X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Regali di Natale: causa crisi, il 'fai da te' di sciarpe e maglioni è sempre più in voga

01/12/2013 08:00
Regali di Natale causa crisi il 'fai da te' di sciarpe maglioni sempre in voga

Il Natale si avvicina è l'ansia del regalo da mettere sotto l'albero per bambini e parenti si avvicina. Certamente quella natalizia è una delle feste più attese e suggestive in cui è usanza scambiarsi i classici regali. Ma con la crisi che dilaga, come fare bella figura spendendo poco?

Il Natale si avvicina è l’ansia del regalo da mettere sotto l’albero per bambini e parenti si avvicina. Certamente quella natalizia è una delle feste più attese e suggestive (almeno per la maggior parte delle persone), un’occasione per ritrovarsi e passare un po’ di tempo con i propri cari, magari davanti ad una bella tavola imbandita, ed è usanza scambiarsi i classici regali. Certo è che la recessione in cui stiamo navigando e la crisi che dilaga non aiuta a tirar fuori i soldi dal portafoglio, anche se è altrettanto vero che non è importante spendere chissà quanto per far colpo sulla persona che lo riceve. L’importante è che sia il ‘regalo giusto’, quindi conoscere un minimo i gusti del destinatario e adattarlo a lui: un’idea originale è quella di donare un oggetto che riporti alla memoria un momento di felicità, di amore o di tenerezza trascorsa insieme.

Nemico numero uno dello shopping è il budget limitato. In quanti vorrebbero regalare un anello di brillanti alla propria amata, l’ultimo modello di smartphone al proprio partner o la bambola che parla e cammina alla figliola? Purtroppo, come accennato precedentemente, la disponibilità economica delle famiglie italiane in questo periodo cammina pari passo con la temperatura, ovvero entrambi sono sotto zero. Inoltre se si ha una famiglia numerosa e a tutti si intende fare un 'presente', onde evitare musi lunghi al pranzo di Natale, il budget a disposizione è ancora più risicato.

Il consiglio più ovvio è quindi quello di alternare un regalo semplice, ma fatto con cura e attenzione: un gioco per i nostri bambini che non raggiunga prezzi esorbitanti (la bambola evoluta magari arriverà per il compleanno), o nel caso di teen ager si può pensare al CD o DVD dell’ultima band di grido.

Mai pensato di fare regali ‘fatti in casa’. Certo si perde un po’ di tempo, ma si risparmia e il successo è assicurato. Si può spaziare dalle piccole decorazioni, patchwork, guati o sciarpe fatte in compagnia con amici, fidanzati, figli e zie, tutti intenti a realizzare oggetti dal sapore artigianale vista del tanto atteso 24 dicembre. Comodamte davanti alla tv si possono realizzare sciarpe e guanti fatti con i ferri, cappelli e calze caldissimi: tutto l’armametario indispensabile per affrontare il gelido inverno. E chi con ferri e lana non ha dimestichezza, può cimentarsi nelle fino statuette di sale, o prendere il parente per la gola con marmellate, dolcetti o tisane fatte in casa; tutti regali fatti con amore che si possono alternare con ai set da trucchi, borse e gioielli, tutti quei doni più tradizionali, impersonali e consumistici. andrà benissimo un attrezzo professionale,

Consente più ampia scelta la persona che ama lo sport. Sono tante le cose che potrebbero rivelarsi utili per la sua attività, come il classico pallone da calcio o da pallavolo, una felpa, una mazza da baseball o una racchetta da tennis. Tutti pensieri che saranno di certo graditi alla persona che li riceve. E invece all’amico che ama girovagare per il mondo si può pensare ad un 'Buono regalo' per una vacanza, ovvero buoni prepagati che possono essere utilizzati non solo per il soggiorno, ma anche per i voli, i treni, eventuali noleggi e tanto altro. Di sicuro vedremo stamparsi un sorriso sul volto del fortunato friend! L’acquisto di un dono di natale dovrebbe essere un momento rilassante e piacevole, un gesto simbolico con cui si intende dire alla persona a noi cara “ho pensato a te”.

Ma presi dal tram tram della frenesia quotidiana, si rischia che il momento dei rigali si trasforma un un altro incoveniente da sbrigare all’ultimo mometo, un momento selvaggio in cui il regalo “deve” essere comprato tra la calca che affolla i negozi. Per questo motivo, forse, è meglio acquistare i doni prima del time out, magari già a novembre, cosicché non arriviamo super stressati alla vigilia del Natale e godersi in santa pace le meritate vacanze.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Campioni omaggio: dai concerti ai trucchi il risparmio e la sua storia

Il sistema è ormai saldo: nato nel 1851 negli Stati Uniti grazie a Benjamin T. Babbitt, ora si è diffuso sul web. Tra i siti nazionali di spicco c’è supercampione.it, che grazie ad un lavoro attento e particolarmente minuzioso offre molteplici tipologie di campioni omaggio. In questo caso basta registrarsi in maniera gra...

 

Michael Bublé: 'Ora apprezzo la vita molto di più' confida la moglie sulla guarigione del figlio

La moglie di Michael Bublé, Luisana Lopilato ha diffuso la notizia sulla guarigione del loro figlio, Noah. I due avevano confermato nel 2016 che il figlio fosse affetto da una forma di tumore al fegato. Durante una conferenza stampa in Argentina, Luisana Lopilato ha detto ai giornalisti: “Grazie a Dio, mio figlio sta bene. Quando si ...

 

'La nostra società sta diventando eccessivamente protettiva': intervista a Daniele Fabbri

Abbiamo intervistato il comico Daniele Fabbri, protagonista il 7 aprile al Teatro Douze di Roma con un nuovo significativo show.  D: Il tuo nuovo monologo si intitola “Infarto Cesareo”, cosa lo distingue rispetto ai precedenti? R: La voglia di essere più scemo. Nei miei primi spettacoli ho cercato di esplorare un umor...

 

Care figlie vi scrivo, il libro tra cinema e passione di Marisa Bruni Tedeschi

Care figlie vi scrivo è il libro uscito di recente di Marisa Bruni Tedeschi che racconta una famiglia cresciuta tra il cinema la politica.  Marisa Bruni Tedeschi è pianista, ha vissuto una vita da artista: racconta qui la giovinezza nell'Italia fascista, la morte precoce del padre, l'incontro nel 1952 con il marito Alberto, indu...

 

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni