X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Libri Antico Egitto: Re Narmer e la Dinastia Zero

06/03/2014 15:47
Libri Antico Egitto Re Narmer la Dinastia Zero

La civiltà dell'Antico Egitto è la più longeva della storia: ha elaborato nozioni scientifiche e costruito monumenti la cui eredità sopravvive ai giorni nostri. Una tavoletta di 5000 anni fa ne attesta il certificato di nascita con la nascita della Dinastia Zero: la sua scoperta ha confuso per decenni gli archeologi.

Egittologia, una Savana nel deserto del Sahara - Nell'altopiano di Gilf Kebir è stata scoperta una grotta con immagini di 9000 anni fa: sono i più grandi dipinti preistorici giunti fino a noi? Le incisioni raffigurano strane creature, scene di ballo, cacciatori, animali come antilopi, struzzi e giraffe che non vivono nel deserto. Strati di detriti e depositi di un antico lago attestano che all'epoca, in pieno Sahara, il clima è diverso: al posto del deserto c'è una Savana. L'ipotesi è che l'avanzare del deserto abbia spostato le popolazioni verso la valle del Nilo dove si stabiliscono e diventano civiltà più longeva della storia.

Il Nilo - L'alta e la bassa marea determina il benessere della popolazione. L'Isola di Elefantina è il luogo sacro più antico d'Egitto: qui si venera Satet, dea delle maree. Per gli Antichi Egizi, il Nilo scorre a seconda della benedizione della divinità. Il re è decisivo in questo processo: intermediario tra gli dei e gli uomini, si assicura il favore delle divinità tramite riti propiziatori.
A Khartoum, il Nilo Azzurro confluisce nel Nilo Bianco per formare il fiume più lungo del mondo. Una volta all'anno, d'estate, il Nilo straripa seminando abbondanza o distruzione a seconda del livello delle precipitazioni. I primi coloni imparano in fretta a convivere con le maree. I discendenti della Dinastia Zero realizzano persino un “nilometro” per prevedere il livello dell'acqua - non deve straripare né poco né troppo - e calcolare le tasse imposte agli agricoltori.
I residui che annualmente il Nilo deposita producono l'agricoltura più ricca del pianeta e vengono utilizzati nell'edilizia: il fango del Nilo è un dono prezioso gestito con la costruzione di dighe e canali di irrigazioni attraverso metodi usati ancora oggi. Ai tempi della Dinastia Zero c'è grano sufficiente per sfamare un'intera popolazione: è un prodotto di esportazione e di scambio in una civiltà fondata sulla cooperazione e la specializzazione del lavoro.
Il Nilo rappresenta anche la via di trasporto attraverso cui raggiungere ogni villaggio per mezzo della imbarcazioni – si naviga verso sud sfruttando il vento, verso nord con la corrente: modelli di imbarcazioni sono ritrovati nelle tombe a testimonianza della loro importanza. Tutti ne possiedono una, quelle piccole di papiro servono a spostarsi da una sponda all'altra del fiume, quelle grandi - realizzate con asse di legno assemblate con una tecnica per tagliare le onde - uniscono il Paese.

Libro Capitano Kidd: la storia del pirata e del suo leggendario tesoro

La tavoletta di Narmer - L'Egitto del Nord è costituito dai Principati del Delta, a sud c'è il Regno di Narmer. La tavoletta di Narmer, scoperta alla fine dell'Ottocento, racconta del re Narmer che occupa i principati del Delta e li annette al suo regno dando inizio alla Dinastia Zero: raffigura il re che colpisce il nemico con la sua ascia da guerra, mentre un altro prigioniero è trascinato per il naso e dei papiri - simbolo del Basso Egitto - escono dalla sua schiena. La tavoletta narra di un atto di forza, ma alcuni egittologi sono più propensi a credere che i vari capi tribù abbiano lottato tra loro per generazioni. Altri, invece, ipotizzano che l'Antico Egitto, come lo conosciamo oggi, sia il risultato di un lungo periodo di assimilazione tendenzialmente pacifica.

Abido, città sacra - Qui, sepolcri più antichi, risalenti a 4000 anni fa, convivono con le tombe dei faraoni. In questo antico cimitero, gli archeologi scoprono la tomba di re Narmer: è modesta, in un fossato circondato da muri di mattoni, non sembra progettata per cavalcare indenne i millenni. Queste considerazioni mettono in crisi gli Egittologi: il sepolcro di re Narmer, fondatore del regno unificato, è sospettosamente anonimo rispetto alle tombe epiche dei faraoni, tanto potenti da essere considerati delle divinità, progettate grazie alla manodopera di migliaia di schiavi soltanto alcuni secoli dopo.

Libri mitologia norrena: Thor, il mistero di un armamento di ultima generazione

La battaglia di Narmer - La tavoletta documenta una battaglia che ha diviso gli storici per molto tempo. Ritrovata a 250 km a sud di Abido, a Hierakonpolìs, Alto Egitto, nel tempio della ribattezzata Nekhen: è il più grande centro abitato dell'epoca per cinque secoli. Il deserto riporta alla luce fabbriche di birra e panifici, un cimitero riservato alle élite con circa 200 tombe dove sono sepolti anche antilopi, due elefanti e alcuni cani simboleggianti il potere, la ricchezza e il controllo sulla natura. La città si estende cinque km lunghe le rive del Nilo, ha una fiorente economia basata sul commercio e la cooperazione. Non sembra dedita alla guerra.
La tavoletta, tuttavia, contiene molti dettagli per una rappresentazione meramente simbolica. E il ritrovamento di altri reperti chiariscono i dubbi in merito: un minuscolo pezzo di argilla con la data di una consegna di un carico di olio nell'anno in cui Narmer sconfigge il popolo del papiro - all'epoca, gli Egizi contano gli anni in base a episodi importanti, in questo caso, la battaglia di Narmer - e molte incisioni su pietra disseminate in molte regioni narranti una stessa storia, un re che raggiunge ogni angolo d'Egitto.
All'epoca, le rotte commerciali verso l'Oriente per il delta acquistano importanza: il dominio del nord è necessario per sviluppare l'attività mercantile. La battaglia di Narmer, mai documentata, sembra aver avuto luogo: 5000 anni fa, essa unifica e trasforma l'Egitto da qualche parte del delta del Nilo.

Manoscritto Voynich, la chiave del mistero tra Milano e Venezia

La mazza cerimoniale di Narmer, scoperta insieme alla tavoletta, rappresenta una sfilata vittoriosa con Narmer incoronato e seduto su un baldacchino. Dietro il re, giungono i portatori di emblemi. Un geroglifico ne attesta il bottino: centoventimila prigionieri, un milione di capre, quattrocentomila capi di bestiame.
Sulla tavoletta il re osserva le vittime: sono decapitati e castrati, segno di una strategia di guerra condotta anche da un punto di vista psicologico. Sulla parte anteriore, Narmer porta la corona (bianca) dell'Alto Egitto, sul retro quella (rossa) del Basso Egitto: probabilmente ha portato a termine ciò che i suoi predecessori hanno iniziato: il fiore di loto, simbolo del sud, si unisce al papiro, simbolo del nord. Il Regno di Narmer segna un punto di svolta, il passaggio dal periodo predinastico a quello dinastico lungo tremila anni e trentuno dinastie faraoniche.
L'Antico Egitto diventa il primo impero e il primo stato territoriale della storia.

Pubblicazioni - Per approfondire l'argomento: “La nascita dello Stato nell'Antico Egitto: la Dinastia Zero” di Silvia Vinci (La Mandragola), “Prima delle Piramidi. Alle origini della civiltà Egizia” di Natale Barca (Ananke), “L'Antico Egitto. Storia di un Impero millennario” di Toby Wilkinson (Einaudi), “Il grande libro dell'Antico Egitto” di Alessandro Bongioanni (DeAgostini), “Antico Egitto” di Salima Ikram (Ananke), “Archeologia dell'Antico Egitto” di Kathryn Bard (Carocci), “Complessi piramidali Egizi Vol. 5: Necropoli di Abido, Abusir Zawiet el Aryian” di Riccardo Manzini (Ananke).

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 

Altri articoli Home

Dragon Ball FighterZ, anteprima videogame per PS4 e Xbox One

Dragon Ball FighterZ è il picchiaduro in 2D di una delle saghe più famose e apprezzate nel mondo, con una nutrita di schiera di fan anche nel nostro territorio. Il ritorno del franchise ci trasporta su terreni di scontro in due dimensioni, per un videogioco veloce e spettacolare, sia dal punto di vista del gameplay che dal lato pretta...

 

Recensione film Atomica Bionda: colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare

Atomica Bionda trae origine dal fumetto The Coldest City scritto ed illustrato da Antony Johnston e Sam Hart. Il film diretto da David Leitch ed interpretato tra gli altri da Charlize Theron, Sofia Boutella e James McAvoy, è ambientato nella Berlino della guerra fredda, durante le sommosse che hanno portato all’abbattimento del muro e ...

 

Days Gone, anteprima videogame Sony per PS4

Days Gone è un videogioco d’azione ambientato in un mondo aperto, un’enorme mappa dove sopravvivere a gruppi di nemici umani e orde di zombie. La presentazione di due anni fa, all’E3, aveva mostrato un titolo dalle tinte avvicinabili a The Last Of Us, ma dai connotati decisamente più survival, con decine di non morti...

 

Recensione L'ultimo giorno in Vietnam, un bellissimo fumetto di Will Eisner pubblicato da 001 Edizioni

L'ultimo giorno in Vietnam è un bellissimo fumetto scritto e disegnato dalla leggenda della nona arte Will Eisner. All’interno dell’albo si trovano diverse storie raccolte in modo casuale, senza seguire una linea temporale, dallo stesso Eisner. La casa editrice 001 Edizioni ha deciso di ripubblicare nei primi giorni di luglio que...

 

Recensione Rise of the Black Flame il fumetto scritto da Mike Mignola per Dark Horse Comics

Rise of the Black Flame è il nuovo fumetto pubblicato dalla casa editrice Dark Horse Comics, che unisce tutti e cinque i numeri di questa incredibile serie uscita lo scorso anno. Grazie al grande successo ottenuto, la casa editrice ha deciso di pubblicare l’intera storia in un unico volume. All’interno di questo bellissimo albo, ...

 

Final Fantasy XII: The Zodiac Age, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Final Fantasy XII: The Zodiac Age è la riedizione di un videogioco particolare, un capitolo fatto di ottime idee e importanti innovazioni all’interno di quello che era a suo tempo il brand di Final Fantasy. La saga si era sempre poggiata su un sistema di combattimento a turni ed incontri casuali, peculiare dei giochi di ruolo a stampo ...

 

Wolfenstein II: The New Colossus, anteprima videogame Bethesda per PS4 e Xbox One

Wolfenstein II: The New Colossus è il videogioco sviluppato da MachineGames e pubblicato da Bethesda Softworks, il seguito di uno dei migliori sparatutto degli ultimi anni, lo storico ritorno del tenente B.J. Blazkowicz. La saga ha segnato un intero genere, oltre che l’industria videoludica, con l’uscita nel lontano 1992 di quell...

 

Recensione Wonder Woman l'Amazzone della collana Grandi Opere DC di Jill Thompson

Wonder Woman L’Amazzone è stato pubblicato all’interno della collana Grandi Opere DC e in Italia distribuito dalla Lion divisine di RW Edizioni. Questa nuova storia ci porta alle origini dell’eroina più famosa dell’universo DC Comics, com’è nata e da dove vengono i suoi grandi poteri, ma soprattutt...

 

Recensione The Interview la nuova graphic novel di Manuele Fior di Fantagraphics

The Interview è la nuova graphic novel pubblicata dalla casa editrice americana Fantagraphics, scritta e disegnata da Manuele Fior. L’autore ci porta in un futuro dove i cambiamenti non avvengono con una rivoluzione o con la fine del mondo ma attraverso processi mentali che poco a poco cambiano il modo di pensare. I contatti con gli ex...

 

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy, recensione per PS4: il ritorno della mascotte PlayStation

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy è un pezzo di storia del videogioco, la collezione completamente restaurata dei primi tre storici capitoli usciti su PlayStation, un ricordo a cui tantissimi videogiocatori sono legati. Proprio l’aspetto nostalgico ha convinto Activison ad affidare al team interno Vicarious Visions il compito di riportare...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni