X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Timbuktu: nuovo film di Abderrahmane Sissako, preoccupato perché il mondo sta diventando indifferente all'orrore

16/05/2014 19:21
Timbuktu nuovo film di Abderrahmane Sissako preoccupato perché il mondo sta diventando indiff

In concorso a Cannes una pellicola che parla di jihadisti e sharia, di violenza, imposizioni e paura. Ma sa farlo con grande compostezza, dignità e consapevolezza, senza usare aggressività. Timbuktu è una riuscita miscellanea d'ingredienti dosati.

Timbuktu. S'intitola “Timbuktu” ed è l'ultima pellicola del regista  franco-mauritano Abderrahmane Sissako. Un lungometraggio approdato ieri alla Croisette per cercare d'agguantare l'ambitissima Palma d'Oro riservata all'opera vincitrice del Festival di Cannes 67. Una storia che racconta la problematicità degli esseri umani.

Nuovo film. Il nuovo film “Timbuktu” nasce da un'idea venuta al cinquantaduenne Sissako dopo la lapidazione di una coppia accaduta in Mali, lo stato dell'Africa occidentale senza sbocchi sul mare in cui il regista vive. In seguito a simile atrocità, successa in un piccolo villaggio, Abderrahmane è rimasto davvero impressionato, anche perché nessuno ne ha parlato, come se si trattasse di una cosa normale e non di un'inammissibile barbarie.

Abderrahmane Sissako.  Abderrahmane Sissako, nativo di Kiffa, in Mauritania, ha già al suo attivo film come “La vie sur terre” (1998), “Aspettando la felicità” (2002), “Bamako” (2006), e con “Timbuktu” vuole dire al mondo che  la terra non è di nessuno, però appartiene a tutti.

Orrore. Secondo Sissako, un buon regista deve portare all'attenzione della collettività tematiche che magari vengono tralasciate dai mezzi di comunicazione di massa, specialmente se si lavora in territori difficili come ad esempio è l'Africa. Il regista è preoccupato perché ha l'impressione che il mondo stia divenendo indifferente all'orrore.

Movies. Ancora è presto per dire come si piazzerà “Timbuktu” al concorso di Cannes, ma certo è un film che fa riflettere. Narra della presa di potere di un gruppo di jihadisti che obbligano la sharia.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 
Altri articoli Home

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 

Film più visti della settimana, la novità è 'American Assassin'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 15 al 17 settembre 2017 conferma il primo posto per “IT”, tratto dal romanzo di Stephen King (218.710.619 dollari): la creatura malvagia che uccide i bambini della città è tornata, mentre sette abitanti cercano di eliminarlo. Al secondo posto entra “Ameri...

 

'Meg', l'horror con protagonista Jason Statham arriva nel 2018

Ha dovuto aspettare due decenni, ma Steve Alten avrà finalmente la soddisfazione di vedere il proprio best-seller trasformato in un horror da 150 milioni di dollari con Jason Statham nei panni del protagonista. In un primo momento “Meg” sarebbe dovuto uscire il 2 marzo 2018, ma poi la Warner Bros ha deciso di rimandarlo al 10 ag...

 

Red Sparrow, prime immagini del film thriller con Jennifer Lawrence

È stato diffuso il primo trailer del film “Red Sparrow”, diretto da Francis Lawrence (leggi l’articolo sul film). Nelle immagini appare la protagonista Dominika (Jennifer Lawrence) mentre attende nella prova camera. Seguono degli omicidi: in realtà lei è reclutata dalla Sparrow School, un servizio segreto di ...

 

L'imperatrice Caterina, il film dalle potenti passioni con Marlene Dietrich

L'imperatrice Caterina (“The Scarlet Empress”) è il film del 1934 di Josef von Sternberg che usciva in questi giorni nelle sale statunitensi. La giovane principessa tedesca, Sophia Frederica (Marlene Dietrich) è scelta dalla regina Elisabetta di Russia per sposare il nipote, il principe Pietro (Sam Jaffe), così da ...

 

Tutti i soldi del mondo, prime immagini del film di Ridley Scott

È stato pubblicato il primo trailer del film “Tutti ii soldi del mondo”, diretto da Ridley Scott. Nelle immagini si mostra il giovane Paul Getty III (Charlie Plummer) mentre viene rapito a Roma. Uno dei rapinatori - interpretato da Romain Duris - chiama la madre del ragazzo, Gail (Michelle Williams) e chiede 17 milioni di dollar...

 

I vip con più matrimoni alle spalle

Spesso si pensa che le persone famose abbiano molto di più degli altri e senza dubbio ciò è vero almeno per quanto riguarda i matrimoni e i divorzi, dal momento che pochi vip sono riusciti a rimanere sposati con la stessa persona per tutta la vita. Il leggendario sassofonista Louis Armstrong è convolato a nozze quattro v...

 

Recensione del film 'White Sun', la lotta alla casta acclamata dalla critica

“White Sun” (”Seto Surya”) è il film di Deepak Rauniyar ben accolto dalla critica statunitense. L’ex partigiano anti-regime Chandra (Dayahang Rai) deve raggiungere il suo villaggio, per partecipare ai funerali del padre. Il luogo è sperduto tra le montagne, e da dieci anni Chandra non fa visita ai suoi c...

 

La battaglia dei sessi, immagini dell'anteprima con Emma Stone

Nelle immagini che mostriamo ci sono i protagonisti de film “La battaglia dei sessi”, presentato al Toronto Film Festival (leggi l'articolo sul film). La storia è quella della partita di tennis del 1973 tra il numero uno del mondo, la tennista Billie Jean King (Emma Stone) e l’ex campione Bobby Riggs (Steve Carrel). Nelle...

 

Recensione del film 'The Tribunal': matrimonio, fede e triangoli amorosi

Non è facile recensire un’opera come “The Tribunal”, perché si tratta così chiaramente di un film a tesi che diventa un’impresa non da poco il giudicarne gli aspetti cinematografici ignorando il messaggio che il prodotto è stato appositamente pensato e creato per veicolare. Ma procediamo con ordi...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni