X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

La macchina di Anticitera: il gioiello di ingegneria capace di sfidare il XXI secolo

09/01/2014 14:00
La macchina di Anticitera il gioiello di ingegneria capace di sfidare il XXI secolo

Un pc a manovella in grado di decodificare il sistema solare. Un planetario che ha più 2000 anni, è grande come una scatola di scarpe e si aziona con il click di una levetta. È la macchina di Anticitera.

Nel 1900 un gruppo di pescatori di spugne s'imbatte nel relitto di una nave carica di statute di marmo e bronzo. Il relitto appartiene al I sec a. C. e contiene uno dei più importanti tesori dell'antichità nascosti, oggi conservati nel Museo Archeologico Nazionale di Atene. Tra gli oggetti trasportati, ce n'è uno che attira particolare curiosità: a prima vista un blocco di pietra che, tuttavia, ha ruote dentate, lancette e iscrizioni.
È la macchina di Anticitera.

Alla fine degli anni 50 Derek De Solla Price, studioso di Storia delle scienze, si appassiona al congegno e ne studia il meccanismo setacciando ogni pezzo ai raggi x: sulla facciata anteriore sono incise parole greche corrispondenti ai segni zodiacali. Uno degli anelli anteriori è diviso nelle 12 costellazioni dello zodiaco che consentono di monitorare il fenomeno dell'eclittica, il percorso apparente che il sole compie in un anno.
Il congegno funziona come una sorta di orologio, in grado di calcolare il movimento della luna in relazione al sole.

La pietra filosofale, il manoscritto segreto di Isaac Newton

Anche i greci, come molte civiltà antiche, si interessano alle fasi lunari, in base alle quali sintonizzarsi sui ritmi della natura. Di più. Cercano, infatti, di predirne l'andamento.
L'orbita lunare intorno alla terra e quella terrestre intorno al sole sono cicli diversi, non coincidenti. Conciliare gli schemi lunari con quelli solari è estremamente complesso. Eppure gli astronomi dell'Antica Grecia riescono a farlo.

Occorrono circa 27 giorni e 8 ore perchè la luna compaia nello stesso punto rispetto alle costellazioni dello zodiaco: è il mese siderale. Ma ci vogliono circa 29 giorni e 12 ore da un plenilunio all'altro.
Secondo Metone, astronomo greco del V secolo A. C., sole e luna tornano nella stessa posizione, in relazione l'uno all'altra e alle costellazioni dello zodiaco, ogni 19 anni solari. È il ciclo metonico secondo cui, appunto, ogni 19 anni la luna compie 254 rivoluzioni siderali: questa formula, frutto di calcoli matematici, è racchiusa nella macchina di Anticitera. Il sofisticato meccanismo degli ingranaggi dà vita alla formula matematica.

La macchina di Anticitera stabilisce con precisione la velocità della luna in un mese, nonostante gli astronomi dell'epoca credevano che i corpi celesti orbitassero intorno alla Terra in cerchi perfetti.
Oggi sappiamo che lo fanno in orbite ellittiche, causa di accelerazioni e conseguenti decelerazioni nei rispettivi moti. Tuttavia, nonostante l'handicap, gli astronomi greci trovano il modo di introdurre le variazioni di velocità di sole e luna nel calendario.
Inoltre, riescono a ideare gli ingranaggi di predizioni delle eclissi, fenomeno che si presenta con l'allineamento di sole, terra e luna - il tipo di eclisse dipende dalla posizione della terra rispetto al sole e la luna. Lo fanno basandosi sul ciclo di Soros, calcolato dai babilonesi, secondo cui ,se un'eclisse si presenta in un giorno x, tornerà a manifestarsi identica, ciclicamente, a distanza di 223 mesi.
Nel congegno ritrovato mancano gli ingranaggi dei pianeti - sono cinque i pianeti conosciuti, osservabili a occhio nudo: su questa parte, andata distrutta, si possono sollevare mere ipotesi.

Libro Il potere e la gloria di Graham Greene

Successivamente, ulteriori studi dimostrano che gli ingranaggi del meccanismo non reca segni di alcun tipo di modifiche. Significa che l'artefice è un esperto e che probabilmente esistono altri congegni del tipo. Tuttavia, di un planetario, simile ne è stato ritrovato solo uno e questo può dipendere dal materiale con cui è stato costruito: il bronzo, metallo prezioso che diventa, a un certo punto nella storia dell'Antica Grecia, raro.
Il calendario è frutto di una civiltà incredibilmente avanzata che non ha nulla da invidiare ai moderni planetari di ultima generazione: gli antichi greci hanno l'ardire (e la competenza) di commutare le osservazioni celesti in ingranaggi, meccanismi fondamentali che danno il via alla rivoluzione industriale.

Alcuni studiosi pensano sia un falso, accidentalmente buttato nei pressi del relitto, e che appartenga a epoche successive.
D'altro canto, secondo una scuola di pensiero, la perfezione del congegno può significare una cosa soltanto: è stato creato dagli alieni.
Il bestseller degli anni 60, Chariots of the Gods di Erich von Däniken, abbraccia questa teoria con entusiasmo. L'ipotesi aliena, tuttavia, è respinta da molti studiosi che obiettano la mancanza di prove. Meglio attenersi al fatto: le civiltà antiche - di cui evidentemente sappiamo poco - erano talmente avanzate da sbalordire gli ingegneri del XXI secolo.
Il gioiello di Anticitera è realizzato in base alle osservazioni astronomiche dei Babilonesi. I greci adoperano la loro conoscenza per costruire modelli geometrici del sistema solare e prevedere i futuri allineamenti di pianeti e stelle.

Libro Gianrico Carofiglio, Il bordo vertiginoso delle cose

Ancora oggi è impensabile costruire un planetario del genere per precisione, manualità artigianale e genio - perfezione tra le meraviglie: ciò implica un amaro dato di fatto, la conoscenza di una civiltà può andare perduta.
Per approfondire l'argomento, consigliamo La rivoluzione dimenticata. Il pensiero scientifico greco e la scienza moderna di Lucio Russo (Feltrinelli).

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Da 'Atomica Bionda' a 'Codename Baboushka': intervista a Antony Johnston e Shari Chankhamma

Antony Johnston è l‘autore della graphic novel “The Coldest City”, da cui è tratto il film “Atomica Bionda” di David Leitch con protagonista Charlize Theron (leggi la recensione del film). Johnston è anche autore della serie comics “Codename Baboushka” disegnata da Shari Chankhamma e i...

 

Matterfall, recensione videogame per PS4

Matterfall è il nuovo videogioco sviluppato da Housermarque, un action shooter in due dimensioni sullo stile degli storici Metal Slug e Contra. La versione moderna del run & gun è dello stesso team che ha partorito gli ottimi giochi pubblicati su PS4 da Sony, quali Resogun, Alienation e Nex Machina, da poco uscito. Lo stile grafic...

 

Marvel's Inhumans, un nuovo video svela il dietro le quinte della serie tv

Il debutto di “Marvel's Inhumans” avverrà negli Stati Uniti il 1° settembre, i primi due episodi saranno proiettati nei cinema IMAX per due settimana e dal 29 settembre la serie televisiva sarà trasmessa su ABC. La trama ruota attorno ai personaggi degli Inhumans creati da Stan Lee e Jack Kirby. Si tratta di un g...

 

Recensione Redlands il nuovo fumetto horror della casa editrice Image Comics

Redlands è il nuovo fumetto horror della casa editrice Image Comics. Il primo numero di questa nuova serie è stato pubblicato lo scorso 9 agosto in America e per leggere il secondo volume si dovrà aspettare fino al 13 settembre. Per la realizzazione di questo albo si è riunito un team creativo davvero d’eccezione, ...

 

The Shadow/Batman n.1 il nuovo fumetto creato in collaborazione tra DC e Dynamite

The Shadow/Batman n.1 sarà in vendita in America dal 4 ottobre prossimo, questo nuovo fumetto è stato creato in collaborazione tra DC Entertainment e Dynamite Entertainment. La nuova miniserie creata dallo scrittore Steve Orlando e disegnata da Giovanni Timpano arriva nell’arco temporale subito successivo al precedente crossover...

 

LawBreakers, recensione videogame per PS4 e PC

LawBreakers è uno sparatutto competitivo ideato da Cliff Bleszinsky, storico creatore della saga di Gears of War. Il nuovo progetto vira verso gli arena shooter degli anni Novanta, dove velocità, bravura e precisione facevano la differenza nei tesi e adrenalinici scontri in multigiocatore di Unreal Tournament e Quake. LawBrekers &egra...

 

IDW Publishing, Zombies vs Robots: dal fumetto al film

“Zombies vs Robots” è la celebre serie fumettistica realizzata da Chris Ryall, sceneggiatore a capo della sezione creativa della casa editrice IDW Publishing, e dall'artista Ashley Wood.Il debutto del fumetto avviene nel 2006, mentre dal 2011 si parla dell'interessamento da parte di Hollywood per farne un adattamento cinematograf...

 

Bao Publishing, Ryuko: il nuovo manga di Eldo Yoshimizu

Bao Publishing pubblica il nuovo manga "Ryuko", opera dell'artista giapponese indipendente Eldo Yoshimizu. Il primo volume, dei due previsti, sarà disponibile dal 31 agosto. La trama invita il lettore a conoscere Ryuko, giovane donna a capo di una potente comunità criminale appartenente alla Yakuza, la famigerata organizzazione mafio...

 

Hellblade: Senua's Sacrifice, recensione videogame per PS4

Hellblade: Senua's Sacrifice è un videogioco sviluppato da un team di sole venti persone, una produzione indipendente di Ninja Theory, autori dell’ultimo capitolo di Devil May Cry, un reboot coraggioso e ben riuscito. Hellblade è un progetto piccolo ma dall’ampio respiro narrativo, un viaggio di una decina di ore che ci co...

 

Valerian e la città dei mille pianeti, Luc Besson porta al cinema la graphic novel sci-fi

“Valerian e la città dei mille pianeti” è il prossimo film diretto da Luc Besson, in uscita nelle sale italiane il 21 settembre prossimo. Il film è ispirato a “Valérian and Laureline”, fumetto francese di successo internazionale a firma di Pierre Christin (sceneggiatura) e Jean-Claude Mézi...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni