X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Timbuktu: nuovo film di Abderrahmane Sissako, preoccupato perché il mondo sta diventando indifferente all'orrore

16/05/2014 19:21
Timbuktu nuovo film di Abderrahmane Sissako preoccupato perché il mondo sta diventando indiff

In concorso a Cannes una pellicola che parla di jihadisti e sharia, di violenza, imposizioni e paura. Ma sa farlo con grande compostezza, dignità e consapevolezza, senza usare aggressività. Timbuktu è una riuscita miscellanea d'ingredienti dosati.

Timbuktu. S'intitola “Timbuktu” ed è l'ultima pellicola del regista  franco-mauritano Abderrahmane Sissako. Un lungometraggio approdato ieri alla Croisette per cercare d'agguantare l'ambitissima Palma d'Oro riservata all'opera vincitrice del Festival di Cannes 67. Una storia che racconta la problematicità degli esseri umani.

Nuovo film. Il nuovo film “Timbuktu” nasce da un'idea venuta al cinquantaduenne Sissako dopo la lapidazione di una coppia accaduta in Mali, lo stato dell'Africa occidentale senza sbocchi sul mare in cui il regista vive. In seguito a simile atrocità, successa in un piccolo villaggio, Abderrahmane è rimasto davvero impressionato, anche perché nessuno ne ha parlato, come se si trattasse di una cosa normale e non di un'inammissibile barbarie.

Abderrahmane Sissako.  Abderrahmane Sissako, nativo di Kiffa, in Mauritania, ha già al suo attivo film come “La vie sur terre” (1998), “Aspettando la felicità” (2002), “Bamako” (2006), e con “Timbuktu” vuole dire al mondo che  la terra non è di nessuno, però appartiene a tutti.

Orrore. Secondo Sissako, un buon regista deve portare all'attenzione della collettività tematiche che magari vengono tralasciate dai mezzi di comunicazione di massa, specialmente se si lavora in territori difficili come ad esempio è l'Africa. Il regista è preoccupato perché ha l'impressione che il mondo stia divenendo indifferente all'orrore.

Movies. Ancora è presto per dire come si piazzerà “Timbuktu” al concorso di Cannes, ma certo è un film che fa riflettere. Narra della presa di potere di un gruppo di jihadisti che obbligano la sharia.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 

Altri articoli Home

Paul Verhoeven, iniziate le riprese del nuovo film sul lesbismo

Paul Verhoeven ha iniziato le riprese del nuovo film, “Blessed Virgin” tratto da una storia vera (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Si tratta della cronaca della vita della controversa suora italiana Benedetta Carlini, nata a Vellano nel 1591 e morta a Pescia nel 1661. Ad interpretare la suora è Virginie Efira, ch...

 

Lo stato dell'Unione, il film classico sui rischi dell'ambizione in politica

Lo stato dell'Unione (“State of the Union”) è il film classico di Frank Capra che usciva nelle sale in questi giorni /negli Stati Uniti il 30 aprile 1948). Kay Thorndyke (Angela Lansbury) è chiamata a casa di suo padre, l’editore di giornali Sam Thorndyke che sta morendo. L’uomo racconta come il partito r...

 

The Circle, immagini della première di New York del film con Emma Watson e Tom Hanks

Nelle immagini che proponiamo ci sono gli interpreti del film “The Circle” alla première di New York, durante il Tribeca Film Festival (leggi l'intervista alla responsabile del Tribeca Film Festival) . Ci sono i protagonisti Emma Watson e Tom Hanks, gli attori Karen Gillan e Amir Talai. È presente anche l’attore del...

 

Recensione del film Uncertain, il lago delle 94 vite

Uncertain è il film di Ewan McNicol e Anna Sandilands che è uscito a marzo 2017 negli Stati Uniti. Dopo aver ottenuto il premio al Tribeca Film Festival del 2015, è stato presentato al Museo MoMa di New York ed è stato acclamato dalla critica. Uncertain è un paese di 94 abitanti al Harrison County nel Texas, al c...

 

Jonathan Demme, scrisse anche un libro il regista scomparso

Jonathan Demme, il regista scomparso oggi a New York aveva raccontato il suo rapporto con lo sceneggiatore di "Philadelphia" in un libro ripubblicato di recente. Si tratta di "Blue Days, Black Nights: A Memoir of Desire". Negli anni immediatamente dopo la sua candidatura agli Academy Award per "Philadelphia", lo sceneggiatore Ron Nyswaner affronta...

 

La Moglie di Frankenstein, forse il remake Universal ha il suo regista

Stando a “Deadline” Bill Condon, regista dell’adattamento live-action de “La Bella e la Bestia” che ha fatto incassare alla Disney più di un miliardo di dollari in tutto il mondo, è stato contattato per sviluppare il remake de “La Sposa di Frankenstein”, pietra miliare del cinema horror che &l...

 

Marilyn Monroe, la casa di West Los Angeles in vendita per 6,9 milioni di dollari

La casa di Marilyn Monroe di Brentwood è tornata in vendita, per la cifra di 6,9 milioni di dollari. L’attrice la acquistò per una somma di 90.000 dollari all'inizio del 1962, in una zona appartata di West Los Angeles. L’abitazione è grande 243 metri quadrati, con una residenza principale e una dependance per gli ...

 

Recensione del film L'amore criminale

L’amore criminale (“Unforgettable”) è il film di Denise Di Novi con Rosario Dawson, Katherine Heigl e Geoff Stults. Nella scena in cui Tessa Connover (Katherine Heigl) cerca di far restare la figlia Lily su un pericolo cavallo, e la nuova compagna del marito Julia Banks (Rosario Dawson) la dissuade si mostra già la ...

 

Elton John: il produttore di 'Gnomeo & Juliet: Sherlock Gnomes' è in via di guarigione

Elton John, il cantate e produttore inglese ha rischiato la vita per aver contratto un’infezione batterica in Sud America. “Durante un recente tour di successo del Sud America, Elton ha contratto un'infezione batterica dannosa e insolita”, ha affermato un portavoce dell’artista in un comunicato diramato lunedì 24 apr...

 

Film più visti della settimana: 'Fast & Furious 8' e 'Baby Boss' mantengono immutata la classifica

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 21 al 23 aprile 2017 conferma al primo posto il film “Fast & Furious 8” (“The Fate of the Furious”, 163.304.635 dollari): Dom Toretto a causa di una seducente Cipher tradisce la famiglia e gli amici tentano di redimerlo (leggi la recensione). Al secondo posto...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni