X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Atlantide tra mito, leggenda e realtà: il mistero della città perduta

01/04/2014 14:35
Atlantide tra mito leggenda realtà il mistero della città perduta

Atlantide è considerata la madre di tutte le civiltà antiche, il sito più importante della storia: mito o realtà?

Atlantide - La leggenda narra di una misteriosa città sprofondata in fondo al mare. I dialoghi di Timeo e Crizia di Platone sono l'unico documento di riferimento sul mito di Atlantide: una civiltà incredibilmente avanzata di grande bellezza architettonica, con un esercito e una flotta navale imponente. La città scompare, secondo la cronaca di Platone, inghiottita dal mare nell'arco di un giorno e di una notte.
Leggenda o storia, la descrizione del filosofo greco a riguardo è dettagliata: Atlantide è un regno insulare con anelli di terra e porti circolari, situata oltre le Colonne d'Ercole - nell'odierno Stretto di Gibilterra. L'isola scompare a causa di uno spaventoso cataclisma con terremoti e inondazioni.

Libri Antico Egitto: Re Narmer e la dinastia Zero

Atlantide in Grecia - Secondo molti, Platone si riferisce ad Atlantide situata sotto le rovine argillose di Creta: la civiltà minoica, con i suoi templi e il suo palazzo decorato al centro dell'isola, corrisponderebbe alla descrizione del regno perduto. Nella complessa architettura dell'acropoli di Cnosso, ci sono le tracce della simbologia atlantidea del toro di cui parla Platone: animale sacro che vaga libero, adorato dai sacerdoti e sacrificato agli dei. Inoltre, nella vicina isola vulcanica di Santorini, circa 3600 anni fa, si attesta una delle eruzioni più potenti della storia dell'umanità. I terremoti e le attività vulcaniche di Santorini avrebbero prodotto degli tsunami abbattutisi sulla costa settentrionale di Creta: le nubi di cenere coprono il sole per giorni e giorni provocando importanti disagi nell'economia degli antichi abitanti di Creta. La presenza di pomice vulcanica sull'isola sarebbe la prova inconfutabile dell'antico tsunami. Tuttavia, lo sprofondamento di Atlantide in mare mal si concilia con gli scavi archeologi che, invece, attestano l'attività di ricostruzione da parte dei minoici. Il cataclisma, dunque, non ha significato la fine della loro civiltà.

Libri mitologia norrena: Thor 

Atlantide in Spagna - Le ricerche più recenti indicano che Atlantide fosse ubicata nel sud della Spagna, nel parco nazionale di Doñana: qui, un tempo, esisteva una enorme baia. È la più grande palude della Spagna meridionale, sotto cui ci sarebbe la civiltà perduta di Atlantide. La teoria è resa pubblica negli anni Venti e viene, successivamente, resuscitata da Rainer Kuehne. Grazie alle immagini satellitari e con l'ausilio delle tecniche archeologiche di ultima generazione, gli studiosi hanno le prove della sagoma di una città portuale con tre cerchi concentrici: una grande baia con grandi banchi di sabbia creati nel tempo e sui quali poi è sorta una città. Ci sono, inoltre, evidenze che lungo questa costa, al tempo, si sarebbe abbattuto un violento tsunami.
I ricercatori azzardano che sotto la superficie del parco di Doñana siano sepolti due misteri in uno: da una parte, quello platonico di Atlantide, dall'altra, quello biblico inerente alla città di Tarshish, menzionata nella bibbia, di cui, in realtà, si sospetta sia un altro nome per la città di Tartessos: secondo i testi antichi a disposizione,Tarshish e Tartessos sarebbero entrambe sorte nella Spagna meridionale, entrambe sono raccontate come città portuali predilette per i loro metalli, ubicate alla fine del mondo conosciuto, per raggiungerle occorre un viaggio di 3 anni. Entrambe le città, infine, scompaiono misteriosamente dalla cronache bibliche.
Tuttavia, anche Platone parla delle ricchezze minerarie di Atlantide, tra cui l'oricalco, un metallo leggendario “che brilla come il fuoco” - rame di montagna secondo alcuni. La vicinanza delle miniere del Rio Tinto, indica che gli abitanti di Tartessos sfruttassero questi depositi abbondanti in tutta l'area.

Libro Capitano Kidd: la storia del pirata e del suo leggendario tesoro

Atlantide per Tartessos - La vicinanza di questi depositi rende la città mineraria di Tartessos una possibile candidata per Atlantide?
Gli indizi a riguardo sono:
la datazione al radiocarbonio dei manufatti trovati sotto la palude del parco Doñana (da 5000 A.C. fino ad approssimativamente a 2000 A.C.);
la presenza di un porto di acqua profonda che anticamente continuava fino al centro della palude;
la presenza di muri da opera dell'uomo rilevati sotto il mare;
presenza di un misterioso strato di metano, sigillato a circa 6-9 metri sotto la superficie: gas creato da materia organica: se la civiltà di Atlantide fosse sprofondata improvvisamente qui, si potrebbe trovare un enorme deposito di gas intrappolato sotto la superficie.
Sebbene altri fattori possono spiegare l'origine del gas, la sua presenza insieme alla lunga storia di tsunami di questa costa aggiungono valide prove a favore di uno tsunami abbattutosi su questo sito seppellendo la città. Sono tutte prove importanti a favore di Atlantide sepolta in questa parte del mondo, tuttavia, necessiterebbero di uno scavo mirato: operazione complessa e costosa per la presenza della falda acquifera proprio sotto la superficie.

Manoscritto Voynich

Atlantide in miniatura - Una fondamentale scoperta del XX secolo collega il parco di Doñana al mistero di Atlantide: Cancho Roano. Tra gli anni 70 e 80, gli archeologi portano alla luce una serie di villaggi preservanti la diversa cultura di Tartessos rispetto alle culture circostanti: è la cultura del sud che le ultime ipotesi dei ricercatori indicano fosse quella di Atlantide.
Come si spiega che queste rovine antiche siano a 200 km dalla costa? Qualche evento le ha spostate dal luogo di origine. Tuttavia, queste rovine non includono significative aree residenziali: presentano poche abitazioni, ma molti templi e, soprattutto, un significativo fossato intorno, realizzato a caro prezzo, che non ha funzione strategica né scopo difensivo. Sembra, invece, abbia valore simbolico: ricordare alla gente la propria origine. Si ritiene, infatti, che Cancho Roano sia un sito commemorativo in onore del regno perduto di Atlantide: una città rituale, una riproduzione in miniatura di Atlantide. Cancho Roano non è la sola città rituale trovata, ne esistono altre nella zona.

La macchina di Anticitera, gioiello di ingegneria capace di sfidare il XXI secolo

Quale prova lega Cancho Roano ad Atlantide - Le rovine dell'entroterra sono collegate alla città perduta lungo la costa grazie alla presenza di una pietra: l'ardesia che non si trova a nord, bensì a sud. Dunque, a nord è stata trasportata. L'ardesia rappresenta un indizio incontestabile, ma c'è di più: il sancta sanctorum al centro di Cancho Roano ricorda il tempio di Poseidone, menzionato negli scritti di Platone su Atlantide. Qui avvengono tutti i rituali sacri.
La storia di Atlantide giunge alle orecchie di Platone tramite il legislatore greco Solone, il quale, a sua volta l'apprende dagli antichi sacerdoti egizi - sembra, infatti, che gli Antichi Egizi fossero in contatto con gli Atlantidei: ebbene, nel punto più sacro di Cancho Roano, c'è un simbolo faraonico risalente a circa 3500 anni fa. Si tratta di un simbolo metallurgico e nei documenti storici sono tre le città famose per loro maestria con il metallo: Tarshish, Tartessos e Atlantide. In conclusione, questo simbolo metallurgico potrebbe rappresentare la prova definitiva di tre nomi diversi per una stessa città: Atlantide.
Infine, esiste un manufatto, un antico intaglio che rappresenta il simbolo della città perduta, uno straordinario indizio in pietra di quello che si voleva commemorare, ritrovato all'entrata di Cancho Roano e in molte altre città rituali: raffigura una città di cerchi concentrici con una entrata, una uscita, un tempio centrale (di Poseidone) e un guerriero che sguaina la propria spada a guardia della città.
Cancho Roano è un modello in scala, costruito a memoria della città perduta: una città con canali centrali e un corso di acqua che conduce al centro. In questo tratto paludoso della Spagna meridionale sarebbe, dunque, sepolto il mistero di Atlantide?

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 



Altri articoli Home

Kiss, The demon 1: Dynamite comics lancia il prequel della nuova seria

Dynamite Comics ed il Rock disegnato. Questo è il connubio che porta ad un nuovo fumetto che ha sullo sfondo e come ispiratrice la rock band fondata nel 1973 a New York. Kiss, The demon è il prequel della prima serie che ha visto i protagonisti impegnati in una storia sci-fi che li proiettava nella città di Blackwell. In quest...

 

Final Fantasy XV, recensione videogame per PS4 e Xbox One: la rinascita della serie

Final Fantasy XV è un videogioco action RPG sviluppato da Square Enix e distribuito da Koch Media. La serie rappresenta da anni un marchio conosciuto e apprezzato in ogni parte del mondo, per fan di vecchia data e nuovi utenti, che si avvicinano per la prima volta al titolo giapponese o ai film ispirati all’universo di Final Fanta...

 

Fairy Tail Zero: le origini della gilda

Fairy Tail Zero le origini della gilda narra le vicende che hanno portato alla formazione della gilda così come emerge nella storia raccontata nella nota saga di Fairy Tail. Una storia di amicizia ma anche di malia con protagonista Mavis che ritorna in questo prequel nel quale viene descritta la formazione della sua personalità. Riusc...

 

DC Comics nuova serie a fumetti: Injustice: Gods Among Us - Ground Zero

DC Comics ha annunciato il lancio di una nuova serie di fumetti che ha come personaggio protagonista Harley Quinn, salito all’attenzione del pubblico con il recente film Suicide Squad uscito nelle sale lo scorso agosto ed interpretato da Margot Robbie. Injustice: Gods Among Us - Ground Zero 1 è il titolo del primo episodio della nuova...

 

Recensione La quarta variazione, il primo fumetto di AlbHey Longo per Bao Publishing

“La quarta variazione” è il primo fumetto di AlbHey Longo pubblicato dalla casa editrice Bao Publishing. Questo nuovo fumetto è uscito nei primi giorni di novembre e come tanti altri albi era stato presentato in anteprima a Lucca Comics and Games. È stato pubblicato dalla Bao nella collana “Le città vis...

 

Catwoman: Election Night n.1 una nuova serie pubblicata dalla DC Comics nella città di Gotham

“Catwoman: Election Night” n.1 è una delle novità per questo mese di novembre della DC Comics. il personaggio di Catwoman negli ultimi tempi è stato lasciato un po’ da parte e con questo nuovo numero uno hanno voluto rilanciare il personaggio. Nell’albo troviamo, oltre alla prima storia di questa nuova s...

 

Amnesia Collection, recensione videogame per PS4: la paura del buio

Amnesia Collection è un videogioco horror in prima persona, sviluppato da Frictional Games e distribuito da Sony su PS4. L’arrivo per la console giapponese avviene dopo sei anni dall’uscita su PC del titolo originale, apripista del filone horror in soggettiva, che ha segnato negli ultimi anni il mercato videoludico con decine e d...

 

Assassin's Creed The Ezio Collection, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Assassin’s Creed The Ezio Collection è un videogioco sviluppato e pubblicato da Ubisoft, un'edizione che racchiude al suo interno le avventure rinascimentali e italiane di Ezio Auditore, indimenticato personaggio di una serie capace di vendere oltre cento milioni di copie in tutto il mondo. Le esperienze vissute con il protagonista pi&...

 

Recensione Ricomincia da qui, graphic novel scritta da Ste Tirasso pubblicata dalla Bao Publishing

“Ricomincia da qui” è la prima graphic novel pubblicata dall’autore Ste Tirasso. Questo albo è stato edito dalla casa editrice Bao Publishing il 20 ottobre scorso. Questo fumetto si inserisce nella collana della casa editrice “Le città viste dall’alto”. Anche “Ricomincia da qui” c...

 

Missions of Love il nuovo manga della Star Comics scritto da Ema Toyama

Missions of Love è il nuovo manga che verrà pubblicato il prossimo 23 novembre per la casa editrice Star Comics. Questo è il nuovo lavoro della scrittrice di manga giapponese Ema Toyama. Il manga è di genere shojo, cioè gli albi indicati per il genere femminile di età compresa tra i dieci e i diciotto anni....

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni