X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

L'albero di Natale, addobbato o minimal, ha un significato nascosto e antico

05/12/2013 17:01
L'albero di Natale addobbato minimal ha un significato nascosto antico

Luci colorare che si illuminano ad intermittenza, decorazioni rosse e ghirlande spuntano dalle vetrine dei negozi, gli spot che ci suggeriscono quale marca di dolci è meglio acquistare…Di quale periodo dell'anno stiamo parlando? Tutti gli indizi portano al momento più magico dell'anno: il Natale. Ma qual è il significato del simbolo natalizio per eccellenza, ovvero l'albero di Natale?

Luci colorare che si illuminano ad intermittenza, decorazioni rosse e ghirlande spuntano dalle vetrine dei negozi, gli spot che ci suggeriscono quale marca di dolci è meglio acquistare…Di quale periodo dell’anno stiamo parlando? Tutti gli indizi portano al momento più magico dell’anno: il Natale.

Festa religiosa cristiana che celebra la nascita di Gesù, il 25 dicembre è considerato da molti come un evento meraviglioso, in cui ognuno è più propenso a dare agli altri, l’atmosfera magica rende più unita la famiglia, complici del sodalizio parentale sono anche i dolci e i cibi speciali che si sfornano per l’occasione bella musica e decorazioni. Ma perché il Natale è così meraviglioso e rende le perdone (lo meglio la maggior parte di esse) felici? C’è da dire che viviamo in un mondo pieno di consuetudini, ma in pochi cercano di capire la loro origine, accettandole senza dubbio e senza metterle in discussione.

La maggior parte delle persone praticamente fa tutto quello che fanno gli altri in quanto e naturale. Per quanto riguarda la tanto attesa festa di Natale, per esempio, in quanti sanno perché si addobba l’albero con palline e stelle filanti? E quale significato religioso e cattolico è nascosto tra i suoi rami luccicanti? Ecco svelato il suo segreto.

L’'albero di Natale è una delle più diffuse usanze natalizie. Si tratta in genere di un abete addobbato con piccoli oggetti colorati, luci, festoni, dolciumi, piccoli regali impacchettati e altro. Da sempre e in tutte le culture l’albero è considerato il simbolo della vita e l’abete ha un particolare significato simbolico in quanto esso è verde e rigoglioso quando le altre piante sono spoglie e sembrano morte. Il moderno albero di Natale ebbe origine in Germania ma i Germani lo presero dai Romani i quali, a loro volta, lo presero dai Babilonesi e dagli Egiziani.
La citazione che segue dimostra a che cosa credevano i Babilonesi circa l’origine dell’albero di Natale: "Una vecchia favola babilonica raccontò di un albero sempreverde che germogliò da un ceppo morto. Il vecchio ceppo simboleggiava il Nimrod morto, il nuovo albero sempreverde simboleggiava che Nimrod era tornato in vita in Tammuz! Tra i Druidi la quercia era sacra, tra gli Egiziani era la palma, e a Roma era l’abete, il quale era decorato con bacche rosse durante i Saturnali" (Walsh, Curiosità dei Costumi Popolari, p. 242).
Il libro "Risposte alle Domande", di Frederick J. Haskin, afferma invece: "L’albero di Natale è dell’Egitto, e la sua origine risale a un periodo molto precedente all’era Cristiana". Quindi l’albero di Natale precede di molto tempo il Cristianesimo.

L’albero di Natale è direttamente menzionato nella Bibbia.  Da leggere è Geremia 10:2-5: "Così dice l’Eterno: Non imparate a seguire la via delle nazioni...Poiché i COSTUMI dei popoli sono VANITÀ: infatti uno taglia un albero dal bosco, il lavoro delle mani di un operaio con l’ascia. Lo adornano d’argento e d’oro, lo fissano con chiodi e martelli perché non si muova. Stanno diritti come una palma e non possono parlare; bisogna portarli, perché non possono camminare. Non abbiate paura di loro, perché non possono fare alcun male, né è in loro potere fare il bene".

Un'interpretazione allegorica fornita dai cattolici spiega l'uso di addobbare l'albero come una celebrazione del legno in ricordo della Croce che ha redento il mondo (Padre Thomas Le Gal). E’ evidente la similitudine dell'albero con il pilastro cosmico chiamato Yggdrasill dalla mitologia nordica, fonte della vita, delle acque eterne, cui è vincolato il destino degli uomini; queste similitudini sono assorbite nel culto cristiano che celebra l'albero di Natale e la Croce stessa. In Italia la prima ad addobbare un albero di Natale fu la regina Margherita nella seconda metà dell'Ottocento al Quirinale, e da lei la moda si diffuse velocemente in tutto il paese: l'albero di Natale è una delle poche tradizioni straniere ad essere arrivate in Italia prima del secondo dopoguerra e che introdusse il consumismo.

Nei primi anni del Novecento gli alberi di Natale hanno conosciuto un momento di grande boom, diventando gradualmente quasiimmancabili nelle case dei cittadini sia europei che nordamericani, e venendo a rappresentare il simbolo del Natale probabilmente più comune a livello planetario. Nel dopoguerra il fenomeno ha acquisito una dimensione commerciale senza precedenti, che ha fatto dell'albero di Natale un potenziale status symbol e ha dato luogo alla nascita di una vera e propria industria dell'addobbo natalizio. Segno di consumismo natalizio o meno, a natale è ‘doveroso’ tirare fuori scatole e scatoloni e addobbarlo insieme ai prori cari: un mometo da condividere e da passare insieme, sperando che sotto l’abete Babbo Natale lasci il regalo giusto.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Care figlie vi scrivo, il libro tra cinema e passione di Marisa Bruni Tedeschi

Care figlie vi scrivo è il libro uscito di recente di Marisa Bruni Tedeschi che racconta una famiglia cresciuta tra il cinema la politica.  Marisa Bruni Tedeschi è pianista, ha vissuto una vita da artista: racconta qui la giovinezza nell'Italia fascista, la morte precoce del padre, l'incontro nel 1952 con il marito Alberto, indu...

 

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 

JK Rowling: via Twitter regala ad una bambina di Aleppo una copia di Harry Potter

JK Rowling ha inviato un libro di “Harry Potter” ad una giovane ragazza siriana di Aleppo. Secondo quanto riportato da Twitter Moment, la ragazza si chiama Bana ed è una bambina di 7 anni che vive nella città nel mezzo della guerra civile siriana. L’obbiettivo della richiesta effettuata dalla madre era distrarla dal...

 

Trolls, i libri che raccontato le creature presenti anche nel film

Vari sono i libri che racconta i Trolls, le creature presenti anche nel film “Trolls” della Dreamworks attualmente nelle sale. “Arrivano i troll!” di Alan MacDonald e illustrazioni di M. Beech mostra le avventure dell’originale famiglia di corpulenti e maleodoranti troll norvegesi che scombina la vita dei nuovi vicini...

 

Dance Dance Dance, l'edizione italiana del talent show debutta a dicembre su FoxLife

L’edizione italiana del talent show “Dance Dance Dance” debutta su Fox Life il 21 dicembre 2016. La nuova produzione originale di Fox Networks Group Italy realizzata da Toro Media vede protagoniste sei coppie di personaggi famosi, chiamate a cimentarsi nella reintepretazione di storiche coreografie tratte da videoclip musicali e ...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni