X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione L'Atelier dei miracoli di Valérie Tong Cuong: la benedizione di una seconda chance

30/01/2014 14:00
Recensione L'Atelier dei miracoli di Valérie Tong Cuong la benedizione di una seconda chance

L'Atelier dei miracoli (Salani) di Valérie Tong Cuong: una figlia ripudiata, un senzatetto e una quarentenne in crisi sono i protagonisti intrappolati in un'esistenza che non li appartiene. L'Atelier offre loro la benedizione di una seconda chance, ma occorre conquistarsela facendo i conti con la propria coscienza.

L'Atelier dei miracoli (Salani) di Valérie Tong Cuong - Jean Hart è il carismatico capo dell'Atelier, un'associazione che si occupa di recuperare i casi umani più disperati. Grazie al suo programma all'avanguardia, sovvenzionato da privati, l'Atelier rimette in sesto le esistenze reiette. Trasforma tragedie in commedie brillanti lungo uno speciale percorso di formazione e una parola d'ordine: rivincita sulla vita. Tuttavia, è tutto oro quello che luccica?

Un inferno di fuoco - Millie vorrebbe solo dormire fino alla fine del weekend. Dal venerdì sera fino al lunedì mattina fluttuando in uno stato di incoscienza. Ma sente il fumo nei polmoni, l'appartamento sta andando a fuoco. Forse è stato Karnarek del piano di sotto. Da qualche tempo l'anziano non ci sta più con la testa, deve avere dimenticato il borsch sui fornelli. Perchè quel fuoco? Millie ripensa all'incendio di tanti anni fa, a quando tutto è cominciato. Pensa anche a quel suo ultimo giorno di lavoro in azienda. Un lavoro temporaneo da segretaria tuttofare, tanto ligia quanto invisibile, procuratele dall'agenzia. Forse quel fuoco non è un caso, sarebbe meglio chiuderla e basta. Nessuno la cercherebbe. I mesi accumulati si somigliano tutti. Senza alcuna promessa, né grosse preoccupazioni. Nell'inferno di fumo, c'è un'unica via di uscita: Millie si lancia dalla finestra. Un volo che disegna la forma di una forcina per capelli.
All'ospedale, l'illuminazione: una nuova vita, ricominciare da dove tutto è finito. Millie finge di avere perso la memoria, guadagnandosi il soccorso dell'Atelier. D'ora in poi, sarà Zelda Marin.

Carnevale in giallo: lo raccontano gli autori di casa Sellerio

La vita sul marciapiede - Il signor Mike abita in un gradino riparato dal portone di un palazzo. Una sistemazione contesa con il “folletto”, un poco di buono della peggior specie, che organizza una spedizione punitiva di gruppo armata di spranghe. Quella mattina il signor Mike, un bel tipo di un metro e novanta con le spalle di Rocky Balboa, ha bevuto troppe birre e ha la peggio.
All'ospedale con la milza spappolata, le cose sono piacevoli: un letto, le lenzuola pulite, le premure delle infermiere.
La vita sul marciapiede è breve. S'invecchia come i cani, gli otto mesi trascorsi equivalgono a cinque anni di guerra. Certo il signor Mike, ex militare, ha vissuto di peggio sulla propria pelle.
Lo stupore è grande quando riceve la visita del signor Hart con l'offerta di un lavoro presso l'Atelier come capo della sicurezza: la vita ricomincia a pulsare nelle vene.

Recensione Alice Munro, Chi ti credi di essere

La terza B - Mariette maledice i suoi giorni. Il suo matrimonio fallito, il suo senso di nullità e la terza B. Il brutto voto dato a uno studente, Zébranski il capobranco, ha scatenato la subdola vendetta di tutta la classe. Ci sono i caporioni e i seguaci, insieme si spalleggiano per l'obiettivo comune: far fuori l'insegnante. Le domande si fanno assillanti, le provocazioni continue. Ma la terza B non lascia prove dei misfatti. La parola di Mariette contro quella dei suoi studenti. E a loro viene sempre accordato il beneficio del dubbio. Persino la sua psichiatra solleva qualche dubbio: non è che stai esagerando in preda allo stress? Ha mai pensato di iscriversi a un corso di yoga?.
Finchè una mattina, all'ennesima provocazione, Mariette molla un ceffone a Zébranski facendolo ruzzolare giù per la scalinata di fronte a tutta la scuola. La diagnosi è sotto gli occhi di tutti: esaurimento nervoso, burnout. Il marito si precipita a scuola fuori di sè: è un politico importante in corsa per le elezioni. Che le è saltato in testa a sua moglie, rovinargli la reputazione?
Mariette viene ricoverata in un centro di salute mentale. È contrariata, poi sollevata: finalmente un po' di tempo da dedicare soltanto a se stessa. Dieci giorni in clinica le sono insufficienti, non si sente pronta ad affrontare il disprezzo del marito, l'indifferenza dei figli, l'angoscia quotidiana. Anche per lei, inaspettatamente, le viene offerto un posto all'Atelier.

Ernest Hemingway, Addio alle armi: dal libro al cinema, l'esperienza del volontario sul fronte italiano

Le persone sole muoiono prima - Millie, il signor Mike e Mariette sono i prescelti di una miracolosa opportunità: la garanzia di rinascita. Una volta entrati a far parte dell'Atelier, infatti, non c'è più motivo di preccuparsi per il futuro. L'avvenire è assicurato. Jean Hart non abbandona mai nessuno. Tuttavia, ogni cosa ha il suo prezzo. Figuriamoci, i miracoli.
L'Atelier dei miracoli di Valérie Tong Cuong solleva il polverone annidato sotto le relazioni sociali quotidiane: le fughe in avanti debilitano l'autostima, i silenzi murano cuori.
Anche impegnandoci, la sorte può rivelare insospettabili inganni. L'importante è continuare a viversela con un contratto di mutuo soccorso. Lo rivela Jean a Zelda: «Del resto, abbiamo tutti bisogno di un cerchio anche ristretto, è umano. Lo sa che le persone sole muoiono prima? Muoiono perchè non hanno scambi con nessuno. Muoiono a furia di non dire niente. Non chiedono nulla e non ottengono nulla, e quindi muoiono, non c'è niente da fare».

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Stifled, recensione videogame per PlayStation VR

Stifled è un videogioco che nasce da un progetto di alcuni studenti di Singapore, talmente interessante da attirare l’interesse di Sony, che ne ha promosso lo sviluppo e la successiva pubblicazione su PS4 e PS VR. Le idee del team Gattai Games si sono sposate con il visore di realtà virtuale, grazie all’originale utilizzo ...

 

Call of Duty WWII, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Call of Duty: WWII è il videogioco sviluppato da Sledgehammer Games e pubblicato da Activision Blizzard, uno sparatutto che ripercorre le tappe e gli eventi cruciali della Seconda Guerra Mondiale. La serie di Call of Duty ha rappresentato nell’era Xbox 360/PlayStation 3 la massima espressione degli FPS, con un’eccellenza raggiunt...

 

Recensione Lazaretto il nuovo fumetto horror della casa editrice BOOM! Studios

Lazaretto è la nuova serie di fumetti della BOOM! Studios, il primo numero è uscito lo scorso settembre e avrà una cadenza mensile. Lazaretto sarà composta da un totale di cinque numeri e in questo mese di novembre è arrivato nelle fumetterie americane il numero tre. La nuova serie è stata scritta da Clay M...

 

Empress il fumetto di Mark Miller e Stuart Immonen da cui è stato tratto il film

Empress è il fumetto scritto e disegnato da Mark Millar e Stuart Immonen. Questo albo in America è stato pubblicato dalla Icon, proprietà Marvel Comics, mentre in Italia è arrivato nel giugno scorso grazie alla Panini Comics. Dal fumetto di Millar e Immonen è stato tratto un film che presto sarà disponibile...

 

Horizon Zero Dawn: The Frozen Wilds, recensione videogame per PS4

Horizon Zero Dawn: The Frozen Wilds è l’espansione single-player del videogioco sviluppato da Guerrilla Games, uno dei migliori open-world della generazione e uscito in esclusiva solo su PS4. Il sorprendente prodotto della software house olandese ha creato un mondo meraviglioso e credibile, grazie a una storia raccontata in maniera int...

 

Justice League, nuove immagini del film DcComics

Sono state diffuse nuove immagini di “Justice League", il film diretto da Zack Snyder. Nelle immagini vediamo Bruce Wayne-Batman (Ben Affleck), Flash (Ezra Miller), Aquaman (Jason Momoa) e Cyborg (Ray Fisher). In altre immagini c’è Diana Prince-Wonder Woman (Gal Gadot). La trama s’incentra sulla scomparsa di Superman, con...

 

Image Comics, The Family Trade: il potere raccontato oggi

“The Family Trade” è la nuova miniserie fumettistica, cinque i numeri previsti, pubblicata da  Image Comics. Dopo il debutto lo scorso mese, il secondo numero uscirà il 15 novembre. Il fumetto gode di una location fittizia suggestiva. La trama è, infatti, ambientata in una città-isola, sita nel bel mezz...

 

Marvel Comics, la nuova serie di Falcon: esce l'atteso secondo numero

“Falcon 2”, il fumetto targato Marvel Comics, esce oggi 8 novembre. La nuova serie è stata accolta con successo, grazie alla rilettura del supereroe portato a confrontarsi con dinamiche di carattere sociale che riflettono l'attualità statunitense. La trama di “Falcon” è ambientata in una realistica Chic...

 

Just Dance 2018, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Just Dance 2018 è il videogioco sviluppato da Ubisoft, il punto di riferimento ormai da anni per il genere dei rythm game su console, come testimoniano i dati di vendita e il successo del brand. La stessa uscita annuale rafforza costantemente la presenza della serie sul mercato, per un titolo capace di ritagliarsi una grossa fetta di utenza ...

 

DC Comics, Liam Sharp disegna Batman/Wonder Woman in uscita a febbraio

Liam Sharp è un veterano delle storie di Batman. Inoltre, ha disegnato l'acclamata serie, in corso, con protagonista Wonder Woman, in epoca Rebirth. Al recente Stan Lee Comic Con, tenutosi a Los Angeles, il fumettista è nel team di una serie, targata DC Comics, incentrata sulla Principessa delle Amazzoni e l'Uomo Pipistrello. Il fum...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1