X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Pirandello, Pensaci, Giacomino!: l'umorismo pirandelliano del Professor Toti, prossimo alla pensione

13/02/2014 14:39
Pirandello Pensaci Giacomino l'umorismo pirandelliano del Professor Toti prossimo alla pensione

Classici - "Pensaci, Giacomino!" di Luigi Pirandello: il settantenne Professor Toti sposa la giovane Lillina incinta di un altro. Il suo è un atto caritatevole che rischia di fallire a causa dell'ipocrisia, del falso orgoglio della comunità.

Pensaci, Giacomino! marca un significativo passaggio tra il Pirandello narratore e il Pirandello drammaturgo. La novella omonima appare il 23 febbraio 1910 nel Corriere della Sera. Sei anni dopo, Pirandello ne scrive la versione teatrale, in dialetto siciliano, che viene rappresentata al Teatro Nazionale di Roma dalla compagnia di Angelo Musco. Nel luglio dello stesso anno, Pirandello confida al figlio Stefano: “La commedia Pensaci, Giacomino! Ha avuto una serie di repliche con esito felicissimo e correrà certo la Penisola trionfalmente. Musco è entusiasta della parte... Ho preso l'impegno di scrivergli un'altra commedia per il prossimo ottobre, e spero di mantenerlo, benché il teatro, come tu sai, mi tenti poco”.
Infatti, Pirandello giunge a teatro relativamente tardi, nonostante la sua opera vi confluisca con naturalezza.
Pensaci, Giacomino! viene tradotta e rappresentata nei maggiori palcoscenici oltre i confini. Nel 1936 esce la trasposizione cinematografica per la regia Gennaro Righelli con protagonisti Musco, Elio Steiner e Dira Paola.

Alexis de Tocqueville, L'Antico Regime e la Rivoluzione: cause e paradossi

Testo - Ambientato in una cittaduzza di provincia, oggi. Agostino Toti è il professore di Storia Naturale al ginnasio a cui il direttore, Cavalier Diana, chiede se, dopo trentaquattro anni di servizio, non sia il caso di ritirarsi dall'insegnamento. Il professore non ne vuole sapere: “Ritirarmi? Lei scherza! Ah, dopo più d'un terzo di secolo che porto la croce, il Governo mi paga per altri cinque o sei anni - e voglio mettere sette, e voglio mettere otto - quattro di soldi di pensione e poi basta?". Grazie allo stipendio da fame non ha neppure potuto avere una famiglia.
Il Professor Toti pare "un po' strambo", ma è un buon uomo. Accetta di sposare Lillina, la figlia dei bidelli della scuola, per darle uno stato: per lei sarà un secondo padre. Tra qualche anno, dopo la sua morte, invece, il Governo sarà costretto a pagare la pensione anche a lei. Tuttavia, le cose prendono una piega inaspettata quando Lillina gli rivela di essere incinta. E così sia. Il Professor Toti sarà padre e nonno. E il governo pagherà per tre. E Giacomino? L'ex alunno del professore, senza arte né parte? Il Professor Toti si gratta la testa: “Troppi, troppi a cui dovrebbe pensare il Governo! Lui, uno; la moglie, due; Giacomino, tre; il bambino, quattro... Eh, troppi! Troppi!”
Invece, non c'è scelta per la svergognata Lillina, il matrimonio si farà.
Nel frattempo, il professor Toti riceve, inaspettatamente, una felice eredità con cui può sistemare professionalmente Giacomino. Tutto sarebbe perfetto. Ma la gente grida allo scandalo. E sono tre giorni ormai che Giacomino ha smesso di fare visita a Lillina e al piccolo Ninì. Perché?
Lillina sta male. Padre Landolina, intanto, fa visita al professore. L'arcano è presto rivelato: per seppellire le malignità sul suo conto, Giacomino si è ufficialmente fidanzato. Ma come, giunti alla fine, si abbandona il progetto?
Il candore del Professor Toti, mosso dal sentimento paterno per i due giovani genitori, è infangato dalle chiacchiere: nonostante l'esilarante vitalità del professore, nell'anormalità del personaggio “non può che essere amaramente comica la condizione d'un uomo che si trova ad essere sempre quasi fuori di chiave” - scrive Pirandello nel saggio L'Umorismo nel 1908 - “ad essere un tempo violino e contrabbasso; d'un uomo a cui un pensiero non può nascere, che subito non gliene nasca un altro opposto, contrario; a cui per una ragione ch'egli abbia a dir sì, subito un'altra e due e tre non ne sorgano che lo costringono a dire no; e tra il sì e il no lo tangan sospeso, perplesso, per tutta la vita; d'un uomo che non può abbandonarsi a un sentimento, senza avvertir subito qualcosa dentro che gli fa una smorfia e lo turba e lo sconcerta e lo indispettisce”.

Guareschi, Mondo Piccolo - Gente così: indimenticabile Don Camillo e Peppone

Uno, nessuno e centomila - In Pensaci, Giacomino! ritroviamo le macrotematiche dell'opera pirandelliana. Dal saggio L'Umorismo - in cui Pirandello distingue il comico, l'avvertimento del contrario, dall'umorismo, il sentimento del contrario: l'umorismo nasce dalla riflessione che s'intromette in una situazione comica generando comprensione per la fragilità umana - al romanzo Il Fu Mattia Pascal che mette in scena il relativismo psicologico culminante nella sentenza di incomunicabilità in Uno nessuno e centomila (1926). La vita, ci ricorda Pirandello, è un flusso continuo: “Le forme, in cui cerchiamo d'arrestare, di fissare in noi questo flusso continuo, sono i concetti, sono gli ideali a cui vorremmo serbarci coerenti, tutte le finzioni che ci creiamo, le condizioni, lo stato in cui tendiamo a stabilirci”.
Forme menzognere destinate a crollare miseramente.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 

Altri articoli Home

Recensione Il Tempio una storia di H.P. Lovecraft e Rotomago disegnato da Calvez Florent per NPE

Il Tempio è un fumetto annunciato in concomitanza con l’anniversario degli ottanta anni dalla morte di Howard Philips Lovecraft, ed uscito in tutte le fumetterie lo scorso 7 luglio, grazie alla casa editrice Nicola Pesce Editore. Questo fumetto è stato sceneggiato da Rotomago e i disegni sono il frutto del lavoro di Calvez Flore...

 

Dragon Ball FighterZ, anteprima videogame per PS4 e Xbox One

Dragon Ball FighterZ è il picchiaduro in 2D di una delle saghe più famose e apprezzate nel mondo, con una nutrita di schiera di fan anche nel nostro territorio. Il ritorno del franchise ci trasporta su terreni di scontro in due dimensioni, per un videogioco veloce e spettacolare, sia dal punto di vista del gameplay che dal lato pretta...

 

Recensione film Atomica Bionda: colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare

Atomica Bionda trae origine dal fumetto The Coldest City scritto ed illustrato da Antony Johnston e Sam Hart. Il film diretto da David Leitch ed interpretato tra gli altri da Charlize Theron, Sofia Boutella e James McAvoy, è ambientato nella Berlino della guerra fredda, durante le sommosse che hanno portato all’abbattimento del muro e ...

 

Days Gone, anteprima videogame Sony per PS4

Days Gone è un videogioco d’azione ambientato in un mondo aperto, un’enorme mappa dove sopravvivere a gruppi di nemici umani e orde di zombie. La presentazione di due anni fa, all’E3, aveva mostrato un titolo dalle tinte avvicinabili a The Last Of Us, ma dai connotati decisamente più survival, con decine di non morti...

 

Recensione L'ultimo giorno in Vietnam, un bellissimo fumetto di Will Eisner pubblicato da 001 Edizioni

L'ultimo giorno in Vietnam è un bellissimo fumetto scritto e disegnato dalla leggenda della nona arte Will Eisner. All’interno dell’albo si trovano diverse storie raccolte in modo casuale, senza seguire una linea temporale, dallo stesso Eisner. La casa editrice 001 Edizioni ha deciso di ripubblicare nei primi giorni di luglio que...

 

Recensione Rise of the Black Flame il fumetto scritto da Mike Mignola per Dark Horse Comics

Rise of the Black Flame è il nuovo fumetto pubblicato dalla casa editrice Dark Horse Comics, che unisce tutti e cinque i numeri di questa incredibile serie uscita lo scorso anno. Grazie al grande successo ottenuto, la casa editrice ha deciso di pubblicare l’intera storia in un unico volume. All’interno di questo bellissimo albo, ...

 

Final Fantasy XII: The Zodiac Age, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Final Fantasy XII: The Zodiac Age è la riedizione di un videogioco particolare, un capitolo fatto di ottime idee e importanti innovazioni all’interno di quello che era a suo tempo il brand di Final Fantasy. La saga si era sempre poggiata su un sistema di combattimento a turni ed incontri casuali, peculiare dei giochi di ruolo a stampo ...

 

Wolfenstein II: The New Colossus, anteprima videogame Bethesda per PS4 e Xbox One

Wolfenstein II: The New Colossus è il videogioco sviluppato da MachineGames e pubblicato da Bethesda Softworks, il seguito di uno dei migliori sparatutto degli ultimi anni, lo storico ritorno del tenente B.J. Blazkowicz. La saga ha segnato un intero genere, oltre che l’industria videoludica, con l’uscita nel lontano 1992 di quell...

 

Recensione Wonder Woman l'Amazzone della collana Grandi Opere DC di Jill Thompson

Wonder Woman L’Amazzone è stato pubblicato all’interno della collana Grandi Opere DC e in Italia distribuito dalla Lion divisine di RW Edizioni. Questa nuova storia ci porta alle origini dell’eroina più famosa dell’universo DC Comics, com’è nata e da dove vengono i suoi grandi poteri, ma soprattutt...

 

Recensione The Interview la nuova graphic novel di Manuele Fior di Fantagraphics

The Interview è la nuova graphic novel pubblicata dalla casa editrice americana Fantagraphics, scritta e disegnata da Manuele Fior. L’autore ci porta in un futuro dove i cambiamenti non avvengono con una rivoluzione o con la fine del mondo ma attraverso processi mentali che poco a poco cambiano il modo di pensare. I contatti con gli ex...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni