X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione Oriana. Una donna di Cristina De Stefano: faccia a faccia con la Storia

17/12/2013 14:30
Recensione Oriana. Una donna di Cristina De Stefano faccia faccia con la Storia

«Ho avuto la fortuna di essere stata educata da due genitori molto coraggiosi. Coraggiosi fisicamente e moralmente. Mio padre era un eroe della Resistenza e mia madre non gli è stata da meno». (Oriana Fallaci)

"Oriana. Una donna" (Rizzoli) di Cristina De Stefano ripercorre la vita della giornalista italiana più famosa all'estero rivelandone molti episodi inediti. 

Oriana Fallaci è una grande lavoratrice. Ha appena finito il liceo quando diventa una cronista del Mattino. Nonostante la giovane età, dimostra a chiunque le capiti a tiro di che pasta è fatta. Va ovunque, scrive di tutto. Capisce che solo in questo modo ha la possibilità di affinare la qualità della propria scrittura. Diventare la più brava è indispensabile per difendersi dalle prepotenze della storia, glielo ripete mamma Tosca da sempre.
Nei primi anni 50 scrive per l'Europeo. Si occupa di spettacolo. La sua prima intervista è all'imperatrice Soraya. L'arte di intervistatrice si mostra già in quell'occasione.
Conduce l'interlocutore dove vuole lei: un dettaglio non è mai insignificante, una risata fuori posto o un gioco nervoso di mani svelano cose. Non ha soggezione di nessuno. Scrive dalla parte dei lettori.

Tra gli scontri leggendari di cui è protagonista, quello con il collega Davide Lajolo che ha fatto la Resistenza - noto con il nome di battaglia di Ulisse. Oriana lo incontra per chiedere spiegazione di una critica. Lajolo, scherzando, mette sul tavolo una pistola. Lei, senza fare una piega, ci mette il rossetto.

Dopo aver messo sottosopra le celebrità di Cinecittà, riserva lo stesso trattamento ai divi di Hollywood. Creature egocentriche, abituate a fingere.
Oltreoceano cerca di imparare tutto quello che può dai colleghi americani. Capisce che l'America è il tempio dell'informazione. Ottiene un permesso permanente che poi le permetterà di trasferirsi a New York.

Inattese, certe sfumature della sua personalità che emergono dalla biografia di Cristina De Stefano. È un'ottima cuoca. Ha paura di volare. Durante i viaggi in aereo ricama, eccelle nel piccolo punto.
Innamorata, è una donna insospettabilmente fragile. 

Qaundo tra il 1963 e 1964 segue gli astronauti della Nasa a Houston, Oriana Fallaci è già una penna di successo: il soggiorno servirà per gli articoli da corrispondente e un libro.
"Se il sole muore" non delude le aspettative di vendite, anzi.
La trasferta americana è interrotta dalle condizioni di salute della madre.
Nel frattempo, è diventata l'amica degli astronauti. Tra loro, Charles Conrad, per tutti Pete. Nel luglio del 1969 il mondo assiste con il fiato sospeso al primo allunaggio. Oriana è lì, in prima fila, a Cape Kennedy. Sarà Neil Armstrong a entrare nella storia. Pete, sulla luna, ci arriverà qualche mese dopo, senza clamore. Lassù porterà, come le ha promesso, la foto di Oriana bambina in braccio alla madre. Un ricordo conservato, nonostante la brusca fine dell'amicizia, con dedica: «Cara Tosca, abbiamo portato questa fotografia a bordo dello Yankee Clipper fino all'Oceano delle Tempeste, sulla Luna. 14-27 novembre 1969, per Oriana. Firmato: il comandante dell'Apollo 12!».

Nel novembre del 1967, a 38 anni, la Fallaci parte per il Vietnam per l'Europeo. A Saigon c'è un solo nome che conta nel mondo dei media, e non solo. È François Pelou dell'Agence France-Presse. Ha 42 anni. È un veterano del giornalismo internazionale. Nonostante tutto quello che ha visto e vissuto, è ancora incapace di abituarsi alla morte. Proprio come Oriana.
Sono tempi “felici” per i corrispondenti di guerra. Basta esibire il pass e si ha accesso ovunque. Oriana è la prima donna reporter di guerra in Italia. Non si tirerà mai indietro. I suoi pezzi saranno ripresi dalla stampa internazionale e confermano la bravura di una fuoriclasse. 

Incontra François. Si innamorano.
Tra le carte di guerra, Oriana appunta: «Alle sei è arrivato François, mezzo addormentato. Sbadigliando ha spalancato la portiera dell'automobile, e m'ha fatto entrare. Per strada ha parlato di tutto fuorchè di vietcong e aereoplani, occupandosi principalmente di vincere il sonno. A Biên Hòa s'è accorto che non avevo gli scarponi militari, portavo i mocassini, e s'è svegliato di colpo. Gridava che se avessi dovuto buttarmi col paracadute mi sarei spaccata in cento pezzi le gambe, che alla guerra non dovrebbero accettare le donne e gli idioti, che ormai era tardi per tornare indietro e cambiare quei mocassini eccetera. Così gridando se n'è andato via senza nemmen salutarmi».
In quell'occasione chiede una sorta di attestato della velocità raggiunta in missione per mostrarlo agli amici astronauti.
Anche Pelou ricorda l'episodio: «Oriana era una leonessa, pronta a qualsiasi esperienza. Eppure aveva questi lati da sprovveduta, da irresponsabile. Quella volta dei mocassini mi arrabbiai perchè salire sugli aerei militari con scarpe del genere poteva esser pericoloso. Oriana mi parlava sempre dei bombardamenti a Firenze quando era ragazzina, di suo padre partigiano, del suo ruolo di staffetta durante la Resistenza, ma in realtà non conosceva le azioni di guerra. Imparò tutto qui e i suoi reportage furono eccezionali».

Nell'ottobre del 1968 Oriana Fallaci va a Città del Messico dove è in còrso una manifestazione contro il governo. È su una terrazza che si affaccia nella Piazza delle Tre Culture, insieme ai rappresentanti della protesta - studenti e operai - e la stampa, quando viene colpita insieme a un collega della Associated Press. Tre scatti fanno il giro del mondo: lei si salva per un soffio, il collega muore.

Comincia la stagione delle celeberrime interviste politiche: Yasser Arafat, Henry Kissinger, Golda Meir, Indira Ghandi, Ali Butto, Khomeini, Gheddafi. Ne nascono scandali, incidenti diplomatici. I potenti della storia la temono.
Fidel Castro e Giovanni Paolo II rifiuteranno di farsi intervistare da lei.

"Oriana. Una donna" è una biografia appassionante. La prima, voluta e autorizzata dal nipote Edoardo Perazzi.
Racconta l'autrice: “Quarantadue chili per un metro e cinquantasei di altezza. Era una cosa su cui scherzava spesso: «La gente, quando mi conosce, rimane sorpresa da tanta pochezza. E io allargo le braccia e dico: Tutto qui!»”. Una forza della natura.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 
Serie TV correlate
L'Oriana

Altri articoli Home

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 

JK Rowling: via Twitter regala ad una bambina di Aleppo una copia di Harry Potter

JK Rowling ha inviato un libro di “Harry Potter” ad una giovane ragazza siriana di Aleppo. Secondo quanto riportato da Twitter Moment, la ragazza si chiama Bana ed è una bambina di 7 anni che vive nella città nel mezzo della guerra civile siriana. L’obbiettivo della richiesta effettuata dalla madre era distrarla dal...

 

Trolls, i libri che raccontato le creature presenti anche nel film

Vari sono i libri che racconta i Trolls, le creature presenti anche nel film “Trolls” della Dreamworks attualmente nelle sale. “Arrivano i troll!” di Alan MacDonald e illustrazioni di M. Beech mostra le avventure dell’originale famiglia di corpulenti e maleodoranti troll norvegesi che scombina la vita dei nuovi vicini...

 

Dance Dance Dance, l'edizione italiana del talent show debutta a dicembre su FoxLife

L’edizione italiana del talent show “Dance Dance Dance” debutta su Fox Life il 21 dicembre 2016. La nuova produzione originale di Fox Networks Group Italy realizzata da Toro Media vede protagoniste sei coppie di personaggi famosi, chiamate a cimentarsi nella reintepretazione di storiche coreografie tratte da videoclip musicali e ...

 

Nobel per la Letteratura 2016, vince Bob Dylan emblema di nuova espressione poetica

Il 109esimo premio Nobel per la Letteratura è stato vinto da Bob Dylan. Ad annunciarlo è l’Accademia di Svezia, con la motivazione : “i nuovi modi di espressione poetica”. Nel 2016 Bob Dylan ha pubblicato "Fallen Angels", Il primo lavoro è "Bob Dylan" (1962), cui seguirono 35 album come "Planet Waves" (1974),...

 

Dario Fo, il teatro della ragione umana nell'autore scomparso

Dario Fo, attore e scrittore scomparso all’età di 90 anni aveva da poco pubblicato “Charles Darwin. Ma siamo scimmie da parte di padre o di madre?”. Qui lo scienziato e viaggiatore viene proposto come assetato di conoscenza, con anni trascorsi in mare e terre lontane raccogliendo conchiglie, crostacei, coleotteri per studia...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni