X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Michael J. Fox: Ritorno al futuro - Parte II, il film classico di Robert Zemeckis

20/11/2013 12:18
Michael J. Fox Ritorno al futuro - Parte II il film classico di Robert Zemeckis

Ritorno al futuro - Parte II ("Back to the Future Part II") è il film di Robert Zemeckis con Michael J. Fox che compie ventiquattro anni. Una pellicola che sa coniugare fantascienza e affetti personali

Ritorno al futuro - Parte II (“Back to the Future Part II") di Robert Zemeckis con Michael J. Fox e Christopher Lloyd uscì nei cinema settembre il 20 novembre del 1989. Dopo ventiquattro anni rappresenta assieme all’intera trilogia uno dei film di fantascienza più attuali e moderni, perché collegato con eventi reali e personali. 

Siamo sempre nella Hill Valley, in California: Marty McFly dall’anno 1955 è tornato al 1985, incontra il suo amico Emmett Brown "Doc" che visitando l’anno 2015 ha scoperto che il suo futuro figlio combinerà dei guai. I due partono e giungono al 2015 con l’auto del tempo, la DeLorean. Riescono a salvare Marty McFly Jr. dal carcere poiché fanno arrestare al suo posto il rivale Griff Tannen. Ma il nonno dell’arrestato entra in possesso della DeLorean, e grazie ai risultati sportivi tra il 1950 e il 2000 piazza delle scommesse che lo fanno diventare milionario, tanto che Hill Valley è trasformata nella  "capitale del vizio", con bande di teppisti che seminano terrore.

Doc e Marty tornano così nel 1955 e distruggono l'almanacco,  ristabilendo il rigore del 1985. A causa di un fulmine Doc è trasportato nel 1885, in pieno Far West: Marty è informato da una lettera che Doc non vuole essere riportato nel futuro perché si trova bene in quell’epoca.

La possibilità di modificare il presente prevedendo il futuro è stata raramente proposta in letteratura. E il film infatti è uno dei rari casi in cui il concept del film non è tratto da un romanzo ma da una esperienza personale. Lo sceneggiatore e produttore Bob Gale nel 1980 visitò i suoi genitori a San Louis, nel Missouri dopo la distribuzione del film “Used Cars” (1980), da lui sceneggiato e diretto dallo stesso Zemeckis. Frugando nella loro cantina trovò l'annuario scolastico di suo padre e scoprì che era presidente della sua classe di laurea. Così Gale si chiese se andando a scuola nello stesso periodo del padre e nello stesso liceo, lo avrebbe incontrato. Tornò in California e raccontò l’idea a Zemeckis, e questi cominciò a pensare alla frase della madre che disse di non aver mai baciato un ragazzo a scuola, quando in realtà era un periodo di grande  promiscuità. Così le due suggestioni si fusero, e il progetto fu finanziato dalla Columbia Pictures per uno sviluppo dello script nel settembre dello stesso anno. La prima bozza terminò nel febbraio 1981, ma lo studios pose il copione in Turnaround, ossia nell'accordo che prevede la cessione dei diritti ad un altro studio in cambio del costo di sviluppo più gli interessi.

L'ipotesi era un acquisto da parte della Disney, ma per i quattro anni successivi la sceneggiatura fu rifiutata e fu sottoposta ad altre due stesure. Mancando richiami erotici così come nelle commedie imperanti quali “Fuori di testa” (“Fast Times at Ridgemont High”, 1982) o “Porky's” (1982), lo script era considerato troppo leggero. Dall’altro lato il fatto di proporre una madre innamorata di suo figlio era eccessivo per la Disney; l’idea di proporlo a Steven Spielberg, il quale aveva prodotto i due due flop “Used Cars” e “I Wanna Hold Your Hand” era da accantonare. 
Zemeckis mise così in standby il progetto. Diresse “All'inseguimento della pietra verde” il cui successo al botteghino gli diede la possibilità di un finanziamento da parte della Universal Pictures.

La storia propone la giusta commistione di ironia e senso del destino: giungere nel futuro per modificare le proprie vicende è una delle possibilità più desiderabili. Soprattutto se gli affetti personali e familiari segnano questa possibilità: nel primo episodio la madre Marty McFly torna nell’anno 1955, al liceo incontra una ragazza che s’innamora di lui e che scoprirà essere la sua futura madre. Senza questo intreccio edipico la maggior parte della suggestione del film verrebbe meno.

Il regista Zemeckis nel secondo film è riuscito a proporre un modello fantascientifico con la giusta dose di humour, tanto che l’attore principale Michael J. Fox interpreta ben cinque personaggi: Marty adolescente del 1985, il Marty adulto del 2015, suo figlio Martin Jr., il bisnonno e addirittura sua figlia Marlene. E lo stesso incasso d 331.950.002 di dollari ripagò l’investimento iniziale di 40 milioni, divenendo il terzo film del 1989 dopo “Indiana Jones and the Last Crusade” di Steven Spielberg e “Batman” di Tim Burton. 

Il film fu girato dopo quattro anni dal primo “Ritorno al futuro” (1985) e avrebbe dovuto essere distribuito assieme al terzo, del 1990. Ma la divisione degli episodi procurò un raddoppio degli incassi.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Jerry Lewis, più di tre persone in una stanza

Le classi sociali inferiori potevano ambire ad innalzarsi, secondo la filosofia di Jerry Lewis, scomparso all’età di 91 anni. In “Dove vai sono guai” (1967) è innamorato di Barbara, e la madre di lei non ammette la bassa estrazione sociale del ragazzo. Lui è Piffer, lavora come dog sitter ed è convito ...

 

Norwegian International Film Festival: il cinema tra i fiordi, intervista al direttore

Il Norwegian International Film Festival è il maggior evento cinematografico della Norvegia, che si è sempre contraddistinto per saper alternare opere popolari con film indipendenti. Si svolge dal 20 al 26 agosto: Mauxa ha intervistato il direttore, Tonje Hardersen. D. Una sezione del Norvegian Film Festival è il nordic focus....

 

The Nun, nel 2018 lo spin off di The Conjuring – Il caso Enfield

Si sono ufficialmente concluse le riprese di “The Nun”, spin-off di “The Conjuring – Il Caso Enfield”; a confermarlo è stato lo stesso regista, Corin Hardy. Quando il primo “The Conjuring - L’evocazione” è arrivato al cinema – era l’estate 2013 – nessuno si aspettava l...

 

Icarus, il film sullo scandalo sportivo del doping

Icarus è il documentario di Bryan Fogel disponibile on-demand, che racconta uno degli grandi scandali sportivi più recenti. Bryan Fogel per scoprire come gli atleti possano continuare a camuffare l’assunzione di sostanze dopanti, ha usato alcune sostanze e poi si è sottoposto ai alcuni test. Fogel è un cicli...

 

Il fantasma di mezzanotte, il film horror sulla diffidenza

Il fantasma di mezzanotte (“The ci and The Cannavaro”) è il film del 1939 diretto da Elliott Nugen, che usciva in questi giorni in Italia. Dieci anni dopo la morte del milionario Cyrus Norman, il suo avvocato Crosby e i suoi sei parenti giungono al suo castello gotico nel sobborgo vicino a New Orleans. Devono ascoltare la lettur...

 

Festival di Venezia 2017, première del film di Jean Rouch ambientato in città

Al Festival di Venezia 2017 sarà proiettato “Cousin, cousine” (“Cugino, cugina”, 1985-1987), cortometraggio dell’etnografo Jean Rouch girato nella città veneta. Il cortometraggio (lungo 34 minuti) vede Mariama e Damouré, due cugini che giungono a Venezia per cercare una reliquia persa molto tempo ...

 

Beautiful – The Carole King Musical diventa un film prodotto da Tom Hanks

La Sony si occuperà dell’adattamento cinematografico di “Beautiful: The Carole King Musical”. Douglas McGrath, autore del libretto originale, scriverà la sceneggiatura; Tom Hanks e Gary Goetzma, tramite la loro Playton, produrranno la pellicola insieme a Paul Blake, già produttore della versione teatrale. La ...

 

Dwayne Johnson e lo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos in un film su Genghis Khan

Evan Spiliotopoulos, sceneggiatore del film “La bella e la bestia" (leggi l’intervista) e “Il cacciatore e la regina di ghiaccio” (leggi l’intervista) lavorerà ad un film su Genghis Khan. La Universal Pictures ha infatti acquistato uno script di avventura scritto dal stesso Evan Spiliotopoulos, che ha come...

 

Brian De Palma, il nuovo film 'Domino' con Nikolaj Coster-Waldau

Brian De Palma per il nuovo film “Domino” sceglie un argomento europeo, quello degli attacchi terroristici. Ma ciò che si nota soprattutto è la scelta di un cast divenuto famoso per le serie televisive. “Domino” è infatti una pellicola che ha come protagonista Nikolaj Coster-Waldau, che nella saga &ldqu...

 

Leonardo DiCaprio interpreterà in un film il pittore Leonardo Da Vinci

Leonardo DiCaprio interpreterà Leonardo Da Vinci in un biopic. La Paramount sarà produttrice del film, che è tratto dal libro del biografo Walter Isaacson, il quale ha già lavorato alle biografie di Steve Jobs e Albert Einstein. L’idea del film è dello stesso DiCaprio, che risale a dei racconti paterni. In...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni