X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Libro L'Antico Regime e la Rivoluzione, Alexis de Tocqueville: cause e paradossi in prospettiva

12/02/2014 15:05
Libro L'Antico Regime la Rivoluzione Alexis de Tocqueville cause paradossi in prospettiva

Storia - Alexis de Tocqueville, "L'Antico Regime e la Rivoluzione": pubblicato nel 1856, il libro segna una svolta nella storiografia della Rivoluzione e contribuisce a chiarire i motivi per cui essa scoppiò proprio in Francia.

L'Antico Regime e la Rivoluzione di Alexis de Tocqueville - Al suo comparire la Rivoluzione francese è considerata dai principi e gli uomini di Stato europei come un malanno fisiologico nella vita del popolo: un incidente locale e passeggero di cui, magari, approfittare per delineare nuovi assetti politici. Anche in Francia si sottovaluta la sua portata. Intanto, la Rivoluzione segue il suo corso finché non rivela quello che è diventata: un mostro capace di distruggere le istituzioni politiche e civili, di sovvertire gli usi, i costumi e persino la lingua di un popolo. Non si accontenta di abbattere la monarchia, ma arriva a scuotere le fondamenta sociali con una violenza e una dinamica sconosciute fino ad allora. Nella storia entrano in scena le “opinioni armate”, secondo il politico britannico William Pitt, e lo fanno con una potenza inaudita. Contro ogni previsione, la Rivoluzione seppellisce i confini, le corone e i popoli che, tuttavia, si uniscono alla sua causa.

Claudio Magris, Segreti e no: tacere la verità può essere generoso

La natura anarchica della Rivoluzione francese - La Rivoluzione combatte la Chiesa: la passione irreligiosa è la prima ad innescarsi e l'ultima a spegnersi. In realtà, è un tratto irrilevante dello spirito rivoluzionario - la fede religiosa è radicata nel cuore di un popolo - un corollario delle idee della filosofia del Settecento: l'uguaglianza naturale uomini, l'abolizione della casta, la sovranità al popolo, l'uniformità delle regole. Il clero rappresenta il privilegio nell'Ancien Régime: non è in discussione l'amministrazione spirituale delle cose ultraterrene dei sacerdoti, ma quella materiale del Primo Stato, proprietari che riscuotono le decime.
La natura anarchica della Rivoluzione deriva dal proposito di abolire, senza compromessi, l'Ancien Régime e, per riuscirci, deve attaccare contemporaneamente tutti le forme di espressione del potere costituito: “vuotare lo spirito umano di tutte quelle idee sulle quali si erano basati fino ad allora il rispetto e l'obbedienza”.

La luce di Vermeer, artista emblematico e icona assoluta

Differenze tra la monarchia francese e quella inglese - Nella Francia prerivoluzionaria vige un'amministrazione centralizzata dello stato che digerisce i residui del potere locale: la gerarchia dei funzionari finisce per sostituire il governo dei nobili. Il potere amministrativo dei funzionari innesca di per sé una piccola rivoluzione politico-sociale.
È già accaduto in Inghilterra, in cui l'antica costituzione è in vigore solo apparentemente. In realtà nel XVII secolo, al di là della Manica, il regime feudale è sostanzialmente abolito: le classi si confondono, la casta aristocratica apre le sue porte ai borghesi arricchiti. Vice l'uguaglianza di fronte alla legge e rispetto al fisco. Si può godere della libertà di stampa. La monarchia inglese non solo resta in piedi, ma è rinvigorita grazie ai cambiamenti metabolizzati: “Nel diciottesimo secolo, in Inghilterra, gode il privilegio d'imposta il povero; in Francia, il ricco. Là, l'aristocrazia si è assunta tutti i gravami pubblici più pesanti, affinché le si permetta di governare; qui, ha mantenuto perfino l'esenzione dalle imposte, per consolarsi di aver perduto il potere”.
In Francia, il re ha abolito le libertà provinciale sostituendosi ai poteri locali. Di conseguenza, Parigi diventa essa stessa la Francia: questi due fatti, considera Tocqueville, basterebbero a spiegare la rovinosa caduta di una monarchia secolare, spazzata via in un solo colpo “convulso e doloroso”.

Recensione Chi ti credi di essere del Premio Nobel Alice Munro

Il ruolo degli intellettuali - Da tempo la Francia è lo stato intellettualmente più progressivo d'Europa. Tuttavia, gli uomini di lettere, diversamente che in Inghilterra, non partecipano alla cosa pubblica, né hanno alcuna funzione pubblica. D'altro canto, non rimangono relegati nell'ambito delle Belle Arti come in Germania, ma si occupano di politica: “Ogni giorno li sentivate discorrere sull'origine delle società
e sulle loro forme primitive, sui diritti primordiali dei cittadini e su quelli dell'autorità, sui rapporti naturali e artificiali degli uomini, sull'errore e la legittimità del costume e anche sui principi delle leggi”.
Divergono sulle proposte riguardo ai diversi sistemi di governo da adottare, ma concordano su un punto inequivocabile: basta privilegi, è necessario istituire regole semplici basate sul lume di ragione e il diritto naturale di ogni individuo.
Estranei alla pratica dell'esercizio politico, discutono di principi astratti, mai di proposizioni concrete, seducendo la folla.
Se i francesi avessero continuato a partecipare al governo come un tempo negli Stati generali non si sarebbero appassionati alle idee dei filosofi. L'aristocrazia non si occupa da tanto tempo degli affari pubblici e, anzi, paradossalmente, si allea con gli intellettuali abbracciandone “le dottrine più contrarie ai suoi particolari diritti e anche alla sua esistenza, le parevano giochi molto ingegnosi dell'intelligenza; vi partecipava anch'essa volentieri per passare il tempo e godeva pacificamente delle proprie immunità e dei propri privilegi, dissertando con serenità sull'assurdo degli usi tradizionali”.
Come all'epoca dei suoi antenati, Luigi XVI vede nell'aristocrazia il suo peggiore nemico e considera, anacronisticamente, la borghesia e il popolo come leali sostenitori del trono.
Nessuna avvisaglia sembra preannunciare la catastrofe da parte degli interessati al mantenimento dell'Ancien Régime. La routine politico-sociale sembra scorrere sorniona. In realtà, sullo sfondo sono già visibili le fauci del mostro disposte a ingollare l'Antico Regime al grido di Liberté, Égalité, Fraternitè.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 

Altri articoli Home

Ghost in the Shell, il remake hollywoodiano del manga con Scarlett Johansson

“Ghost in the Shell” è il manga cult, realizzato da Masamune Shirow alla fine degli Ottanta, diventato, infine, un franchise comprendente anche videogiochi e romanzi.Ambientato nel XXI secolo, il manga seinen (rivolto a un pubblico adulto) immagina un futuro pieno di incognite, in cui la differenza tra uomo e macchina è in...

 

Wonder Woman: l'intramontabile supereroina tra uscite DC Comics e l'atteso cinecomic

Wonder Woman rimane la supereroina più amata di DC Comics, icona di emancipazione femminile capace di attraversare indenne i decenni dal debutto in “All Star Comics #8” in 1941. Paladina indiscussa della giustizia, ha spento le settancinque candeline l'anno scorso accompagnata da molteplici iniziative per renderle omaggio. Molti...

 

Recensione L'Homme qui tua Lucky Luke una magnifica graphic novel di Mattihieu Bonhomme

“L’Homme qui tua Lucky Luke” è una graphic novel creata dal grande scrittore e disegnatore Mattihieu Bonhomme. Con questa sua opera, uscita in Francia il primo aprile scorso, lo scrittore ha voluto omaggiare lo storico creatore di Lucky Luke, Morris. Inoltre Mattihieu Bonhomme con questa graphic novel ha vinto il premio Sai...

 

Recensione Civil War II una nuova guerra si trova alle porte nell'universo Marvel Comics

Civil War II è iniziato il nuovo grande evento della Marvel Comics, per ora in Italia sono stati pubblicati dalla Panini Comics solo i primi tre numeri di questo grandissimo evento ma le premesse sono veramente fantastiche. Questa nuova Civil War vede contrapposti due grandi personaggi, da una parte come sempre c’è Iron Man e da...

 

For Honor, recensione videogame per PS4 e Xbox One: Cavalieri, Vichinghi e Samurai

For Honor è il videogioco action sviluppato e pubblicato da Ubisoft, un progetto innovativo che unisce epoche e stili di combattimento differenti. La software house francese è, sicuramente, la più attiva e importante casa di sviluppo a presentare annualmente nuove proprietà intellettuali all’interno del panorama vi...

 

Dylan Dog quadrimestrale, un maxi formato comics con tre storie inedita

Bonelli Editore ha comunicato proprio in questi giorni che il prossimo anno Tex Willer compirà settant’anni. Traguardo storico che l’editore italiano si appresta a vivere con la dovuta attenzione. Premura che viene rivolta ai numerosi fan del longevo personaggio Bonelliano. L’Editore ha infatti comunicato che i festeggiamen...

 

Valiant, Secret Weapons: Livewire a capo di un team di reietti, il fumetto che vi sorprenderà

Valiant annuncia l'uscita di “Secret Weapons”, il cui primo numero debutterà in fumetteria il 28 giugno. A rendere la miniserie particolarmente ghiotta è il team creativo riunito dalla casa editrice formato da Eric Heisserer, sceneggiatore nominato all'Oscar per lo script non originale di “Arrival” (2016), Raul...

 

Dark Horse Comics, The Visitor: How and Why He Stayed: le ragioni dell'alieno sulle tracce di Hellboy

Dark Horse Comics annuncia una nuova miniserie radicata nell'universo di Hellboy. Si tratta di “The Visitor: How and Why He Stayed”, cinque numeri con il primo in uscita il 22 febbraio. Il protagonista è uno dei personaggi più intriganti introdotti nel fumetto, apparso nel primo “Hellboy: Seed of Destruction” (...

 

Z Nation comics, dopo la serie tv arriva la nuova saga a fumetti sugli zombie

Z Nation è la fortunata serie Tv che traccia delle trame nelle quali la trasformazione in zombie dell’umanità costituisce la minaccia più pericolosa per coloro che ne sono rimasti incontaminati. Una lotta nella quale persone comuni, strappate alla quotidianità, si ritrovano proiettate a dover affrontare un viaggio ...

 

Agents of S.H.I.E.L.D. tra fumetto e serie televisiva

Ispirato dalla fortunata serie televisiva, la serie comics di “Agents of S.H.I.E.L.D.” targato Marvel Comics debutta nelle fumetterie americane il 13 gennaio 2016 con un primo arco narrativo intitolato “The Coulson Protocols”. La trama riserva molte sorprese. Maria Hill non è più a capo dello S.H.I.E.L.D. e il...

 

Da non perdere






Ultime news
Recensioni