X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Mario Missiroli: Torino saluta il gigante del teatro, la camera ardente sarà allestita al Gobetti

20/05/2014 08:20
Mario Missiroli Torino saluta il gigante del teatro la camera ardente sarà allestita al Gobet

Si è spento ieri, all'età di ottant'anni, un indimenticabile lavoratore del teatro, artista ed intellettuale di grosso pregio. Uno dei maggiori direttori che lo Stabile di Torino abbia mai avuto. Ma anche il regista del film "La bella di Lodi".

Mario Missiroli. Ci saluta Mario Missiroli. Un altro grandissimo dello spettacolo se ne va. Giunto ad ottant'anni, l'artista d'origini bergamasche si è congedato ieri dal mondo lasciando nella tristezza quanti l'amano e quanti lo stimano da sempre come regista basilare nella vicenda del teatro italiano del Novecento.

Torino. Mario Missiroli si è spento a Torino, dove dal 1976 al 1984 è stato direttore del Teatro Stabile">Teatro Stabile, portando sul palcoscenico la rappresentazione di opere quali “La mandragola” di Niccolò Machiavelli, “Lo zio Vania” di Anton Čechov, “I giganti della montagna” di Luigi Pirandello.

Gobetti. Domani, mercoledì 21 maggio 2014, verrà allestita la camera ardente presso il teatro Gobetti del capoluogo piemontese, sito in via Gioacchino Rossini n. 8. Chi vorrà potrà recarsi ad omaggiare Mario Missiroli prima della definitiva sepoltura. Il clima è di profondo cordoglio, com'è inevitabile che sia.

Teatro. Mario Massiroli è stato definito uno dei maggiori direttori che lo Stabile di Torino abbia mai avuto ed in effetti è nel settore teatrale che la sua opera si è imposta con incredibile efficacia. Egli ha diretto messinscene di successo come “Verso Damasco” di Strindberg, “Il tartufo” di Molière, “La locandiera”  e “Trilogia della villeggiatura” di Goldoni. È stato originale, innovatore, provocatore.

Movies. Mario Massiroli ha portato il suo contributo anche al cinema italiano con “La bella di Lodi” del 1963, lungometraggio unico fra tutte le movies perché il solo concretizzato dal regista nella sua pur lunga carriera. “La bella di Lodi” è una commedia in bianco e nero interpretata da una Stefania Sandrelli all'epoca diciassettenne.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 
Personaggi correlati
Stefania Sandrelli



Da non perdere






Ultime news
Recensioni