X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1

Libri Antico Egitto: Re Narmer e la Dinastia Zero

06/03/2014 15:47
Libri Antico Egitto Re Narmer la Dinastia Zero

La civiltà dell'Antico Egitto è la più longeva della storia: ha elaborato nozioni scientifiche e costruito monumenti la cui eredità sopravvive ai giorni nostri. Una tavoletta di 5000 anni fa ne attesta il certificato di nascita con la nascita della Dinastia Zero: la sua scoperta ha confuso per decenni gli archeologi.

Egittologia, una Savana nel deserto del Sahara - Nell'altopiano di Gilf Kebir è stata scoperta una grotta con immagini di 9000 anni fa: sono i più grandi dipinti preistorici giunti fino a noi? Le incisioni raffigurano strane creature, scene di ballo, cacciatori, animali come antilopi, struzzi e giraffe che non vivono nel deserto. Strati di detriti e depositi di un antico lago attestano che all'epoca, in pieno Sahara, il clima è diverso: al posto del deserto c'è una Savana. L'ipotesi è che l'avanzare del deserto abbia spostato le popolazioni verso la valle del Nilo dove si stabiliscono e diventano civiltà più longeva della storia.

Il Nilo - L'alta e la bassa marea determina il benessere della popolazione. L'Isola di Elefantina è il luogo sacro più antico d'Egitto: qui si venera Satet, dea delle maree. Per gli Antichi Egizi, il Nilo scorre a seconda della benedizione della divinità. Il re è decisivo in questo processo: intermediario tra gli dei e gli uomini, si assicura il favore delle divinità tramite riti propiziatori.
A Khartoum, il Nilo Azzurro confluisce nel Nilo Bianco per formare il fiume più lungo del mondo. Una volta all'anno, d'estate, il Nilo straripa seminando abbondanza o distruzione a seconda del livello delle precipitazioni. I primi coloni imparano in fretta a convivere con le maree. I discendenti della Dinastia Zero realizzano persino un “nilometro” per prevedere il livello dell'acqua - non deve straripare né poco né troppo - e calcolare le tasse imposte agli agricoltori.
I residui che annualmente il Nilo deposita producono l'agricoltura più ricca del pianeta e vengono utilizzati nell'edilizia: il fango del Nilo è un dono prezioso gestito con la costruzione di dighe e canali di irrigazioni attraverso metodi usati ancora oggi. Ai tempi della Dinastia Zero c'è grano sufficiente per sfamare un'intera popolazione: è un prodotto di esportazione e di scambio in una civiltà fondata sulla cooperazione e la specializzazione del lavoro.
Il Nilo rappresenta anche la via di trasporto attraverso cui raggiungere ogni villaggio per mezzo della imbarcazioni – si naviga verso sud sfruttando il vento, verso nord con la corrente: modelli di imbarcazioni sono ritrovati nelle tombe a testimonianza della loro importanza. Tutti ne possiedono una, quelle piccole di papiro servono a spostarsi da una sponda all'altra del fiume, quelle grandi - realizzate con asse di legno assemblate con una tecnica per tagliare le onde - uniscono il Paese.

Libro Capitano Kidd: la storia del pirata e del suo leggendario tesoro

La tavoletta di Narmer - L'Egitto del Nord è costituito dai Principati del Delta, a sud c'è il Regno di Narmer. La tavoletta di Narmer, scoperta alla fine dell'Ottocento, racconta del re Narmer che occupa i principati del Delta e li annette al suo regno dando inizio alla Dinastia Zero: raffigura il re che colpisce il nemico con la sua ascia da guerra, mentre un altro prigioniero è trascinato per il naso e dei papiri - simbolo del Basso Egitto - escono dalla sua schiena. La tavoletta narra di un atto di forza, ma alcuni egittologi sono più propensi a credere che i vari capi tribù abbiano lottato tra loro per generazioni. Altri, invece, ipotizzano che l'Antico Egitto, come lo conosciamo oggi, sia il risultato di un lungo periodo di assimilazione tendenzialmente pacifica.

Abido, città sacra - Qui, sepolcri più antichi, risalenti a 4000 anni fa, convivono con le tombe dei faraoni. In questo antico cimitero, gli archeologi scoprono la tomba di re Narmer: è modesta, in un fossato circondato da muri di mattoni, non sembra progettata per cavalcare indenne i millenni. Queste considerazioni mettono in crisi gli Egittologi: il sepolcro di re Narmer, fondatore del regno unificato, è sospettosamente anonimo rispetto alle tombe epiche dei faraoni, tanto potenti da essere considerati delle divinità, progettate grazie alla manodopera di migliaia di schiavi soltanto alcuni secoli dopo.

Libri mitologia norrena: Thor, il mistero di un armamento di ultima generazione

La battaglia di Narmer - La tavoletta documenta una battaglia che ha diviso gli storici per molto tempo. Ritrovata a 250 km a sud di Abido, a Hierakonpolìs, Alto Egitto, nel tempio della ribattezzata Nekhen: è il più grande centro abitato dell'epoca per cinque secoli. Il deserto riporta alla luce fabbriche di birra e panifici, un cimitero riservato alle élite con circa 200 tombe dove sono sepolti anche antilopi, due elefanti e alcuni cani simboleggianti il potere, la ricchezza e il controllo sulla natura. La città si estende cinque km lunghe le rive del Nilo, ha una fiorente economia basata sul commercio e la cooperazione. Non sembra dedita alla guerra.
La tavoletta, tuttavia, contiene molti dettagli per una rappresentazione meramente simbolica. E il ritrovamento di altri reperti chiariscono i dubbi in merito: un minuscolo pezzo di argilla con la data di una consegna di un carico di olio nell'anno in cui Narmer sconfigge il popolo del papiro - all'epoca, gli Egizi contano gli anni in base a episodi importanti, in questo caso, la battaglia di Narmer - e molte incisioni su pietra disseminate in molte regioni narranti una stessa storia, un re che raggiunge ogni angolo d'Egitto.
All'epoca, le rotte commerciali verso l'Oriente per il delta acquistano importanza: il dominio del nord è necessario per sviluppare l'attività mercantile. La battaglia di Narmer, mai documentata, sembra aver avuto luogo: 5000 anni fa, essa unifica e trasforma l'Egitto da qualche parte del delta del Nilo.

Manoscritto Voynich, la chiave del mistero tra Milano e Venezia

La mazza cerimoniale di Narmer, scoperta insieme alla tavoletta, rappresenta una sfilata vittoriosa con Narmer incoronato e seduto su un baldacchino. Dietro il re, giungono i portatori di emblemi. Un geroglifico ne attesta il bottino: centoventimila prigionieri, un milione di capre, quattrocentomila capi di bestiame.
Sulla tavoletta il re osserva le vittime: sono decapitati e castrati, segno di una strategia di guerra condotta anche da un punto di vista psicologico. Sulla parte anteriore, Narmer porta la corona (bianca) dell'Alto Egitto, sul retro quella (rossa) del Basso Egitto: probabilmente ha portato a termine ciò che i suoi predecessori hanno iniziato: il fiore di loto, simbolo del sud, si unisce al papiro, simbolo del nord. Il Regno di Narmer segna un punto di svolta, il passaggio dal periodo predinastico a quello dinastico lungo tremila anni e trentuno dinastie faraoniche.
L'Antico Egitto diventa il primo impero e il primo stato territoriale della storia.

Pubblicazioni - Per approfondire l'argomento: “La nascita dello Stato nell'Antico Egitto: la Dinastia Zero” di Silvia Vinci (La Mandragola), “Prima delle Piramidi. Alle origini della civiltà Egizia” di Natale Barca (Ananke), “L'Antico Egitto. Storia di un Impero millennario” di Toby Wilkinson (Einaudi), “Il grande libro dell'Antico Egitto” di Alessandro Bongioanni (DeAgostini), “Antico Egitto” di Salima Ikram (Ananke), “Archeologia dell'Antico Egitto” di Kathryn Bard (Carocci), “Complessi piramidali Egizi Vol. 5: Necropoli di Abido, Abusir Zawiet el Aryian” di Riccardo Manzini (Ananke).

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 
Altri articoli Home

Dishonored: La Morte dell'Esterno, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Dishonored: La Morte dell’Esterno è lo spin-off della saga di Bethesda, sviluppato dagli Arkane Studios, un’opportunità a prezzo budget di far conoscere e apprezzare un universo tanto affascinante quanto oscuro. La serie ha avuto l’enorme merito di migliorare e far maturare il genere action-stealth, dove un’att...

 

Star Comics, il terzo numero di Dragon Ball Super in uscita

“Dragon Ball Super”, il terzo numero è in uscita per Star Comics, disponibile dal 25 ottobre. Il popolare manga è realizzato da Toyotarō, il quale aveva già curato la trasposizione fumettistica di “Dragon Ball Z: La resurrezione di 'F'” (2015), sotto la guida di Akira Toriyama. La trama riparte da ...

 

Chateau Bordeaux, l'ottavo volume della saga famigliare legata al celebre vino francese

Glénat Edizioni pubblica l'ottavo volume di “Châteaux Bordeaux”, il fumetto che coniuga la storia di una saga famigliare con quella del vino francese, tra i più apprezzati al mondo. La trama ha come protagonisti i tre fratelli Baudricourt. Alla scomparsa del padre, morto in circostanze mai, del tutto, chiarite, ered...

 

Pro Evolution Soccer 2018, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Pro Evolution Soccer 2018 è il videogioco calcistico sviluppato da Konami, l’appuntamento annuale con una delle serie storiche giapponesi, che ha affascinato e divertito milioni di utenti negli ultimi venti anni. Il calcio nato come ISS Pro sulla prima PlayStation ha da sempre dettato le regole per quanto riguarda l’aspetto simul...

 

Cinema Purgatorio, l'antologia di Alan Moore nel terzo volume di Panini Comics

Panini Comics pubblica il terzo volume di “Cinema Purgatorio”, in uscita per il 21 settembre. Il volume contiene i numeri #7-9. L'acclamata antologia, voluta da Alan Moore in bianco e nero, ha debuttato nel maggio 2016, grazie a una fortunata campagna di crowfunding su Kickstarter avviata da Avatar Press. La storia principale &egr...

 

Recensione Gasolina il nuovo fumetto pubblicato da Image Comics/Skybound

Gasolina è la nuova serie a fumetti pubblicata da Image Comics/Skybound, il primo numero arriverà nelle fumetterie americane il prossimo 20 settembre. il team creativo di questo nuovo lavoro è formato da Sean Mackiewicz ai testi mentre troviamo Niko Walter e Mat Lopes ai disegni e ai colori. Un nuovo fumetto dell’orrore s...

 

Archie il ragazzo più famoso di Riverdale torna in una nuova serie di fumetti pubblicata da Edizioni BD

Archie è uscito da poco grazie alla casa editrice Edizioni BD, questa famosissima serie americana è stata inedita in Italia fino a quest’anno. Il nuovo rilancio di tutta l’edizione è opera della casa editrice Archie Comics che ha deciso di portare i protagonisti nel XXI secolo. Il team creativo chiamato in questa fa...

 

Tecniche di assassinio attraverso i secoli, il manga di Shintaro Kago per Edizioni 001

001 Edizioni porta in Italia “Tecniche di assassinio attraverso i secoli”, il sorprendente manga del visionario fumettista giapponese Shintaro Kago. “Tecniche di assassinio attraverso i secoli” presenta undici racconti che fotografano la violenza della società odierna attraverso uno stile, tanto narrativo quanto illu...

 

Knack 2, recensione videogame per PS4

Knack 2 è il videogioco ideato da Mark Cerny, progettista di PlayStation 4, e sviluppato da Japan Studio, il seguito di uno dei giochi di lancio del 2013 per PS4. Il primo capitolo, presentato come un’importante esclusiva per la line-up della console Sony, si presentò con evidenti problemi tecnici e nelle meccaniche, risultando ...

 

Imaginary Fiends, il ritorno di Tim Seeley all'horror grazie a Vertigo Comics

Vertigo Comics ha in serbo una nuova miniserie di sei numeri: “Imaginary Fiends” disponibile dal 15 novembre. Il fumetto presenta un imprinting fantascientifico con connotazioni decisamente horror. A scrivere la sceneggiatura è stato chiamato Tim Seeley (“Hack/Slash”), fumettista specializzato nel genere. I disegni so...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni