X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Federico Fellini: Amarcord, il film classico compie 40 anni

13/12/2013 08:00
Federico Fellini Amarcord il film classico compie 40 anni

Amarcord: il film di Federico Fellini unisce una trama realistica con momenti surreali, come nella scena della tabaccaia. La pellicola compie oggi quaranta anni, e segnò il quarto Oscar per il regista romagnolo

Amarcord è il film che usciva nei cinema quaranta anni fa. Era il 13 dicembre del 1973 quando la pellicola diretta da Federico Fellini seminava novità iconografiche al cinema, interpretato da Bruno Zanin, Magali Noël, Pupella Maggio e Armando Brancia. Negli Stati Uniti uscì il 19 settembre del 1974, vincendo L’Oscar come miglior film straniero nello stesso anno.

La trama ruota attorno all'adolescenza di Titta Biondi, che cresce nella città di Rimini nell’epoca fascista. L’apertura della pellicola è con il sopraggiungere della primavera, e il rogo del pupazzo di una vecchia strega che simboleggia la fine dell'inverno. Nel negozio centrale della città c’è la formosa tabaccaia che fa sognare i giovani, nella chiesa un sacerdote che bacchetta gli adolescenti sui loro interessi erotici: “San Luigi piange quando ti tocchi”. Si alternano poi la celebre vanitosa Gradisca, la meretrice Volpina. Titta vive con la famiglia, e fa disperare i genitori, soprattutto la madre Miranda Biondi mentre il padre militante socialista  Aurelio cerca di tenere nascoste le proprie eversioni politiche. Aurelio è indignato per la celebrazione fascista che si consuma in città: quando qualcuno inserisce nel fonografo del campanile della città la canzone socialista "Internazionale", Aurelio è accusato del reato e costretto dalla polizia fascista a bere dell’olio di ricino. Torna a casa mentre Tizza dice che puzza.

Guarda il video dell'omaggio di Paolo Fresu a Fellini

Non mancano i ridicoli insegnanti di scuola, asserviti alle loro regole, come la pronuncia foneticamente impeccabile del greco che per Titta finisce con una pernacchia. Ma Titta convive con questi personaggi, in una casa troppo angusta per evitarli. C’è il fratello, lo zio, il nonno che paventa il proprio vigore, la zia. Un giorno Titta fa un breve viaggio nella campagna con i genitori assieme allo zio Teo (Ciccio Ingrassia), un malato mentale cui è stato concesso di lasciare l'istituto per un giorno: durante il picnic lo zio fugge e si arrampica su un albero, rifiutandosi di scendere e urlando: “voglio una donna". Alla fine è una suora che riesce a convincerlo a tornare in clinica. L’evento culminante è l’arrivo della nave Rex, che convince i cittadini a spingersi al largo per vederla da vicino, di notte. In quell’occasione la Gradisca piange, dicendo che vorrebbe un uomo. Il finale del film la vede finalmente sposa, ristabilendo l’ordine naturale delle cose.

Le fonti principali sono quindi nella giovinezza di Fellini e nei suoi ricordi. Il regista propose al suo sceneggiatore Bernardino Zapponi, che lavorò con lui nel precedete “Roma” (1973) di stendere il film, ma Zapponi lo considerò troppo autobiografico  e non ideale per una trasposizione filmica. Così Fellini si rivolse al poeta e scrittore Tonino Guerra, anch’esso romagnolo che riuscì a pulire da eccessi malinconici i ricordi di Fellini, per renderli vignette capaci di fotografare un’epoca ma anche uno stato umano. Quello dei desideri quotidiani, che riflettono le ambizioni di ognuno, tra piccole frustrazioni e minime soddisfazioni.

Guarda il video di "Fellini Grotesque"

Il film vinse l’Oscar nel 1974, e incassò in Italia 32 miliardi di lire (circa quindici milioni di Euro). E anche la critica osannò l’opera di Fellini: Giovanni Grazzini dal Corriere della Sera lo definì "un artista al suo apice (...) mostrando una maggiore comprensione del fatto storico e della realtà di una generazione”; Russell Davies della BBC lo paragonò al mondo macabro dei freaks di Tod Browning;  Vincent Canby lo definì "il film più bello di Fellini (...) fa emergere il meglio di noi. Diventiamo più umani, meno formali”; Roger Ebert definì l’autore “tra i cinque o sei più grandi registi del mondo”.

Nella cultura innumerevoli sono i negozi che portano questo nome (in romagnolo, "io mi ricordo"), compreso un Vintage Fashion a New York.  

Ma Fellini non confermò mai che la pellicola fosse autobiografica. Infatti nel 1976 tornò a scrivere con Zapponi per il fantascientifico film su Giacomo Casanova.

 
© Riproduzione riservata
Home
 



Articoli correlati

Paolo Sorrentino, 'c'è l'influenza di Fellini' scrive la stampa estera sul film La giovinezza

Youth - La giovinezza di Paolo Sorrentino è stato presentato al Festival di Cannes, ottenendo pareri genericamente positivi. Peter Bradshaw su The Guardian ha definito il film “irto di occasionale debolezza (...) Michael Caine ha un volto imperscrutabile di delusione mondana, che rompe ogni tanto in un sorriso buffo”. L’am...

 

Anthony Quinn, cent'anni fa nasceva l'attore protagonista di Zorba il greco e La strada

Anthony Quinn è stato un attore molto affermato e celebrato, conosciuto soprattutto per i suoi ruoli di uomini duri e sanguigni. Nato in Messico il 21 aprile 1915, da bambino Quinn si trasferì con la sua famiglia a Los Angeles, dove cominciò a lavorare come attore cinematografico negli anni ’30 interpretando alcune parti ...

 

La strada, il film di Federico Fellini che sorpassa il neo-realismo

La strada di Federico Fellini usciva al cinema il 22 settembre 1954, con un cast composto da Giulietta Masina, Anthony Quinn, Richard Basehart e una produzione di Carlo Ponti e Dino De Laurentiis. La trama de La strada di Federico Fellini. La vicenda ruota attorno ad una giovane donna, Gelsomina che a causa dell’indigenza della famiglia &egr...

 

Fellini, regista della Dolce Vita: a vent'anni dalla morte le celebrazioni continuano

Ricorre oggi il ventesimo anniversario della morte di Federico Fellini, il regista riminese autore di capolavori immortali come "La Strada" (1954), "La Dolce Vita” (≤1960), ”Giulietta degli Spiriti” (1965) e "Amarcord” (1973) Il nome di Fellini non si presta ad equivoci: per chiunque è evocativo dell'età d'o...

 

Ettore Scola: Il Cavaliere della Repubblica rende omaggio a Fellini con un commovente film

Ettore Scola, regista e sceneggiatore considerato l'icona del cinema italiano celebre per aver diretto film come "C'eravamo tanto amati", "Una giornata particolare" e "La famiglia", rende omaggio al collega e amico Federico Fellini in occasione del 26° anniversario della sua scomparsa. Approdato alla Mostra di Venezia, l'artista vuole ricordar...

 

Federico Fellini, il regista 5 volte premio Oscar in un film dell’amico Scola

Federico Fellini torna sul grande schermo per un documentrario realizzato dall’amico regista Ettore Scola. “Che strano chiamarsi Federico” è il titolo, realizzato con un lavoro composito di documentazione e fantasia. Il film è un ricordo e ritratto di Federico Fellini, raccontato da Ettore Scola in occasione del ven...

 

Federico Fellini, anche l’Harley-Davidson del film Amarcord è in mostra a Modena

Federico Fellini e le moto usate nei suoi film sono al centro della mostra che s’inaugura il 18 maggio fino al 9 giugno al Museo Casa Enzo Ferrari di Modena. Si va dal motocarro di Zampanò usato ne “La strada” (1954) e guidato da Anthony Quinn con Giulietta Masina, la Vespa della “Dolce vita” (1959), la Harley D...

 

Federico Fellini, un film di Ettore Scola e la pubblicazione dell’ebook Il libro dei sogni

Ettore Scola, presidente del Bari International Film Festival ha annunciato che realizzerà un film su Federico Fellini. La pellicola s’intitolerà “Che strano chiamarsi Federico” e sarà un racconto del regista riminese, pervaso di ricordi e omaggi. Il film sarà sceneggiato dallo stesso Scola con le figli...

 

Festival di Cannes 2011: diario del terzo giorno, tra invidie familiari e pedofilia

Festival di Cannes 2011: diario del terzo giorno, tra invidie familiari e pedofilia. Nel terzo giorno del festival, dopo la Universal con Puss in Boots è la Disney a monopolizzare i flashes con Johnny Depp e Penelope Cruz che presentano Pirati dei Carabi – Oltre i confini del mare. E la competizione propone storie di rapporti tra adult...

 

Intervista a Giovanni Spagnoletti. Il futuro del cinema

Abbiamo intervistato Giovanni Spagnoletti, docente di Storia e critica del Cinema presso l’Università Tor Vergata di Roma, direttore della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro e autore di svariati saggi e pubblicazioni sul cinema italo-americano contemporaneo, il cinema tedesco e i linguaggi delle nuove cinematografie tra g...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni