X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Colloquio di lavoro: abbigliamento e atteggiamento giusto per affrontarlo

09/01/2014 12:00
Colloquio di lavoro abbigliamento atteggiamento giusto per affrontarlo

Nella speranza che, almeno nel 2014, si intraveda un barlume di luce nel tunnel in cui l'economia italiana è confinata e fiduciosi di poter almeno ottenere un colloquio di lavoro (eventualità che fino ad oggi è riservata a pochi fortunati), vediamo come affrontarlo al meglio

Cercare un posto di lavoro nell’epoca attuale è diventata una ‘mission impossible’: i Centri per l’impiego sono sommersi da Curriculum Vitae e la richiesta di offerta è in netta minoranza rispetto alla domanda di impiego.

Nella speranza che, almeno nel 2014, si intraveda un barlume di luce nel tunnel in cui l’economia italiana è confinata e fiduciosi di poter almeno ottenere un colloquio di lavoro (eventualità che fino ad oggi è riservata a pochi fortunati), vediamo come affrontarlo al meglio. Potete già essere fieri di voi stessi: se siete arrivati al colloquio di selezione, significa che avete già fatto molto di buono. L’azienda ha scelto il vostro curriculum, lo ha ritenuto interessante e intende conoscervi meglio per capire se siete davvero la persona adatta per il lavoro offerto. Arrivati a questo punto, ecco di seguito alcuni efficaci consigli per preparasi al fatidico ‘incontro conoscitivo’.

Prima di tutto il candidato deve cura la tua igiene personale. Non è un fatto così scontato e molti non lo fanno. Quindi niente forfora nei capelli, niente rimasugli di cibo tra i denti, profuma l’alito (niente gomme da masticare durante il colloquio!), ed elimina i cattivi odori. Spesso la prima impressione è quella che conta, sono i primi secondi quelli in cui il cervello del selezionatore inquadra il candidato, effettuando già una prima scelta istintiva. Qui entra in gioco l’abbigliamento adatto per affrontare un colloquio. La mise giusta può infatti fare la differenza: quando si affronta un colloquio di lavoro infatti, l'abito giusto può fare la differenza e qualunque cosa si decida di indossare, le parole d’ordine sono ordine e accuratezza. E’ infatti importante che sia pulito, stirato e privo di difetti: una macchia, un bottone che pende o peggio ancora uno strappo sono assolutamente vietati e significherebbero il fallimento del colloquio. Il dettaglio permette spesso al selezionatore di individuerà il candidato più affidabile. Presentarsi al potenziale datore di lavoro con abiti non adatti alla situazione e al ruolo per il quale ci si sta proponendo può rappresentare un enorme ostacolo all'assunzione.

Articolo Moda Uomo 2014

Ma come scegliere il vestito adatto? Un modo per essere certi di fare la giusta scelta in termini di abbigliamento potrebbe essere quello di informarsi circa l'azienda che ci ha contattati a fare il colloquio, in modo tale da fornire un'idea di come potremmo apparire una volta inseriti nell'organico. E, perché no, ‘l’aspirate assunto’ si potrebbe addirittura recare preventivamente sul luogo di lavoro per osservare i dipendenti mentre entrano o escono e prendere atto di ciò che indossano.
E anche se scopriamo che i dipendenti di una determinata azienda indossano jeans e maglietta, sarebbe comunque meglio evitare di andare al colloquio in jeans e maglietta, prediligendo comunque un abbigliamento formale, senza esagerare. Presentarsi in giacca e cravatta in un ambiente dove tutti i dipendenti sono in pantaloncini e infradito, sarà certamente fuori luogo, pertanto meglio optare per una via di mezzo che comunichi senso di responsabilità e professionalità, indipendentemente dal settore lavorativo.

Per quanto riguarda le professioni creative, si possono aggiungere degli accessori di moda al proprio look, anche se in genere meglio orientarsi su uno stille classico e sobrio, che trasmetta equilibrio. Ma attenzione, anche il colore gioca un fattore fondamentale nella scelta del giusto abito: esso è la prima cosa che si nota, pertanto va selezionato accuratamente. Il dubbio più classico è: neutro o colorato? Il nero e il grigio non sono gli unici colori, esistono anche molte tinte che possono rivelarsi vincenti, sia nell'abbigliamento maschile che in quello femminile, come il marrone, beige, verde, azzurro, rosa, lilla. Un ottimo compromesso sono i colori pastello, essi rappresentano quella via di mezzo tra la voglia di osare con il colore e il desiderio di apparire formali e professionali. Sono off limits invece le tinte accese, che potrebbero distogliere l'attenzione di chi ci sta intervistando e conseguentemente far passare in secondo piano le proprie qualità.

Articolo Moda smalto 2014

La regola valida sia per lui che per lei rimane quella di presentarsi puliti e in ordine. Un consiglio per le donne è quello di evitare di esporre troppa pelle scoperta (decolté, braccia, gambe) e di indossare scarpe adatte, evitando colori troppo vivaci, tacchi troppo alti o dita che spuntano. E siamo arrivati al momento clou, ovvero quello in cui si varca la soglia dell’ufficio in cui si svolge l’incontro per la possibile assunzione. Prima di tutto si saluta e si tende la mano per primo quando arriva l’esaminatore. La stretta di mano deve essere bella vigorosa e vitale, no alle mani flosce. Ci si siede in maniera composta, senza accavallare le gambe, le mani fuori dalle tasche, le braccia non incrociate. Meglio se ci si inclina un po’ verso l’esaminatore. Per colloquiare si intende parlare e discorrere. Questa è una parte fondamentale. Si dovrebbe usare un tono di voce chiaro, un po’ più alto che uno un po’ più basso per far sentire e capire in modo chiaro quello che si sta dicendo. Fondamentale è far comprendere che si segue con attenzione il discorso, facendo cenni di assenso o di diniego e attraverso le espressioni del viso

Non si interrompe l’interlocutore, a meno che non si abbia una domanda urgente ed estremamente pertinente a cosa sta dicendo e il candidato deve essere pronto a ricevere domande inaspettate ed anche personali. L’obiettivo dell’esaminatore è verificare la tua capacità di reagire agli imprevisti, la tua fiducia e la tua sincerità.

Si deve tenere ben in mente che il candidato si presenta al colloquio di lavoro per offrire la propria professionalità in cambio dello stipendio, e non per elemosinare un lavoro che potrebbero offrire. Da bandire è quindi l’atteggiamento del tipo “va bene qualsiasi cosa, basta che mi diate un lavoro”. Non affliggetevi se il colloquio ha avuto un esito negativo ma imparate da esso e prendetelo come occasione per migliorarvi in quelli successivi. Offrite la vostra candidatura e partecipate anche a colloqui che apparentemente non vi interessano: più se ne fanno e più miglioreranno le vostre capacità nell’affrontarli.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 

JK Rowling: via Twitter regala ad una bambina di Aleppo una copia di Harry Potter

JK Rowling ha inviato un libro di “Harry Potter” ad una giovane ragazza siriana di Aleppo. Secondo quanto riportato da Twitter Moment, la ragazza si chiama Bana ed è una bambina di 7 anni che vive nella città nel mezzo della guerra civile siriana. L’obbiettivo della richiesta effettuata dalla madre era distrarla dal...

 

Trolls, i libri che raccontato le creature presenti anche nel film

Vari sono i libri che racconta i Trolls, le creature presenti anche nel film “Trolls” della Dreamworks attualmente nelle sale. “Arrivano i troll!” di Alan MacDonald e illustrazioni di M. Beech mostra le avventure dell’originale famiglia di corpulenti e maleodoranti troll norvegesi che scombina la vita dei nuovi vicini...

 

Dance Dance Dance, l'edizione italiana del talent show debutta a dicembre su FoxLife

L’edizione italiana del talent show “Dance Dance Dance” debutta su Fox Life il 21 dicembre 2016. La nuova produzione originale di Fox Networks Group Italy realizzata da Toro Media vede protagoniste sei coppie di personaggi famosi, chiamate a cimentarsi nella reintepretazione di storiche coreografie tratte da videoclip musicali e ...

 

Nobel per la Letteratura 2016, vince Bob Dylan emblema di nuova espressione poetica

Il 109esimo premio Nobel per la Letteratura è stato vinto da Bob Dylan. Ad annunciarlo è l’Accademia di Svezia, con la motivazione : “i nuovi modi di espressione poetica”. Nel 2016 Bob Dylan ha pubblicato "Fallen Angels", Il primo lavoro è "Bob Dylan" (1962), cui seguirono 35 album come "Planet Waves" (1974),...

 

Dario Fo, il teatro della ragione umana nell'autore scomparso

Dario Fo, attore e scrittore scomparso all’età di 90 anni aveva da poco pubblicato “Charles Darwin. Ma siamo scimmie da parte di padre o di madre?”. Qui lo scienziato e viaggiatore viene proposto come assetato di conoscenza, con anni trascorsi in mare e terre lontane raccogliendo conchiglie, crostacei, coleotteri per studia...

 

Dan Brown, il nuovo libro dal titolo 'Origin' sarà pubblicato nel 2017

Dan Brown ha confermato che la casa editrice Doubleday  pubblicherà il nuovo libro nel 2017, dal titolo "Origin". Nella foto si mostra lo scrittore in piedi su una terrazza, con sullo sfondo la città di Firenze. Il libro tratterà ancora del professore esperto di simboli Robert Langdon, già raccontato nei quatt...

 

John Grisham, diffusa la trama del nuovo libro 'The Wishter' tra giudici corrotti e mafia

È stata diffusa in questi giorni la trama del nuovo libro di John Grisham, dal titolo "The Wishter" pubblicato il 25 ottobre 2016. Il romanzo ha come protagonista un giudice che per la sua posizione dovrebbe essere onesto e saggio, simboleggiando l'unione di integrità e imparzialità: quando l'uomo riceve una tangente ad occupa...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni