X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

John Fitzgerald Kennedy: quando la morte di un Presidente cambia il corso della storia

22/11/2013 17:24
John Fitzgerald Kennedy quando la morte di un Presidente cambia il corso della storia

Oggi 22 novembre è per gli Stati Uniti e i suoi abitanti il giorno della grande commemorazione: sono infatti trascorsi 50 anni dall'omocidio del loro 35esimo Presidente John Fitzgerald Kennedy. Alle 12.29 del 22 novembre 1963 la storia si è fermata dentro una limousine che camminava a Dealey Plaza

Oggi 22 novembre è per gli Stati Uniti e i suoi abitanti il giorno della grande commemorazione: sono infatti trascorsi 50 anni dall’omocidio del loro 35esimo Presidente John Fitzgerald Kennedy. Alle 12.29 del 22 novembre 1963 la storia si è fermata dentro una limousine che camminava a Dealey Plaza.

Sul sedile posteriore erano seduti loro, i giovani e potenti John Fitzgerald Kennedy e l’affascinate moglie Jacqueline che salutavano la folla; sul sedile posteriore un attimo dopo Kennedy muore accasciando la testa sulla spalla della moglie, spegnendosi con lui un’epoca densa di speranza. Ad ucciderlo furono tre colpi sparati dal fucile Carcano 91/38, numero di matricola C2766 impugnato dal killer Lee Harvey Oswald. Un mistero avvolge la storia di quest’arma. Nel 1940, alcuni operai del Regio Stabilimento di Terni, ignari che dal loro lavoro sarebbe derivata una fine tragica, realizzano un arma ormai obsoleta per l’epoca, senza sapere che quel fucile realizzerà l’omicidio del Secolo. Ancora ignaro è il modo in cui un arma costruita in Umbria sia finita a Dallas. Forse arrivò negli Usa tramite un'inserzione pubblicitaria che parlava di un ‘residuato bellico’, oppure è probabile che l’arma sia stata requisita ai soldati italiani catturati in guerra. Purtoppo la verità non verrà mai fuori in quanto Oswald fu ucciso da Jack Ruby appena due giorni dopo l’omicidio di Kennedy.

Quello che è certo è che i Kennedy sono stati il simbolo della rinascita e del rinnovameto socio politoco mondiale, lo specchio del benessere e dell’epoca d’oro che la nazione USA stava vivendo. E ha rasentato l’ossessione l’attenzione che i mass media hanno dedicato alla coppia e soprattutto al Presidente Kennedy, simile a quella riservata a cantanti rock ed a stelle del cinema, più che ad un politico. Il loro look perfetto influenzò persino la moda dell'epoca e loro fotografie comparivano spesso nei rotocalchi dell'epoca.

Uomo di indubbio charme, lo stile di JFK fu fonte di ispirazione della middle classe dell’epoca ripresa poi dagli stilisti contemporanei, tant’è che Diego Della Valle con il suo mocassino Marlin ha voluto rendere omaggio all’eleganza del giovane JFK . Il Times lo definisce “cool factor” e insieme a occhiali da sole e macchina cabriolet, rese il suo abbigliameto indimenticabile segnando la moda e la tendenze per più di un decennio. Kennedy era capace indossare con la stessa disinvoltura una polo a tinta unita a maniche corte, bermuda e mocassini con gli immancabili Ray-Ban e un abito sartoriale con annessa cravatta, doppiopetto e gemelli dorati.

E’ come non ricordare la raffinatezza della first lady Jacqueline Kennedy, donna che inventò il glamoure grazie alla sua mise sobria e invidiabile. Abiti dalle forme a trapezio, ballerine, capelli cotonati e occhiali da sole oversize, ma soprattutto un atteggiamento regale e semplice allo stesso tempo. Furono questi gli ingredienti che fecero amare Jackie a generazioni di uomini e donne, anche quando, vedova di JFK, sposò il ricco armatore greco Onassis, e per tutti diventò Jackie O.

La ‘rivoluzine’ della presidenza Kennedy fu data dalla ventata di vita nuova, gioia e accuratezza che apportarono nella Casa Bianca. Convinti che la loro dimora fosse un luogo dove celebrare la storia, la cultura e le conquiste americane, invitarono con regolarità artisti, scrittori, scienziati, poeti, musicisti, attori, atleti e vincitori dipremi Nobel. Jacqueline inoltre riadattò quasi tutte le stanze della Casa Bianca con nuovi arredi e pezzi d'arte.

Ma ogni famiglia, celebre o comune che sia, ha delle zone d’ombra che non intende rivelare ma preferisce costudire tra le quattro mura. E dietro la facciata elegante e spensierata della famiglia Kennedy si nasconde la tragedia della morte del figlio Patrick, deceduto dopo due giorni di vita.

 
© Riproduzione riservata
Home
 



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Jackie: il film con Natalie Portman sulla first lady Kennedy

Jackie è un film biografico che probabilmente sarà diretto dal regista cileno Pablo Larraín, interpretato da Natalie Portman e prodotto da Darren Aronofsky (“The Wrestler”), Scott Franklin e da Juan de Dios Larraín, fratello dell’autore latinoamericano. L’opera racconta la vita della first lady Ja...

 

Blonde, il nuovo film su Marilyn Monroe con Jessica Chastain

Blonde è un film in fase di realizzazione su Marilyn Monroe progettato nel 2010, scritto e diretto da Andrew Dominik e interpretato da Jessica Chastain. L’opera è tratta dal romanzo omonimo di Joyce Carol Oates ed è prodotta dalla Worldview Entertainment e da Plan B, compagnia fondata da Brad Pitt. “Blonde” ar...

 

Virna Lisi in Come uccidere vostra moglie, con Jack Lemmon

Virna Lisi e Hollywood. Virna Lisi diventò famosa per il suo storico “no” a Hollywood, dove era stata chiamata a metà degli anni ’60 per recitare a fianco di attori del calibro di Jack Lemmon e Frank Sinatra. L’intento della Paramount, però, era di trasformarla in una nuova ed esotica Marilyn Monroe: una...

 

Miley Cyrus, divieto di partecipare alla festa dei Kennedy dopo un bacio lesbo

Miley Cyrus a quanto pare non potrà partecipare al Kennedy Christmas, secondo quanto riportato da varie fonti statunitensi. Festa. Miley Cyrus non sarebbe stata invitata alla cena che ogni anno la famiglia Kennedy tiene a Miami. Maria Shriver, madre del fidanzato Patrick Schwarzenegger non approverebbe infatti la sua partecipazione. La stes...

 

Pepe Jeans London autunno/inverno 2014: donna Pepe metropolitana

Pepe Jeans London 2014. La donna Pepe Jeans London autunno/inverno 2014-2015 può scegliere tra le tendenze più trendy della stagione fredda. Abiti a fiori, maglia di pelliccia ecologica, maglioni dalle tinte super colorate, tanti accessori maculati da abbinare: sciarpe, borse, boots. Non solo, anche il cappotto in pelliccia lungo ed e...

 

Moda per principianti 2014: indossare gli abiti giusti è semplice

Moda per principianti 2014. Non è il tuo corpo, è il vestito ad essere sbagliato. Una volta interpretate le proprie caratteristiche non bisogna fare altro che assecondarle. I nostri consigli vi aiuteranno a scegliere i capi e le linee più adatti al vostro fisico: donna piramide, donna ovale, donna H, o donna a clessidra. Donna...

 

Bette Davis Eyes, 25 anni senza l'inconfondibile sguardo della regina cattiva di Hollywood

Bette Davis Eyes. Lo sguardo di Lauren Bacall, quello ceruleo di Paul Newman, quello con riflessi viola di Elizabeth Taylor.. e potremmo andare ancora avanti nel gioco degli occhi più famosi della Hollywood degli anni d’oro, ma non c’è storia: la gara la vince a mani basse un paio grandi e molto sporgenti, appartenenti a u...

 

Moda borse autunno/inverno 2014-2015: Soft Jackie Gucci da first lady

Moda borse autunno/inverno 2014-2015. La moda borse è un fermento di nuove tendenze per la stagione autunno/inverno 2014-2015. Nonostante la crisi economica, la borsa è un oggetto talmente utile ed amato dalle donne che non può mancare nel guardaroba. Si tratta di un must have intramontabile da scegliere con cura spulciando fra...

 

Moda borse: Braccialini e Gucci fanno glamour con I Temini e Jackie O

Moda borse - Borse significato. Grandi, medie o piccole, tinta unita o fantasia, le borse sono insieme alle scarpe uno degli accessori moda più amati dalle donne. Forse perché, come si suol dire in psicologia, indicano la maternità, proprio come le scatole. E alle signore, in genere, piace l'idea di essere mamme o quantomeno ma...

 

Marilyn Monroe e la musica: le numerose canzoni dedicate alla vera icona della cultura pop

Marilyn Monroe, il 5 agosto del 1962 scompariva l'attrice, cantante, modella e produtrice cinematografica statunitense, divenuta un simbolo intramontabile. Qualche anno dopo si parlava di lei come vera icona della cultura pop.  Marilyn Monroe cantante, inserita dall'American Film Institute al sesto posto della lista delle più grandi st...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni