X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione nuovo libro Christiane F: La mia seconda vita

04/03/2014 14:12
Recensione nuovo libro Christiane F La mia seconda vita

Memoir - "La mia seconda vita" di Christiane F. Felscherinow con Sonia Vukovic: durante il tour americano per la presentazione del film "Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino", Christiane incanta il pubblico con il suo passo deciso, i grandi occhi verdi e la vivacità intellettuale, "parlava come viveva: in fretta, e sempre con fare da scavezzacollo. Aveva rasato una parte della lunga criniera e si avvolgeva il resto dei capelli sulla testa con il gel. Con i suoi abiti scuri stile punk, sembrava un po' la sorella minore di Nina Hagen. Era una donna misteriosa, e meravigliosamente bella".

La mia seconda vita di Christiane V Felscherinow con Sonja Vukovic (Rizzoli) - Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino si conclude con Christiane F. a Kaltenkirschen, nello Schleswig-Holstein, dalla nonna e lontano dal giro di amicizie. Conservatrice, la nonna adora la Baviera e porta sempre il Dirndl, il costume tradizionale bavarese. Detesta tutto quello che rappresenta Christiane: i tacchi alti e i jeans attillati, l'abitudine di fare i compiti di notte, il modo di esprimersi, le dipendenze malsane. In casa ci sono anche gli zii e i cugini. E con la zia, i rapporti non sono migliori. Quando ha il permesso di uscire, Christiane ha l'obbligo di rientrare per le nove e mezzo serali. Un cambiamento radicale rispetto alla vita berlinese. Di quel posto ama la natura, tuttavia si annoia. Nell'autunno del 1978 esce il libro e la serie di interviste pubblicate su “Stern”. La sua vita diventa di dominio pubblico. Christiane comincia a rendersi conto delle conseguenze di questo stato di cose. Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino, infatti, diventa presto un bestseller internazionale. Le viene proposto un apprendistato in una libreria. Nel 1980 si trasferisce ad Amburgo, dove condivide casa con musicisti noti - tra cui, i futuri Einstȕrzende Neubaten. Continua l'apprendistato in una filiale della libreria e durante il fine settimana si occupa dell'organizzazione di concerti alla Markthalle. Nel frattempo, dal libro viene realizzata la trasposizione cinematografica. Christiane vive il suo sogno americano presenziando il tour promozionale negli Stati Uniti. A Hollywood l'attende una limousine. Il soggiorno americano - come gli anni susseguenti alla consacrazione di icona giovanile di lungo corso - è costellato da incontri e curiosi incroci con molte celebrità. Alloggia allo Château Marmont su Sunset Boulevard. Anche oltreoceano l'adorano. Una mattina si sveglia in mezzo al frastuono e al viavai di ambulanze, polizia e troupe televisive. In una camera del lussuoso albergo era morto John Belushi.
A New York, invece, affaccia una metropoli inquieta e stressata. Non vede l'ora di tornare a casa.

Libri Braccialetti rossi e Scazzi

L'incontro con David Bowie - All'epoca della realizzazione del film, Christiane viene chiamata dalla casa di produzione: dovrebbe visionare la pellicola con David Bowie per fare dei tagli. Vola a Losanna dove sta per incontrare il suo idolo. Christiane entra nervosa nel fuoristrada nero con i sedili di cuoio: “Non credevo ai miei occhi: era più piccolo di me, più esile, e aveva i baffi come quelli di mio padre. Allucinante. David Bowie con i baffi? Ma ero troppo eccitata e sopraffatta dagli eventi per capire a che punto sarebbe arrivata la mia delusione. All'inizio non riuscii a spiaccicare parola. Bowie notò che quell'incontro mi mandava in confusione. Mi chiese come stavo e se avevo fatto un buon volo. Risposi di sì e, a parte quello, per tutto il tragitto, non staccai più gli occhi dal finestrino. Ero intimidita e non osai più pronunciare nessun'altra frase. Dopo quindici minuti di silenzio imbarazzante e penoso, arrivammo finalmente al cinema. Per me era Bowie la star del film”. Tuttavia, dopo la proiezione, la star si defila. Due anni dopo, nel 1983, l'artista si esibisce alla Waldbűhne di Berlino. Per l'occasione, a Christiane vengono promessi due biglietti con accesso al backstage. Ne riceve uno normale. Frustrata lo incontra al Jungle: “Are you ready for an awesome trip tomorrow? David Bowie l'ha appena invitata ad accompagnarlo alla prossima tappa del live.
Il giorno successivo a mezzogiorno, sale sulla limousine per l'aeroporto di Tegel e raggiunge il jet privato dei Rolling Stones affittato da Bowie e la sua band: “Ma che razza di aereo era quello? Incredibile! Di sedili ce n'erano sì e no una decina, giusto in caso di necessità. Al loro posto, enormi letti rotondi con lenzuola di raso e un bar ben fornito. Poi sgabelli, un impianto stereo, molti dischi. In bagno sono completamente partita: che magnificenza! Un pisciatoio di marmo volante! Di fianco al bagno c'era un'enorme camera, che si poteva chiudere a chiave. La band era di ottimo umore”. La delusione è dietro l'angolo.

Il mistero del terzo miglio di Colin Dexter con l'ispettore Morse

Uno schifo di vita - A cinquantuno anni, Christiane Felscherinow combatte con i gravi sintomi di un'epatite particolarmente aggressiva. Le è stata diagnosticata nel 1989. Conduce una vita essenziale. In casa, ci sono pochi mobili - ha traslocato troppe volte - e una parete di due metri per due di libri. Legge molto. Predilige i racconti biografici: “è come una fuga: i miei problemi poi mi sembrano meno gravi. Mi è difficile cercare aiuto, principalmente perché faccio fatica a fidarmi delle persone”. Nonostante gli inganni e i tradimenti delle persone amate, Christiane ha sempre puntato il dito contro se stessa. L'happy end non c'è stato, eppure non ha ceduto alla commiserazione e può dichiarare oggi: “Ce l'ho fatta. A modo mio. Nemmeno io ci avrei creduto”.

Doctor Sleep di Stephen King

Un passato senza futuro - “Mio Dio, io sono e resterò sempre una star del buco. Un animale da fiera. Una bestia rara. Una ragazza dello zoo di Berlino”. Succede, per esempio, che i giornalisti assoldino tossici come informatori e lei finisca in prima pagina. Molti le chiedono ancora di Detlef - “Lei non ha l'epatite C, no?”. L'autografo o una foto di rito, e lo stesso adagio in sottofondo: da una parte, i convenevoli e le lusinghe, dall'altra l'augurio di non capitare come sua vicina di casa. A distanza di decenni, rimane per tutti Christiane F.: “sono e resterò sempre la piccola drogata che si prostituiva insieme agli altri ragazzini”. Come sarebbe stata la sua vita senza la pubblicazione del libro?
L'infanzia, la detenzione, gli amori sbagliati, la disperazione, i rapporti difficili con la famiglia, la solitudine, la celebrità che ha ingarbugliato tutto e un unico, incondizionato, amore: “mio figlio”.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 

Altri articoli Home

Valiant, Secret Weapons: Livewire a capo di un team di reietti, il fumetto che vi sorprenderà

Valiant annuncia l'uscita di “Secret Weapons”, il cui primo numero debutterà in fumetteria il 28 giugno. A rendere la miniserie particolarmente ghiotta è il team creativo riunito dalla casa editrice formato da Eric Heisserer, sceneggiatore nominato all'Oscar per lo script non originale di “Arrival” (2016), Raul...

 

Dark Horse Comics, The Visitor: How and Why He Stayed: le ragioni dell'alieno sulle tracce di Hellboy

Dark Horse Comics annuncia una nuova miniserie radicata nell'universo di Hellboy. Si tratta di “The Visitor: How and Why He Stayed”, cinque numeri con il primo in uscita il 22 febbraio. Il protagonista è uno dei personaggi più intriganti introdotti nel fumetto, apparso nel primo “Hellboy: Seed of Destruction” (...

 

Z Nation comics, dopo la serie tv arriva la nuova saga a fumetti sugli zombie

Z Nation è la fortunata serie Tv che traccia delle trame nelle quali la trasformazione in zombie dell’umanità costituisce la minaccia più pericolosa per coloro che ne sono rimasti incontaminati. Una lotta nella quale persone comuni, strappate alla quotidianità, si ritrovano proiettate a dover affrontare un viaggio ...

 

Agents of S.H.I.E.L.D. tra fumetto e serie televisiva

Ispirato dalla fortunata serie televisiva, la serie comics di “Agents of S.H.I.E.L.D.” targato Marvel Comics debutta nelle fumetterie americane il 13 gennaio 2016 con un primo arco narrativo intitolato “The Coulson Protocols”. La trama riserva molte sorprese. Maria Hill non è più a capo dello S.H.I.E.L.D. e il...

 

Sniper Elite 4, recensione videogame per PS4 e Xbox One: la vita di un cecchino

Sniper Elite 4 è il videogioco a sfondo bellico sviluppato da Rebellion, che mette il giocatore nei panni di Karl Fairburne, cecchino professionista impegnato nella Campagna italiana durante la Seconda Guerra Mondiale. Il focus della produzione, che lo differenzia dagli altri sparatutto, è da ricercare nel gameplay, incentrato su elim...

 

Akame ga Kill! Zero, in arrivo il prequel del manga di Takahiro per Panini Comics

“Akame ga Kill! Zero #1” è in uscita il 9 marzo grazie a Panini Comics. Si tratta del prequel del celebre manga “Agame ga Kill!”, con la storia curata da Takahiro e i disegni realizzati da Kei Toru. La trama si concentra sul passato di Akame e della sorellina Kurome. Vendute da bambine all'Impero per essere trasforma...

 

Diabolik DK, la seconda stagione inedita

Diabolik DK la fortunata serie che narra le vicende del Re del terrore che ha avuto inizio come serie parallela alla più tradizionale collana creata negli anni sessanta, giunge alla sua seconda stagione. Solo ieri 12 febbraio veniva celebrato il ricordo della scomparsa di Angela Giussani avvenuta a Milano nel 1987 che insieme alla sorella Lu...

 

The Wild Storm, il fumetto che rilancia la fortunata etichetta di Jim Lee

DC Comics rilancia la fortunata etichetta WildStorm inaugurata con la prima serie “The Wild Storm” in uscita il 15 febbraio. A occuparsi del progetto c'è Warren Ellis, brillante autore bestseller del New York Times (“Transmetropolitan”, “Red” e “The Authority”), incaricato anche di curare le sc...

 

Recensione Baltimore: The Red Kingdom il nuovo numero uno della saga pubblicata da Dark Horse

Baltimore: The Red Kingdom è uscito in tutte le fumetterie americane il primo numero della nuova miniserie dedicata alla grande serie di Baltimore. Il primo numero di The Red Kingdom è stato pubblicato lo scorso 1° febbraio, questo nuovo arco narrativo conterà un totale di cinque numeri. La grande saga di Baltimore è...

 

Recensione Planetoid Praxis arriva la seconda miniserie di Ken Garing pubblicato da Image Comics

“Planetoid Praxis”, è tornata nelle fumetterie americane la seconda miniserie dello scrittore e disegnatore Ken Garing. Dopo cinque anni di attesa e di lavorazione la storia di Planetoid continua in questo nuovo lavoro. Nel 2012 uscì la prima mini serie pubblicata sempre dalla Image Comics, che conteneva un totale di cinqu...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni