X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Italiani buongustai, in tv è boom cucina nonostante stravizi e problemi di peso

10/01/2014 16:00
Italiani buongustai in tv boom cucina nonostante stravizi problemi di peso

Da "La prova del cuoco" presentata da Antonella Clerici a "I menù di Benedetta" della Parodi. Dalle prodezze di Gabriele Rubini su DMax alle imprese culinarie dei motivatissimi concorrenti di "MasterChef". In tv è boom cucina: gli italiani, popolo di buongustai, non rinunciano a soddisfare il palato, benché straviziare non faccia bene alla salute e, dopo le recentissime feste di Natale, abbiano acquistato chili in più... Perché il cibo resta un'imperdibile tentazione

Italiani buongustai. Eterni mangioni affezionati al sugo di mammà ed in grado di vivacizzare le tavole di metà globo esportando maccheroni, pizza e spaghetti. Il cibo in Italia è un autentico culto e non c'è da chiedersene il motivo: basta assaggiare lasagne e tortellini in Romagna, cioccolato in Piemonte e fare un salto al Sud a degustare babà, cannoli, pastiere per registrare nella memoria di corpo e mente il più squisito dei piaceri della gola. Nutrirsi, nella nostra penisola, resta un'imperdibile tentazione. A dispetto dei chili di troppo. A volte, purtroppo, anche a scapito della salute.

La passione per il cibo è pure passione per la cucina. Capace di coinvolgere tutti, uomini, donne, bambini. E di spiegare, insieme, per così dire, ad altri ingredienti ad hoc, il successo delle numerose trasmissioni televisive che impazzano sui vari canali, parlando di ricette, sfizi culinari, colossali abbuffate, gare fra cuochi e simili. Dai creativi menù di Benedetta Parodi su La7 si passa al food unto e bisunto delle strade d'Italia, proposto in replica su  Dmax con la presentazione di  Gabriele Rubini. Dalle trovate quasi giornaliere de “La prova del cuoco” della simpatica Antonella Clerici ci si cala nelle seriose atmosfere delle differenti edizioni di “MasterChef”, tra ardue sfide sul filo del rasoio tra i motivatissimi concorrenti.

Ci sono persino trasmissioni, come il reality americano “Man vs. Food”, in cui l'abbuffata diventa show fino a scoppiare e a sentirsi male (e qui sarebbe lungo e doveroso il discorso da farsi in proposito sulla dubbia moralità di simili esempi, sul problema della fame nel mondo e sulla serietà e diffusione dei disturbi alimentari nelle società occidentalizzate). In tale programma l'anchorman Adam Richman peregrina di città in città per provare i piatti peculiari del luogo e tentare di vincere un duello inscenato in un ristorante locale: di solito deve terminare in tempo record mastodontici dolci o giganteschi e grassissimi menù salati od ancora pietanze mostruosamente piccanti.

Ma perché un argomento banale come il mangiare suscita tante attenzioni e conquista il grande pubblico? Forse perché è basilare, quotidiano, e cucinare è un qualcosa cui ciascuno, in modo più o meno avanzato, può avvicinarsi. In questo senso chiunque può essere  Adam Richman che trangugia un succulento pezzo di pizza o un aspirante chef che cerca d'eseguire alla perfezione una ricetta: trasmissioni che raccontano il cibo facilitano l'immedesimazione, in quanto parlano di noi. L'alimentazione è la più intima di tutte le forme di consumo, sottintende il principio d'”incorporazione” (“sono quel che mangio”), poiché implica la penetrazione del nutrimento dentro il nostro corpo, rendendolo così la nostra propria sostanza.

Mangiare è un'attività biologica che significa far nascere o rinascere la vita in sé e negli altri. Un atto simbolico. Un comportamento legato alla cultura. Un'affermazione d'identità. È cura di sé stessi  e del prossimo: se sono quel che mangio devo controllare ciò che mangio e ciò che mangiano le persone che amo. L'alimentazione è la prima medicina e risulta necessario sapere quel che mangiamo per non rischiare di non sapere ciò che siamo.



 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Michael Bublé: 'Ora apprezzo la vita molto di più' confida la moglie sulla guarigione del figlio

La moglie di Michael Bublé, Luisana Lopilato ha diffuso la notizia sulla guarigione del loro figlio, Noah. I due avevano confermato nel 2016 che il figlio fosse affetto da una forma di tumore al fegato. Durante una conferenza stampa in Argentina, Luisana Lopilato ha detto ai giornalisti: “Grazie a Dio, mio figlio sta bene. Quando si ...

 

'La nostra società sta diventando eccessivamente protettiva': intervista a Daniele Fabbri

Abbiamo intervistato il comico Daniele Fabbri, protagonista il 7 aprile al Teatro Douze di Roma con un nuovo significativo show.  D: Il tuo nuovo monologo si intitola “Infarto Cesareo”, cosa lo distingue rispetto ai precedenti? R: La voglia di essere più scemo. Nei miei primi spettacoli ho cercato di esplorare un umor...

 

Care figlie vi scrivo, il libro tra cinema e passione di Marisa Bruni Tedeschi

Care figlie vi scrivo è il libro uscito di recente di Marisa Bruni Tedeschi che racconta una famiglia cresciuta tra il cinema la politica.  Marisa Bruni Tedeschi è pianista, ha vissuto una vita da artista: racconta qui la giovinezza nell'Italia fascista, la morte precoce del padre, l'incontro nel 1952 con il marito Alberto, indu...

 

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 

JK Rowling: via Twitter regala ad una bambina di Aleppo una copia di Harry Potter

JK Rowling ha inviato un libro di “Harry Potter” ad una giovane ragazza siriana di Aleppo. Secondo quanto riportato da Twitter Moment, la ragazza si chiama Bana ed è una bambina di 7 anni che vive nella città nel mezzo della guerra civile siriana. L’obbiettivo della richiesta effettuata dalla madre era distrarla dal...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni