'esposizione ci appare avvolta nell'oscurità. Una grande stanza buia fa emergere sapientemente le immagini distese sulla pavimentazione, ma dalle quali viene emanata un “mistica” luce.
Ogni opera è inserita in uno scatolato che retro illumina l'immagine. Questo escamotage dona un'atmosfera soffusa all'ambiente e fa emergere maggiormente il lavoro dell'artista, riuscendo così ad avere una definizione di immagine eccellente. Interessante l'idea di realizzare all'interno dello spazio espositivo, due scalinate rialzate, opposte tra loro, tipo antichi cibori, da cui si può ammirare l'intero spazio che ospita le opere, in tal modo il visitatore riesce ad avere una visura d'insieme dello spazio e delle opere.
McCurry nel suo girovagare per la terra d'Umbria ci accompagna e ci fa soffermare in vari luoghi più o meno rinomati e più o meno suggestivi. Perugia e Umbria Jazz, con i suoi musici e la musica vissuta in ogni angolo di strada. Spoleto, il celebre Festival dei 2 Mondi e i personaggi noti che ruotano attorno al mondo del teatro Caio Melisso. I dintorni di Terni con i resti romani di Carsulae, la cascata delle Marmore la più alta d'Europa, le mummie di Ferentillo e le prodezze del rafting.  La componente religiosa di Assisi e Orvieto e le tradizionali feste, da quella rievocativa delle Gaite di Bevagna ai ceri di Gubbio, simbolo della regione stessa. Le opere del Maestro Burri e la Calamità Cosmica di De Dominicis. Senza mancare le botteghe d'arte di vari artisti e le norcinerie del buon gusto.
Insomma, McCurry da uno spaccato completo e vivo del territorio, rimarcando ogni aspetto e componente che definisce la regione Umbria.

Steve McCurry. Il fotografo Steve McCurry è da più di trent'anni, uno dei maestri della luce più rappresentativi contemporanei, con alle sue spalle decine di copertine di riviste e libri, oltre a una dozzina di pubblicazioni e innumerevoli mostre in tutto il mondo.
Natio di Philadelphia, in Pennsylvania, i suoi primi studi artistici sono quelli dedicati al cinema e successivamente inizia a lavorare per un giornale locale. Dopo alcuni anni trascorsi come freelance, intraprende il primo di una lunga serie di viaggi in India. Dopo diversi mesi di viaggio  trascorsi a stretto contatto con i Mujaheddin, McCurry pubblica le testimonianze delle sue prime immagini del conflitto in Afghanistan, rivelando il volto umano di una guerra.
Da allora McCurry ha contribuito a realizzare splendide immagini per documentare il mondo. Il suo lavoro spazia dai conflitti alle culture in via di estinzione, dalle antiche tradizioni fino al mondo contemporaneo, ma nonostante tutto mantiene sempre l'elemento umano al centro del suo mondo, come il suo più celebre scatto de “La ragazza afgana” ci ricorda nella sua iconografica potenza

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Roberto Papi
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 

JK Rowling: via Twitter regala ad una bambina di Aleppo una copia di Harry Potter

JK Rowling ha inviato un libro di “Harry Potter” ad una giovane ragazza siriana di Aleppo. Secondo quanto riportato da Twitter Moment, la ragazza si chiama Bana ed è una bambina di 7 anni che vive nella città nel mezzo della guerra civile siriana. L’obbiettivo della richiesta effettuata dalla madre era distrarla dal...

 

Trolls, i libri che raccontato le creature presenti anche nel film

Vari sono i libri che racconta i Trolls, le creature presenti anche nel film “Trolls” della Dreamworks attualmente nelle sale. “Arrivano i troll!” di Alan MacDonald e illustrazioni di M. Beech mostra le avventure dell’originale famiglia di corpulenti e maleodoranti troll norvegesi che scombina la vita dei nuovi vicini...

 

Dance Dance Dance, l'edizione italiana del talent show debutta a dicembre su FoxLife

L’edizione italiana del talent show “Dance Dance Dance” debutta su Fox Life il 21 dicembre 2016. La nuova produzione originale di Fox Networks Group Italy realizzata da Toro Media vede protagoniste sei coppie di personaggi famosi, chiamate a cimentarsi nella reintepretazione di storiche coreografie tratte da videoclip musicali e ...

 

Nobel per la Letteratura 2016, vince Bob Dylan emblema di nuova espressione poetica

Il 109esimo premio Nobel per la Letteratura è stato vinto da Bob Dylan. Ad annunciarlo è l’Accademia di Svezia, con la motivazione : “i nuovi modi di espressione poetica”. Nel 2016 Bob Dylan ha pubblicato "Fallen Angels", Il primo lavoro è "Bob Dylan" (1962), cui seguirono 35 album come "Planet Waves" (1974),...

 

Dario Fo, il teatro della ragione umana nell'autore scomparso

Dario Fo, attore e scrittore scomparso all’età di 90 anni aveva da poco pubblicato “Charles Darwin. Ma siamo scimmie da parte di padre o di madre?”. Qui lo scienziato e viaggiatore viene proposto come assetato di conoscenza, con anni trascorsi in mare e terre lontane raccogliendo conchiglie, crostacei, coleotteri per studia...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni