X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione film I sogni segreti di Walter Mitty, la sfida vinta di Ben Stiller

19/12/2013 08:00
Recensione film I sogni segreti di Walter Mitty la sfida vinta di Ben Stiller

I sogni segreti di Walter Mitty: le prime recensioni del film di Ben Stiilelr sono contrastanti. Ma non comprendono appieno la novità stilistica del regista Stiller e soprattutto di un modo di fare cinema inusuale e innovativo per Hollywood. Il film è tratto dal racconto di "The Secret Life of Walter Mitty" di James Thurber, e dal 1994 le difficoltà produttive segnano la nuova trasposizione

I sogni segreti di Walter Mitty (“The secret life of Walter Mitty”) è il film con cui Ben Stiller torna alla regia dopo  “Tropic Thunder” (2008). Nel cast ci sono lo stesso Stiller, Kristen Wiig, Shirley MacLaine, Adam Scott, Kathryn Hahn e Sean Penn.

La trama segue le vicenda del dipendente di Life Magazine Walter Mitty, addetto alla conservazione dei negativi. In sedici anni di carriera non perse mai un negativo, ma ora il fotogramma numero 25 pare dissolto. Così l'obiettivo di Walter è ritrovarlo, pur se nelle sue ricerche ha un antagonista inaspettato, ossia i propri sogni.

Walter infatti ambisce ad una vita ulteriore, fatta di capacità di estraniarsi dalla realtà, tanto da immaginarsi in situazioni estreme, cosicché possa assolvere alla sua funzione di eroe. È al lavoro e vede la donna di cui è infatuato Cheryl Melhoff: allora immagina che il soffitto crolli e lui arrivi da montagne innevate con l'obiettivo di salvarla. Aspetta la metropolitana: immagina che il palazzo dietro di lui stia incendiando cosicché possa tuffarsi nell’edificio e salvare la cagnolina in pericolo di Cheryl. 
Queste intermittenze della sua vita non lo distolgono però dall'obiettivo, ossia trovare il fotografo Sean O'Connell che possa restituirgli una copia del negativo numero 25.

La pellicola ambiziosa di Ben Stiller tenta di creare una nuova visione della cinematografia americana, fatta di sogni che possano permetterci di evadere dalla quotidianità. E se il progetto era in lavorazione dal 1994 e solo ora è riuscito a trovare una collocazione è segno che il regista e il produttore Samuel Goldwyn sono riusciti ad intercettare un’esigenza dello spettatore odierno, ossia di non relegare i messaggi salvifici ad esseri superiori come quelli presenti in “The Hobbit” o in “The Hunger Games” bensì nelle nostre stesse volontà. 

Il film è tratto da un’opera breve di James Thurber, “The Secret Life of Walter Mitty” del 1939 in cui il protagonista vola con la mente tra missioni della US Navy, una sala operatoria in qualità di chirurgo, un tribunale come testimonia contro un assassino, una missione suicida come pilota del Royal Air Force, un plotone di esecuzione. Già nel 1947 Norman Z. McLeod diresse un film tratto dal  racconto, però ossequioso verso il testo. E la produzione allora era dello stesso Samuel Goldwyn Senior, di cui oggi il figlio e il nipote tentano una riproposizione dei fasti. Il film doveva essere realizzato appunto nel 1994 con Jim Carrey, e negli anni passò a Ron Howard, Steven Spielberg, Sacha Baron Cohen e Gore Verbinski. Alla fine fu la sceneggiatura di Steven Conrad, già autore de “La ricerca della felicità” ad esprimer il giusto connubio tra realismo e onirismo non relegato a gag.

Ben Stiller ha saputo usare la sceneggiatura in maniera ottimale, soprattutto riflettendo un’inquietudine attuale nel desiderio di Walter di fantsticare. Il sogno di Walter è quello quotidiano di ognuno di noi, che mentre ci assale ci fa dimenticare che dovevamo prendere la metropolitana. Un sogno che certamente rende fragili ma che è l’unico rimedio reale ad un pessimismo imperante, cui lo stesso Walter non vuol sottomettersi. Così come non vuol soggiacere al nuovo manager dell’azienda, Ted Hendricks che lo ridicolizza e rappresenta lo svilimento della sua personalità. 

Il medesimo stile di regia evidenzia questa nuova maturità di Stiller regista, fatta di rese di distanza quasi bergmaniane nel momento cui cui Walter è immerso nei suoi sogni. Infatti il regista Stiller mentre inquadra il protagonista Walter, spesso con la telecamera si allontana, quasi a disconoscere il suo operato. Nemmeno Stiller sa se sia giusto e meno affrontare questo percorso ma raccontarlo implica già una sfida. Senza considerare che in un film così complicato Stiller è sia il detentore della sua morale in quanto regista, che vittima in quanto attore.

La medesima fotografia di Stuart Dryburgh rende appieno la differenza tra realismo e visionarietà, così come la musica multicolore di Theodore Shapiro. Non a caso Stiller ha confessato di voler girare il prossimo filma Roma, perché gli ricorda un film onirico come “La dolce vita”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Kristen Wiig, Shirley MacLaine, Ben Stiller, Sean Penn, Kathryn Hahn, Adam Scott



Articoli correlati

The Last Word: il film commedia con Amanda Seyfried e Shirley MacLaine

Trama. Il film narrerà la storia di “Hariett” una donna d’affari in pensione che vuole controllare tutto intorno a lei. Proprio per questo affiderà a una giovane giornalista di una testata locale il compito di scrivere il suo necrologio. Quest’ultima però non si accontenterà di scrivere solo ci&og...

 

Charlize Theron, splendida quarantenne tra vita famigliare e set

Charlize Theron, dalla moda al cinema. Charlize Theron approda nel mondo dello spettacolo grazie alla straordinaria bellezza e un fisico mozzafiato che, ad oggi, compiuti i 40 anni, desta ammirazione come ai tempi del celebre spot della Martini. Eppure, la carriera di modella è solo il trampolino di lancio per quella futura di attrice. La ri...

 

Charlize Theron e Sean Penn post Cannes, la coppia presto al cinema

Charlize Theron e Sean Penn si sarebbero lasciati. A darne notizia è Us Weekly. Tuttavia, la coppia non ha rilasciato dichiarazioni in merito. Sean Penn aveva accompagnato la compagna all'ultimo Festival di Cannes, in occasione della presentazione in anteprima di Mad Max: Fury Road. Oscar. Amici di lunga data, si sono fidanzati alla fine de...

 

Ghostbusters, il film reboot di Paul Feig è tutto al femminile

Ghostbusters. E’ un film Usa di genere commedia/fantasy/azione del 2015, diretto da Paul Feig e scritto dal celebre Dan Aykroyd in collaborazione con Katie Dippold. La pellicola è il reboot del film campione di incassi “Ghostbusters” del 1984, e ormai considerato un cult del genere. Il film originale ispirò anche il ...

 

Ghostbusters 3, da supereroe a sexy segretario: Chris Hemsworth benvenuto nel cast

Chris Hemsworth. Da supereroe a sexy segretario: Chris Hemsworth gestirà le chiamate in soccorso delle persone che richiedono l'intervento delle acchiappafantasmi. Lo ha annunciato il regista Paul Feig tramite Twitter, Hemsworth entra nel cast del reboot al femminile, la cui uscita statunitense è prevista per il 22 luglio del 2016. G...

 

Zoolander 2: il film di Ben Stiller con Owen Wilson

Zoolander 2 è un film commedia Usa del 2015, diretto da Ben Stiller su sceneggiatura dello stesso regista in collaborazione con Justin Theroux. Il film è il sequel del film campione di incassi del 2001, "Zoolander", scritto, diretto ed interpretato da Ben Stiller, che ha portato sul grande schermo una riuscitissima parodia d...

 

Ben Stiller: lavorò anche al film 'Zoolander' la madre Anne Meara scomparsa a 85 anni

Ben Stiller ha subito un lutto nella giornata di sabato 23 maggio, perdendo la madre Anne Meara di 85 anni. Comunicato. La famiglia di Meara e Jerry Stiller, sono stati sposati per 61 anni, lavorato insieme per tutta la carriera, così come indicato nel comunicato stampa ufficiale inviato. Meara era una commediografa prolifica, così c...

 

Jasmine Trinca, l'attrice italiana al fianco di Sean Penn nel film d'azione The Gunman

Jasmine Trinca, la trentaquattrenne attrice romana scoperta da Nanni Moretti e protagonista di “Miele” e “Nessuno si salva da solo”, è in questi giorni nelle sale italiane con “The Gunman” di Pierre Morel, un film d’azione con un cast internazionale, che va da Sean Penn a Javier Bardem. Jasmine Trin...

 

The Gunman recensione film, Sean Penn killer professionista pentito e innamorato

The Gunman film diretto da Pierre Morel, scritto da Peter Travis, Don McPherson e dallo stesso Sean Penn. La pellicola è tratta dal romanzo "Posizione di tiro" di Jean-Patrick Manchette. The Gunman trama. Jim Terrier è un contractor delle forze speciali, attivo nelle zone ad alto rischio del Congo per una missione segreta, la quale p...

 

The Gunman, Jasmiine Trinca affianca Sean Penn nel nuovo film di Pierre Morel

The Gunman, il nuovo film diretto dal regista francese Pierre Morel arriverà nelle sale cinematografiche italiane il prossimo 7 maggio, distribuito da 01 Distribution.  Film, scritto da Don Macpherson, Pete Travis e Sean Penn, il film è basato sul romanzo 'Posizione di tiro' (1981) di Jean-Patrick Manchette.  Interpre...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni