X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

La macchina di Anticitera: il gioiello di ingegneria capace di sfidare il XXI secolo

09/01/2014 14:00
La macchina di Anticitera il gioiello di ingegneria capace di sfidare il XXI secolo

Un pc a manovella in grado di decodificare il sistema solare. Un planetario che ha più 2000 anni, è grande come una scatola di scarpe e si aziona con il click di una levetta. È la macchina di Anticitera.

Nel 1900 un gruppo di pescatori di spugne s'imbatte nel relitto di una nave carica di statute di marmo e bronzo. Il relitto appartiene al I sec a. C. e contiene uno dei più importanti tesori dell'antichità nascosti, oggi conservati nel Museo Archeologico Nazionale di Atene. Tra gli oggetti trasportati, ce n'è uno che attira particolare curiosità: a prima vista un blocco di pietra che, tuttavia, ha ruote dentate, lancette e iscrizioni.
È la macchina di Anticitera.

Alla fine degli anni 50 Derek De Solla Price, studioso di Storia delle scienze, si appassiona al congegno e ne studia il meccanismo setacciando ogni pezzo ai raggi x: sulla facciata anteriore sono incise parole greche corrispondenti ai segni zodiacali. Uno degli anelli anteriori è diviso nelle 12 costellazioni dello zodiaco che consentono di monitorare il fenomeno dell'eclittica, il percorso apparente che il sole compie in un anno.
Il congegno funziona come una sorta di orologio, in grado di calcolare il movimento della luna in relazione al sole.

La pietra filosofale, il manoscritto segreto di Isaac Newton

Anche i greci, come molte civiltà antiche, si interessano alle fasi lunari, in base alle quali sintonizzarsi sui ritmi della natura. Di più. Cercano, infatti, di predirne l'andamento.
L'orbita lunare intorno alla terra e quella terrestre intorno al sole sono cicli diversi, non coincidenti. Conciliare gli schemi lunari con quelli solari è estremamente complesso. Eppure gli astronomi dell'Antica Grecia riescono a farlo.

Occorrono circa 27 giorni e 8 ore perchè la luna compaia nello stesso punto rispetto alle costellazioni dello zodiaco: è il mese siderale. Ma ci vogliono circa 29 giorni e 12 ore da un plenilunio all'altro.
Secondo Metone, astronomo greco del V secolo A. C., sole e luna tornano nella stessa posizione, in relazione l'uno all'altra e alle costellazioni dello zodiaco, ogni 19 anni solari. È il ciclo metonico secondo cui, appunto, ogni 19 anni la luna compie 254 rivoluzioni siderali: questa formula, frutto di calcoli matematici, è racchiusa nella macchina di Anticitera. Il sofisticato meccanismo degli ingranaggi dà vita alla formula matematica.

La macchina di Anticitera stabilisce con precisione la velocità della luna in un mese, nonostante gli astronomi dell'epoca credevano che i corpi celesti orbitassero intorno alla Terra in cerchi perfetti.
Oggi sappiamo che lo fanno in orbite ellittiche, causa di accelerazioni e conseguenti decelerazioni nei rispettivi moti. Tuttavia, nonostante l'handicap, gli astronomi greci trovano il modo di introdurre le variazioni di velocità di sole e luna nel calendario.
Inoltre, riescono a ideare gli ingranaggi di predizioni delle eclissi, fenomeno che si presenta con l'allineamento di sole, terra e luna - il tipo di eclisse dipende dalla posizione della terra rispetto al sole e la luna. Lo fanno basandosi sul ciclo di Soros, calcolato dai babilonesi, secondo cui ,se un'eclisse si presenta in un giorno x, tornerà a manifestarsi identica, ciclicamente, a distanza di 223 mesi.
Nel congegno ritrovato mancano gli ingranaggi dei pianeti - sono cinque i pianeti conosciuti, osservabili a occhio nudo: su questa parte, andata distrutta, si possono sollevare mere ipotesi.

Libro Il potere e la gloria di Graham Greene

Successivamente, ulteriori studi dimostrano che gli ingranaggi del meccanismo non reca segni di alcun tipo di modifiche. Significa che l'artefice è un esperto e che probabilmente esistono altri congegni del tipo. Tuttavia, di un planetario, simile ne è stato ritrovato solo uno e questo può dipendere dal materiale con cui è stato costruito: il bronzo, metallo prezioso che diventa, a un certo punto nella storia dell'Antica Grecia, raro.
Il calendario è frutto di una civiltà incredibilmente avanzata che non ha nulla da invidiare ai moderni planetari di ultima generazione: gli antichi greci hanno l'ardire (e la competenza) di commutare le osservazioni celesti in ingranaggi, meccanismi fondamentali che danno il via alla rivoluzione industriale.

Alcuni studiosi pensano sia un falso, accidentalmente buttato nei pressi del relitto, e che appartenga a epoche successive.
D'altro canto, secondo una scuola di pensiero, la perfezione del congegno può significare una cosa soltanto: è stato creato dagli alieni.
Il bestseller degli anni 60, Chariots of the Gods di Erich von Däniken, abbraccia questa teoria con entusiasmo. L'ipotesi aliena, tuttavia, è respinta da molti studiosi che obiettano la mancanza di prove. Meglio attenersi al fatto: le civiltà antiche - di cui evidentemente sappiamo poco - erano talmente avanzate da sbalordire gli ingegneri del XXI secolo.
Il gioiello di Anticitera è realizzato in base alle osservazioni astronomiche dei Babilonesi. I greci adoperano la loro conoscenza per costruire modelli geometrici del sistema solare e prevedere i futuri allineamenti di pianeti e stelle.

Libro Gianrico Carofiglio, Il bordo vertiginoso delle cose

Ancora oggi è impensabile costruire un planetario del genere per precisione, manualità artigianale e genio - perfezione tra le meraviglie: ciò implica un amaro dato di fatto, la conoscenza di una civiltà può andare perduta.
Per approfondire l'argomento, consigliamo La rivoluzione dimenticata. Il pensiero scientifico greco e la scienza moderna di Lucio Russo (Feltrinelli).

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Kingsman 2: The Golden Circle, prossimamente al cinema

Kingsman, il film apparso nelle sale cinematografiche italiane nell’inverno del 2015 sta per avere un seguito. L’agenzia segreta indipendente narrata nel primo episodio, tratto dal fumetto Marvel Comics dal titolo The Secret Service, scritto da Mark Millar ed illustrato da Dave Gibbons, pubblicato nel corso del 2012, narra le azioni int...

 

The Pro, dalla graphic novel al film in cantiere per Paramount Pictures

Paramount Pictures ha acquistato i diritti di “The Pro”, l'irriverente graphic novel firmata da Garth Ennis e Jimmy Palmiotti, in collaborazione con Amanda Conner e Paul Mounts. “The Pro” debutta nel 2002, pubblicata da Image Comics. La trama ha come protagonista una prostituta che si risveglia con superpoteri. Affatto entu...

 

Syberia 3, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Syberia 3 è il videogioco sviluppato da Microids e pubblicato su PS4, Xbox One, Nintendo Switch e PC, il seguito di una delle avventure grafiche più apprezzate su personal computer della scorsa decade. L’arrivo del terzo capitolo, a lungo atteso, rappresenta il ritorno delle classiche avventure punta e clicca, un tuffo nostalgic...

 

Recensione Guardians of Galaxy vol. 2

L’attesa per i Guardiani della Galassia Vol. 2 è terminata, il film è finalmente giunto nelle sale cinematografiche, almeno in quelle italiane. Una nuova avventura spaziale fatta di battaglie epiche, ironia, buona musica ed effetti speciali spettacolari potrà essere gustata dagli appassionati della saga. Ma i "Guardiani d...

 

Doctor Who, si pensa ad una nuova protagonista femminile

Doctor Who, la longeva serie televisiva che ha per protagonista un eccentrico signore e viaggiatore del tempo e dello spazio che ha appassionato diverse generazioni susseguitesi dal 1963 ad oggi, sebbene con qualche interruzione, si sta per rigenerare, per mutare nella forma e nell’aspetto. Infatti, Peter Capaldi, interprete dell’attual...

 

Recensione Pretty Deadly un western-fantasy di grande valore per la Bao Publishing

Pretty Deadly è il nuovo lavoro pubblicato dalla casa editrice Bao Publishing. Questo fantastico fumetto ci porta in un mondo sospeso tra realtà e sogno, in uno albo che riesce a fondere lo stile western a quello fantasy. In America, Pretty Deadly, è uscito grazie alla nuova linea editoriale della Image Comics, che ha visto in ...

 

Recensione Aliens: Defiance una nuova miniserie per il mondo creato da Ridley Scott

Aliens: Defiance una nuova miniserie dedicata al mondo creato da Ridley Scott. Il primo numero è uscito in questo mese di aprile grazie alla casa editrice Saldapress, il secondo numero sarà in tutte le fumetterie il prossimo 19 maggio. In questo primo albo di Aliens: Defiance troviamo ben due episodi scritti da Brian Wood, disegnati d...

 

Guardians of Galaxy volume 3, l'annuncio

Guardians of Galaxy sin dal suo primo episodio ha ottenuto un ottimo successo di pubblico ed i favori della critica. Apparso al cinema nell’ottobre del 2014 è subito diventato un cult per gli amanti del genere ed entrato nelle simpatie dei fan, contagiati da quell’aria di eroi strampalati ed ironici che accompagnavano le loro avv...

 

Panini Comics ristampa Noragami, il popolare manga di Adachitoka

Panini Comics ristampa “Noragami”, il popolare manga scritto e disegnato da Adachitoka, in uscita il 27 aprile. La trama prende piede con l'adolescente Hiyori Iki che finisce sotto un autobus nel tentativo di salvare un coetaneo appeno incontrato, Yato. Hiyori ha una famiglia facoltosa con il padre medico, proprietario di una clinica,...

 

Yooka-Laylee, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Yooka-Laylee è un videogioco sviluppato da Playtonic, una software house che annovera al suo interno diversi componenti della vecchia Rare, creatrice di uno dei platform game più iconici della storia, Banjo Kazooie. Le meccaniche del titolo originale, nonché l’impianto visivo, si rifanno al prodotto uscito su Nintendo 64,...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni