X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Andre Agassi, Open: un caso editoriale sotto l'albero di Natale

03/12/2013 15:00
Andre Agassi Open un caso editoriale sotto l'albero di Natale

Pubblicato da Einaudi nel 2011, Open. La mia storia di Andre Agassi rimane nella classifica dei libri più venduti in Italia grazie al passaparola dei lettori.

Open è un'autobiografia schietta, raccontata con l'impegno dichiarato da Andre Agassi di comprendere “chi ero e cosa ero diventato”. Un viaggio nel segno della verità, dopo una vita piena di contraddizioni - una su tutte, l'odio per il tennis - seguite da altrettante conciliazioni.
Agassi nasce in un ambiente disperato con poste in gioco sempre più alte. A un certo punto della carriera, smette di giocare per il padre, i soldi o gli allenatori concedendosi la licenza di farlo per se stesso. Il segreto è l'ispirazione, l'obiettivo quello di riprendere in mano la propria vita.

Us Open 2006 - Agassi si prepara a giocare l'ultima partita e dare l'addio al tennis. Ha una moglie, la mitica Steffi Graf, e due bambini, di cinque e tre anni. La sua vita è già proiettata al futuro, ma occorre un ultimo, enorme sforzo per mantenere tutto sotto controllo: il domani dipende da qualcosa che è qui e ora, anche se stai per lasciartelo alle spalle.
“Mal di schiena, colpi sbagliati, brutto tempo, disgusto nei miei confronti” - come spesso è accaduto, prima di una partita, anche questa volta il destino mette il bastone tra le ruote: “Mi sento come se qualcuno mi si fosse avvicinato durante la notte e avesse fissato alla mia colonna vertebrale uno di quegli antifurto che si applicano al volante. Come faccio a giocare gli Us Open con un bloccasterzo alla schiena? L'ultimo match della mia carriera finirà con un ritiro?”
Occorre un'iniezione di cortisone.
Agassi vede allo specchio i propri occhi rossi e la barba grigia, un'immagine di sé, in cui stenta a riconoscersi: “Eppure, in fondo a quegli occhi, riesco a scorgere il ragazzino che voleva lasciare perdere, il ragazzino che ha lasciato perdere un sacco di volte. Vedo il ragazzino che odiava il tennis e mi chiedo come quel bambino dalla zazzera dorata vede quest'uomo calvo, che continua a odiare il tennis, eppure ancora gioca. Sarebbe scioccato? Divertito? Fiero? La domanda mi lascia stremato, spento, ed è solo mezzogiorno.”

Il traguardo è dietro l'angolo, l'attende il buen ritiro in Florida. Un nuovo inizio come desidera da sempre. Eppure, proprio ora, non si sente pronto a smettere: “È una faccenda inspiegabile, mistica, quella di queste forze gemelle, di queste energie contrastanti, ma è reale. Lo so, perchè ho passato gran parte della mia vita a cercare l'una e a combattere l'altra, e talvolta sono rimasto bloccato, sospeso, a rimbalzare tra le due come una palla di tennis”.

Infanzia - Succedono “brutte cose” quando papà Agassi si arrabbia. C'è affetto e desiderio di compiacerlo. La regola è quella di non contraddirlo: “Se lui dice che giocherò a tennis, che diventerò il numero uno, quello è il mio destino, tutto ciò che posso fare è annuire e obbedire”.
Andre ha dieci anni e ha vinto i primi sette tornei della sua categoria. Il padre non fa una piega. La strada è lunga. Non c'è terra più desolata della casa degli Agassi, confinata nel deserto di Las Vegas. Al ritorno da un incontro, percorrendo la diga di Hoover, Andre non può sottrarsi: “Penso alla rabbia imbottigliata dentro mio padre, come il fiume Colorado dentro la diga di Hoover. È soltanto questione di tempo prima che erompa. L'unica cosa che tutti noi possiamo fare è arrampicarci più in alto possibile”. Questo significa una sola cosa, vincere sempre.
La prima sconfitta arriva durante una partita a San Diego perchè l'avversario bara. Milioni di colpi contro drago, il micidiale lanciapalle progettato dal padre, in cambio di niente: “Dopo anni che sento sbraiatare mio padre per i miei errori, un'unica sconfitta basta perchè faccia mie le sue critiche. Ho interiorizzato mio padre - la sua impazienza, il suo perfezionismo, la sua rabbia - finchè la sua voce non mi sembra la mia, è la mia. Non c'è più bisogno che papà mi torturi. D'ora in poi posso farlo da solo”.

Dai tormenti del perfezionista all'ispirazione dell'artista - Agassi è talento, passione e fortuna. Tuttavia non è facile gestire la concentrazione in campo. Il tennis è uno sport solitario. Le distrazioni sono fatali.
L'incontro con Gil - trainer, amico e vicepadre - segna un momento di svolta. Agassi non è un cavallo da tiro, ma uno da corsa, e Gil non cercherà mai di cambiare una virgola della sua natura irruenta: “Sarò severo, ma giusto. Ti guiderò senza mai spingerti. Non sono uno che esprime o articola bene i suoi sentimenti, ma d'ora in poi sappi questo: Ci siamo, ragazzo. Ci siamo. Sai che ti dico? Tu stai combattendo e puoi contare su di me fino all'ultimo uomo. Da qualche parte, lassù, c'è una stella con sopra il tuo nome. Forse non sarò capace di aiutarti a trovarla, ma le mie spalle sono forti e puoi salirci sopra mentre la cerchi. Hai capito? Per tutto il tempo che vuoi. Sali sulle mie spalle e allunga la mano, ragazzo. Allungala”.

L'immagine è tutto - Nel 1988 Agassi ha diciotto anni e detta moda grazie ai celebri calzoncini jeans e i capelli mechati, lunghi dietro ,corti davanti. L'anno successivo gira uno spot per la Canon in cui indossa un completo bianco al volante di una Lamborghini dello stesso colore. Abbassa gli occhiali da sole e recita: “l'immagine è tutto”. Per i media lo slogan gli è cucito - negativamente - su misura.
Ai Roland Garros del 1990 la notizia è quella di Agassi che veste di rosa. Alla sua prima finale di slam deve affrontare l'ecuadoriano Gòmez, prossimo al ritiro e battuto qualche settimane prima. Puntuale arriva “la catastrofe”. Sotto la doccia si disintegra il parrucchino. Setacciata Parigi, si trovano, infine, venti mollette per fissarlo. Agassi scende in campo in stato “catatonico”. Prega che il parrucchino tenga. Potrebbe giocare senza, ma cosa direbbero tutti? L'immagine è tutto. Ed è a un passo dalla beffa.
Nel 1992 a Wimbledon arriva la consacrazione: la vittoria concede un momento di sollievo. Poi torna la pressione di chi è cresciuto per essere il numero uno al mondo. E vincere rende tutto più complicato.

Stoccarda, inizio stagione indoor - Agassi affronta MaliVai Washington, lo conosce dai juniores. È avanti di un set e in vantaggio, quando si stacca la suola della scarpa. Non ne ha un paio di ricambio, ferma il gioco per farlo presente agli ufficiali di gara. L'annuncio con l'autoparlante è in tedesco: “C'è qualcuno che può prestare una scarpa a Mister Agassi? Numero quarantatrè? Dev'essere una Nike, aggiungo - per via del mio contratto. Un uomo in alto sugli spalti si alza in piedi, agitando la sua scarpa. Sarebbe felice, dice, di prestarmi la sua Schuh”. È una quarantadue e Agassi se la infila a forza. La situazione è ridicola, si sente emotivamente al capolinea: “E' questa la mia vita? Non può essere”. La mente vaga in una baita di montagna, in mezzo al profumo di neve nella foresta. Per l'ennesima volta pensa al ritiro. Anzi no.
Dal numero uno al mondo precipiterà al centoquarantesimo posto in classifica per poi tornare alla ribalta: è Agassi, vent'anni di carriera e mille match da campione.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Kingsman 2: The Golden Circle, prossimamente al cinema

Kingsman, il film apparso nelle sale cinematografiche italiane nell’inverno del 2015 sta per avere un seguito. L’agenzia segreta indipendente narrata nel primo episodio, tratto dal fumetto Marvel Comics dal titolo The Secret Service, scritto da Mark Millar ed illustrato da Dave Gibbons, pubblicato nel corso del 2012, narra le azioni int...

 

The Pro, dalla graphic novel al film in cantiere per Paramount Pictures

Paramount Pictures ha acquistato i diritti di “The Pro”, l'irriverente graphic novel firmata da Garth Ennis e Jimmy Palmiotti, in collaborazione con Amanda Conner e Paul Mounts. “The Pro” debutta nel 2002, pubblicata da Image Comics. La trama ha come protagonista una prostituta che si risveglia con superpoteri. Affatto entu...

 

Syberia 3, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Syberia 3 è il videogioco sviluppato da Microids e pubblicato su PS4, Xbox One, Nintendo Switch e PC, il seguito di una delle avventure grafiche più apprezzate su personal computer della scorsa decade. L’arrivo del terzo capitolo, a lungo atteso, rappresenta il ritorno delle classiche avventure punta e clicca, un tuffo nostalgic...

 

Recensione Guardians of Galaxy vol. 2

L’attesa per i Guardiani della Galassia Vol. 2 è terminata, il film è finalmente giunto nelle sale cinematografiche, almeno in quelle italiane. Una nuova avventura spaziale fatta di battaglie epiche, ironia, buona musica ed effetti speciali spettacolari potrà essere gustata dagli appassionati della saga. Ma i "Guardiani d...

 

Doctor Who, si pensa ad una nuova protagonista femminile

Doctor Who, la longeva serie televisiva che ha per protagonista un eccentrico signore e viaggiatore del tempo e dello spazio che ha appassionato diverse generazioni susseguitesi dal 1963 ad oggi, sebbene con qualche interruzione, si sta per rigenerare, per mutare nella forma e nell’aspetto. Infatti, Peter Capaldi, interprete dell’attual...

 

Recensione Pretty Deadly un western-fantasy di grande valore per la Bao Publishing

Pretty Deadly è il nuovo lavoro pubblicato dalla casa editrice Bao Publishing. Questo fantastico fumetto ci porta in un mondo sospeso tra realtà e sogno, in uno albo che riesce a fondere lo stile western a quello fantasy. In America, Pretty Deadly, è uscito grazie alla nuova linea editoriale della Image Comics, che ha visto in ...

 

Recensione Aliens: Defiance una nuova miniserie per il mondo creato da Ridley Scott

Aliens: Defiance una nuova miniserie dedicata al mondo creato da Ridley Scott. Il primo numero è uscito in questo mese di aprile grazie alla casa editrice Saldapress, il secondo numero sarà in tutte le fumetterie il prossimo 19 maggio. In questo primo albo di Aliens: Defiance troviamo ben due episodi scritti da Brian Wood, disegnati d...

 

Guardians of Galaxy volume 3, l'annuncio

Guardians of Galaxy sin dal suo primo episodio ha ottenuto un ottimo successo di pubblico ed i favori della critica. Apparso al cinema nell’ottobre del 2014 è subito diventato un cult per gli amanti del genere ed entrato nelle simpatie dei fan, contagiati da quell’aria di eroi strampalati ed ironici che accompagnavano le loro avv...

 

Panini Comics ristampa Noragami, il popolare manga di Adachitoka

Panini Comics ristampa “Noragami”, il popolare manga scritto e disegnato da Adachitoka, in uscita il 27 aprile. La trama prende piede con l'adolescente Hiyori Iki che finisce sotto un autobus nel tentativo di salvare un coetaneo appeno incontrato, Yato. Hiyori ha una famiglia facoltosa con il padre medico, proprietario di una clinica,...

 

Yooka-Laylee, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Yooka-Laylee è un videogioco sviluppato da Playtonic, una software house che annovera al suo interno diversi componenti della vecchia Rare, creatrice di uno dei platform game più iconici della storia, Banjo Kazooie. Le meccaniche del titolo originale, nonché l’impianto visivo, si rifanno al prodotto uscito su Nintendo 64,...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni