X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Godzilla, la soluzione al pericolo nucleare nel nuovo film sul dinosauro con Aaron Taylor-Johnson

31/12/2013 08:00
Godzilla la soluzione al pericolo nucleare nuovo film sul dinosauro con Aaron Taylor-Johnson

Godzilla: il mostro nato da radiazoni nucleari torna in un nuovo film. Ma stavolta il suo obiettivo è di pace e non solo di distruzione

Godzilla è il film di fantascienza in uscita il 16 maggio 2014 negli Stati Uniti, diretto da Gareth Edwards e interpretato da Aaron Taylor-Johnson, Elizabeth Olsen, Juliette Binoche e David Strathairn.

La trama ruota attorno al mostro Godzilla di Toho, il quale deve combattere contro le creature malevoli che minacciano l’umanità.

Era il 1954 quando il regista giapponese Ishiro Honda portò il personaggio per la prima volta sullo schermo. Qui una barca da pesca viene attaccata da un lampo di luce vicino Odo Island, e la causa è il mostro marino conosciuto come "Godzilla", enorme creatura a metà tra un odierno rettile e un dinosauro, nato a causa di un’esplosione nucleare. Il mostro crea devastazioni, e il metodo che gli abitanti usano per allontanarlo è anche la fede e la preghiera. Alla fine del film il mostro muore, vanificato in fondo al mare con la convinzione che se l'umanità continuerà a testare armi nucleari un altro Godzilla possa tornare di nuovo.

Il mostro è ispirato all’immaginario Rhedosaurus creato dall’animatore Ray Harryhausen per il film “Il risveglio del dinosauro” (”The Beast from 20,000 Fathoms”) del 1953. È sia anfibio che capace di muoversi sulla terra, con una pelle squamosa, punte sul dorso e sulla coda e un fronte corrugata. Per rimarcare il rapporto del mostro con il bomba atomica e le radiazioni letali la texture della pelle è ispirata alle cicatrici viste sui sopravvissuti di Hiroshima. Nei fumetti è speso di colore verde, e quando all’interno del corpo si genera un’esplosione nucleare, dalle fauci emette un raggio di calore radioattivo. È immune alle tradizionali armi grazie alla sua pelle robusta e la capacità di rigenerazione, e poiché è sopravvissuto ad una esplosione nucleare non può essere distrutto da nulla che sia meno potente. 

L’aspetto particolare è che non ha un istinto predatorio e non mangia gli umani, sostentandosi con le radiazioni.

Dal punta di vista morale è un “dio della distruzione”, che annichilisce ma dalle cui ceneri nasce sempre qualcosa di nuovo. 

Ed è proprio questo aspetto su cui si concentra il  nuovo film in uscita. Godzilla qui uccide altri esser malevoli, con una modalità che fa presagire un suo altruismo. La stessa Warner Bors che produce il film con la Legenday Pictures ha avallato questo messaggio positivo con le recenti produzioni, da “The Hunger Games” a “Lo hobbit”, e anche  stavolta il soggetto del film riproduce tale ottimismo.

La rinascita non è casuale, ma occorre che sia sempre promossa dagli individui. In questo caso da un mostro, che pur se nato da un errore umano si pone risolutore. Certamente alle semplici persone non è dato di porre rimedio a questo disfacimento, perché occorre o essere predatori come in “The Hunger Games” o catapultati in un mondo magico come in “The Hobbit”. Se la paura degli attentati assedia l’umanità, allora la soluzione è solo superiore alle nostre possibilità d’intervento. In tal senso Godzilla dopo i buoni incassi del 1998 di 379 milioni di dollari, ancora ignaro dell’attentato alle Torri Gemelle rappresenta quel potere superiore che ci infonde sicurezza e non più timore.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
David Strathairn, Elizabeth Olsen, Juliette Binoche
Film correlati
Godzilla



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Scarlet Witch in Avengers Age of Ultron, i suoi poteri sconvolgeranno i supereroi

Scarlet Witch. Nel prossimo film dei Marvel Studios vengono inseriti due nuovi personaggi: Scarlet Witch, il cui vero nome è Wanda Maximoff, e Quicksilver il cui vero nome è Pietro Maximoff. Nuovi solo nel mondo cinematografico, perché nel mondo dei comics sono stati disegnati per la prima volta nel 1964. Sono fratelli gemelli ...

 

Words and pictures recensione film, Clive Owen diverte in un rapporto di amore/odio con Juliette Binoche

Words and pictures è diretto da Fred Schepisi (Vizio di famiglia) ed esce nei cinema italiani il 13 novembre. È il primo film prodotto dalla Latitude Prodctions ed è distribuito nel nostro paese dalla Adler Entertaiment. Words and pictures trama, la vita di Jack Marcus non sta andando nel migliore dei modi per usare un eufemis...

 

Sils Maria recensione film, Juliette Binoche e Kristen Stewart in ritiro sulle Alpi svizzere

Sils Maria film diretto da Olivier Assayas, prodotto da Good Films e presentato nella selezione ufficiale del Festival di Cannes 2014. Sils Maria trama, gioco di specchi. A Maria Enders, attrice all’apice della sua carriera, viene offerto di prendere parte ad una pièce teatrale, in cui aveva già recitato vent’anni prima...

 

Chloe Grace Moretz, Resta anche domani: giovane star sotto i riflettori

Resta anche domani trama tratta dal libro di Forman. Il suo debutto è nel segno dell'horror in cui interpreta Chelsea Lutz nel remake di Amityville nell 2005. Ma la ricordiamo soprattutto come volitiva eroina mascherata nel ruolo di Hit-Girl in Kick Ass accanto ad Aaron Taylor - Johnson. Intanto, Chloe Grace Moretz si gode il successo e...

 

Cannes 2014: nuovo film Clouds of Sils Maria di Olivier Assayas con Juliette Binoche e Kristen Stewart

Clouds of Sils Maria. È “Clouds of Sils Maria” l'ultimo film  del cinquantanovenne regista francese  Olivier Assayas che propone alla giura del Festival di Cannes un'opera intelligente e raffinata, capace di far riflettere sullo scorrere del tempo, sul lavoro dell'attore che è caratterizzato insieme da fascino e ...

 

Recensione film Red Lights, Robert De Niro e l'enigmatica caccia ai fenomeni paranormali

Red Lights, presentato la scorsa settima al Lucca Comics 2012, è il thriller psicologico e drammatico che presenta un duo d'eccezione composto dagli attori Sigourney Weaver e Robert De Niro, diretti da Rodrigo Cortés che nel 2010 è stato il regista dell'apprezzato film Buried - Sepolto. La dottoressa Margaret Matheson (Sigourn...

 

Red Lights - Il paranormale al cinema

Red Lights, ultima opera del regista e sceneggiatore spagnolo Rodrigo Cortés dopo l'interessante e claustrofobico Buried - Sepolto (2010), è un thriller con sfumature horror che presenta un ricco cast composto da Sigourney Weaver, Robert De Niro, Cillian Murphy, Elizabeth Olsen e Toby Jones. I fenomeni paranormali sono al centro di q...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni