X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione L'Atelier dei miracoli di Valérie Tong Cuong: la benedizione di una seconda chance

30/01/2014 14:00
Recensione L'Atelier dei miracoli di Valérie Tong Cuong la benedizione di una seconda chance

L'Atelier dei miracoli (Salani) di Valérie Tong Cuong: una figlia ripudiata, un senzatetto e una quarentenne in crisi sono i protagonisti intrappolati in un'esistenza che non li appartiene. L'Atelier offre loro la benedizione di una seconda chance, ma occorre conquistarsela facendo i conti con la propria coscienza.

L'Atelier dei miracoli (Salani) di Valérie Tong Cuong - Jean Hart è il carismatico capo dell'Atelier, un'associazione che si occupa di recuperare i casi umani più disperati. Grazie al suo programma all'avanguardia, sovvenzionato da privati, l'Atelier rimette in sesto le esistenze reiette. Trasforma tragedie in commedie brillanti lungo uno speciale percorso di formazione e una parola d'ordine: rivincita sulla vita. Tuttavia, è tutto oro quello che luccica?

Un inferno di fuoco - Millie vorrebbe solo dormire fino alla fine del weekend. Dal venerdì sera fino al lunedì mattina fluttuando in uno stato di incoscienza. Ma sente il fumo nei polmoni, l'appartamento sta andando a fuoco. Forse è stato Karnarek del piano di sotto. Da qualche tempo l'anziano non ci sta più con la testa, deve avere dimenticato il borsch sui fornelli. Perchè quel fuoco? Millie ripensa all'incendio di tanti anni fa, a quando tutto è cominciato. Pensa anche a quel suo ultimo giorno di lavoro in azienda. Un lavoro temporaneo da segretaria tuttofare, tanto ligia quanto invisibile, procuratele dall'agenzia. Forse quel fuoco non è un caso, sarebbe meglio chiuderla e basta. Nessuno la cercherebbe. I mesi accumulati si somigliano tutti. Senza alcuna promessa, né grosse preoccupazioni. Nell'inferno di fumo, c'è un'unica via di uscita: Millie si lancia dalla finestra. Un volo che disegna la forma di una forcina per capelli.
All'ospedale, l'illuminazione: una nuova vita, ricominciare da dove tutto è finito. Millie finge di avere perso la memoria, guadagnandosi il soccorso dell'Atelier. D'ora in poi, sarà Zelda Marin.

Carnevale in giallo: lo raccontano gli autori di casa Sellerio

La vita sul marciapiede - Il signor Mike abita in un gradino riparato dal portone di un palazzo. Una sistemazione contesa con il “folletto”, un poco di buono della peggior specie, che organizza una spedizione punitiva di gruppo armata di spranghe. Quella mattina il signor Mike, un bel tipo di un metro e novanta con le spalle di Rocky Balboa, ha bevuto troppe birre e ha la peggio.
All'ospedale con la milza spappolata, le cose sono piacevoli: un letto, le lenzuola pulite, le premure delle infermiere.
La vita sul marciapiede è breve. S'invecchia come i cani, gli otto mesi trascorsi equivalgono a cinque anni di guerra. Certo il signor Mike, ex militare, ha vissuto di peggio sulla propria pelle.
Lo stupore è grande quando riceve la visita del signor Hart con l'offerta di un lavoro presso l'Atelier come capo della sicurezza: la vita ricomincia a pulsare nelle vene.

Recensione Alice Munro, Chi ti credi di essere

La terza B - Mariette maledice i suoi giorni. Il suo matrimonio fallito, il suo senso di nullità e la terza B. Il brutto voto dato a uno studente, Zébranski il capobranco, ha scatenato la subdola vendetta di tutta la classe. Ci sono i caporioni e i seguaci, insieme si spalleggiano per l'obiettivo comune: far fuori l'insegnante. Le domande si fanno assillanti, le provocazioni continue. Ma la terza B non lascia prove dei misfatti. La parola di Mariette contro quella dei suoi studenti. E a loro viene sempre accordato il beneficio del dubbio. Persino la sua psichiatra solleva qualche dubbio: non è che stai esagerando in preda allo stress? Ha mai pensato di iscriversi a un corso di yoga?.
Finchè una mattina, all'ennesima provocazione, Mariette molla un ceffone a Zébranski facendolo ruzzolare giù per la scalinata di fronte a tutta la scuola. La diagnosi è sotto gli occhi di tutti: esaurimento nervoso, burnout. Il marito si precipita a scuola fuori di sè: è un politico importante in corsa per le elezioni. Che le è saltato in testa a sua moglie, rovinargli la reputazione?
Mariette viene ricoverata in un centro di salute mentale. È contrariata, poi sollevata: finalmente un po' di tempo da dedicare soltanto a se stessa. Dieci giorni in clinica le sono insufficienti, non si sente pronta ad affrontare il disprezzo del marito, l'indifferenza dei figli, l'angoscia quotidiana. Anche per lei, inaspettatamente, le viene offerto un posto all'Atelier.

Ernest Hemingway, Addio alle armi: dal libro al cinema, l'esperienza del volontario sul fronte italiano

Le persone sole muoiono prima - Millie, il signor Mike e Mariette sono i prescelti di una miracolosa opportunità: la garanzia di rinascita. Una volta entrati a far parte dell'Atelier, infatti, non c'è più motivo di preccuparsi per il futuro. L'avvenire è assicurato. Jean Hart non abbandona mai nessuno. Tuttavia, ogni cosa ha il suo prezzo. Figuriamoci, i miracoli.
L'Atelier dei miracoli di Valérie Tong Cuong solleva il polverone annidato sotto le relazioni sociali quotidiane: le fughe in avanti debilitano l'autostima, i silenzi murano cuori.
Anche impegnandoci, la sorte può rivelare insospettabili inganni. L'importante è continuare a viversela con un contratto di mutuo soccorso. Lo rivela Jean a Zelda: «Del resto, abbiamo tutti bisogno di un cerchio anche ristretto, è umano. Lo sa che le persone sole muoiono prima? Muoiono perchè non hanno scambi con nessuno. Muoiono a furia di non dire niente. Non chiedono nulla e non ottengono nulla, e quindi muoiono, non c'è niente da fare».

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Valiant, Secret Weapons: Livewire a capo di un team di reietti, il fumetto che vi sorprenderà

Valiant annuncia l'uscita di “Secret Weapons”, il cui primo numero debutterà in fumetteria il 28 giugno. A rendere la miniserie particolarmente ghiotta è il team creativo riunito dalla casa editrice formato da Eric Heisserer, sceneggiatore nominato all'Oscar per lo script non originale di “Arrival” (2016), Raul...

 

Dark Horse Comics, The Visitor: How and Why He Stayed: le ragioni dell'alieno sulle tracce di Hellboy

Dark Horse Comics annuncia una nuova miniserie radicata nell'universo di Hellboy. Si tratta di “The Visitor: How and Why He Stayed”, cinque numeri con il primo in uscita il 22 febbraio. Il protagonista è uno dei personaggi più intriganti introdotti nel fumetto, apparso nel primo “Hellboy: Seed of Destruction” (...

 

Z Nation comics, dopo la serie tv arriva la nuova saga a fumetti sugli zombie

Z Nation è la fortunata serie Tv che traccia delle trame nelle quali la trasformazione in zombie dell’umanità costituisce la minaccia più pericolosa per coloro che ne sono rimasti incontaminati. Una lotta nella quale persone comuni, strappate alla quotidianità, si ritrovano proiettate a dover affrontare un viaggio ...

 

Agents of S.H.I.E.L.D. tra fumetto e serie televisiva

Ispirato dalla fortunata serie televisiva, la serie comics di “Agents of S.H.I.E.L.D.” targato Marvel Comics debutta nelle fumetterie americane il 13 gennaio 2016 con un primo arco narrativo intitolato “The Coulson Protocols”. La trama riserva molte sorprese. Maria Hill non è più a capo dello S.H.I.E.L.D. e il...

 

Sniper Elite 4, recensione videogame per PS4 e Xbox One: la vita di un cecchino

Sniper Elite 4 è il videogioco a sfondo bellico sviluppato da Rebellion, che mette il giocatore nei panni di Karl Fairburne, cecchino professionista impegnato nella Campagna italiana durante la Seconda Guerra Mondiale. Il focus della produzione, che lo differenzia dagli altri sparatutto, è da ricercare nel gameplay, incentrato su elim...

 

Akame ga Kill! Zero, in arrivo il prequel del manga di Takahiro per Panini Comics

“Akame ga Kill! Zero #1” è in uscita il 9 marzo grazie a Panini Comics. Si tratta del prequel del celebre manga “Agame ga Kill!”, con la storia curata da Takahiro e i disegni realizzati da Kei Toru. La trama si concentra sul passato di Akame e della sorellina Kurome. Vendute da bambine all'Impero per essere trasforma...

 

Diabolik DK, la seconda stagione inedita

Diabolik DK la fortunata serie che narra le vicende del Re del terrore che ha avuto inizio come serie parallela alla più tradizionale collana creata negli anni sessanta, giunge alla sua seconda stagione. Solo ieri 12 febbraio veniva celebrato il ricordo della scomparsa di Angela Giussani avvenuta a Milano nel 1987 che insieme alla sorella Lu...

 

The Wild Storm, il fumetto che rilancia la fortunata etichetta di Jim Lee

DC Comics rilancia la fortunata etichetta WildStorm inaugurata con la prima serie “The Wild Storm” in uscita il 15 febbraio. A occuparsi del progetto c'è Warren Ellis, brillante autore bestseller del New York Times (“Transmetropolitan”, “Red” e “The Authority”), incaricato anche di curare le sc...

 

Recensione Baltimore: The Red Kingdom il nuovo numero uno della saga pubblicata da Dark Horse

Baltimore: The Red Kingdom è uscito in tutte le fumetterie americane il primo numero della nuova miniserie dedicata alla grande serie di Baltimore. Il primo numero di The Red Kingdom è stato pubblicato lo scorso 1° febbraio, questo nuovo arco narrativo conterà un totale di cinque numeri. La grande saga di Baltimore è...

 

Recensione Planetoid Praxis arriva la seconda miniserie di Ken Garing pubblicato da Image Comics

“Planetoid Praxis”, è tornata nelle fumetterie americane la seconda miniserie dello scrittore e disegnatore Ken Garing. Dopo cinque anni di attesa e di lavorazione la storia di Planetoid continua in questo nuovo lavoro. Nel 2012 uscì la prima mini serie pubblicata sempre dalla Image Comics, che conteneva un totale di cinqu...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni