X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Michael J. Fox: Ritorno al futuro - Parte II, il film classico di Robert Zemeckis

20/11/2013 12:18
Michael J. Fox Ritorno al futuro - Parte II il film classico di Robert Zemeckis

Ritorno al futuro - Parte II ("Back to the Future Part II") è il film di Robert Zemeckis con Michael J. Fox che compie ventiquattro anni. Una pellicola che sa coniugare fantascienza e affetti personali

Ritorno al futuro - Parte II (“Back to the Future Part II") di Robert Zemeckis con Michael J. Fox e Christopher Lloyd uscì nei cinema settembre il 20 novembre del 1989. Dopo ventiquattro anni rappresenta assieme all’intera trilogia uno dei film di fantascienza più attuali e moderni, perché collegato con eventi reali e personali. 

Siamo sempre nella Hill Valley, in California: Marty McFly dall’anno 1955 è tornato al 1985, incontra il suo amico Emmett Brown "Doc" che visitando l’anno 2015 ha scoperto che il suo futuro figlio combinerà dei guai. I due partono e giungono al 2015 con l’auto del tempo, la DeLorean. Riescono a salvare Marty McFly Jr. dal carcere poiché fanno arrestare al suo posto il rivale Griff Tannen. Ma il nonno dell’arrestato entra in possesso della DeLorean, e grazie ai risultati sportivi tra il 1950 e il 2000 piazza delle scommesse che lo fanno diventare milionario, tanto che Hill Valley è trasformata nella  "capitale del vizio", con bande di teppisti che seminano terrore.

Doc e Marty tornano così nel 1955 e distruggono l'almanacco,  ristabilendo il rigore del 1985. A causa di un fulmine Doc è trasportato nel 1885, in pieno Far West: Marty è informato da una lettera che Doc non vuole essere riportato nel futuro perché si trova bene in quell’epoca.

La possibilità di modificare il presente prevedendo il futuro è stata raramente proposta in letteratura. E il film infatti è uno dei rari casi in cui il concept del film non è tratto da un romanzo ma da una esperienza personale. Lo sceneggiatore e produttore Bob Gale nel 1980 visitò i suoi genitori a San Louis, nel Missouri dopo la distribuzione del film “Used Cars” (1980), da lui sceneggiato e diretto dallo stesso Zemeckis. Frugando nella loro cantina trovò l'annuario scolastico di suo padre e scoprì che era presidente della sua classe di laurea. Così Gale si chiese se andando a scuola nello stesso periodo del padre e nello stesso liceo, lo avrebbe incontrato. Tornò in California e raccontò l’idea a Zemeckis, e questi cominciò a pensare alla frase della madre che disse di non aver mai baciato un ragazzo a scuola, quando in realtà era un periodo di grande  promiscuità. Così le due suggestioni si fusero, e il progetto fu finanziato dalla Columbia Pictures per uno sviluppo dello script nel settembre dello stesso anno. La prima bozza terminò nel febbraio 1981, ma lo studios pose il copione in Turnaround, ossia nell'accordo che prevede la cessione dei diritti ad un altro studio in cambio del costo di sviluppo più gli interessi.

L'ipotesi era un acquisto da parte della Disney, ma per i quattro anni successivi la sceneggiatura fu rifiutata e fu sottoposta ad altre due stesure. Mancando richiami erotici così come nelle commedie imperanti quali “Fuori di testa” (“Fast Times at Ridgemont High”, 1982) o “Porky's” (1982), lo script era considerato troppo leggero. Dall’altro lato il fatto di proporre una madre innamorata di suo figlio era eccessivo per la Disney; l’idea di proporlo a Steven Spielberg, il quale aveva prodotto i due due flop “Used Cars” e “I Wanna Hold Your Hand” era da accantonare. 
Zemeckis mise così in standby il progetto. Diresse “All'inseguimento della pietra verde” il cui successo al botteghino gli diede la possibilità di un finanziamento da parte della Universal Pictures.

La storia propone la giusta commistione di ironia e senso del destino: giungere nel futuro per modificare le proprie vicende è una delle possibilità più desiderabili. Soprattutto se gli affetti personali e familiari segnano questa possibilità: nel primo episodio la madre Marty McFly torna nell’anno 1955, al liceo incontra una ragazza che s’innamora di lui e che scoprirà essere la sua futura madre. Senza questo intreccio edipico la maggior parte della suggestione del film verrebbe meno.

Il regista Zemeckis nel secondo film è riuscito a proporre un modello fantascientifico con la giusta dose di humour, tanto che l’attore principale Michael J. Fox interpreta ben cinque personaggi: Marty adolescente del 1985, il Marty adulto del 2015, suo figlio Martin Jr., il bisnonno e addirittura sua figlia Marlene. E lo stesso incasso d 331.950.002 di dollari ripagò l’investimento iniziale di 40 milioni, divenendo il terzo film del 1989 dopo “Indiana Jones and the Last Crusade” di Steven Spielberg e “Batman” di Tim Burton. 

Il film fu girato dopo quattro anni dal primo “Ritorno al futuro” (1985) e avrebbe dovuto essere distribuito assieme al terzo, del 1990. Ma la divisione degli episodi procurò un raddoppio degli incassi.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

La battaglia dei sessi, incontro con i registi del film

La battaglia dei sessi (“Battle of the Sexes”) è il film diretto da Jonathan Dayton e Valerie Faris, con Steve Carrel e Emma Stone. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa del film con i registi. La storia evoca la partita di tennis avvenuta il 20 settembre 1973 tra Bobby Riggs e Billie Jean King: la ventinovenne tennista gi...

 

L'alba del mondo: dal romanzo al film, intervista allo scrittore Rhidian Brook

Rhidian Brook è autore di “The Aftermath” (“L’alba del mondo”) , libro che diverrà un film nel 2018 interpretato da Alexander Skarsgård, Keira Knightley e diretto da James Kent. Mauxa l'ha intervistato. La storia racconta - nella Germania del 1946 - della giovane Rachael Morgan che arriva con l&rsq...

 

Splinter Cell, Tom Hardy protagonista del film ispirato ai videogiochi Ubisoft

L’“Assassin’s Creed” con Michael Fassbender è stato un flop caduto subito nel dimenticatoio, ma questo non ha scoraggiato la Ubisoft, che si dice ancora intenzionata a trasformare in un film “Splinter Cell”, l’altro franchise che l’ha resa uno dei colossi del settore videogames. Tom Hardy si &...

 

Gus Van Sant, il nuovo film è 'Don't Worry'

Gus Van Sant è al lavoro al nuovo film, dal titolo “Don't Worry, He Won't Get Far on Foot”. La vicenda ruota attorno a John Callahan (Joaquin Phoenix), che a 21 anni dopo un incidente d’auto resta paralizzato. Il giovane però non demorde, e comincia dipingere come forma di terapia. Nel cast ci sono anche Jonah Hill...

 

Eva contro Eva, il film sull'apparente disponibilità con Bette Davis

Eva contro Eva è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in questo periodo, nel 1950. Alla consegna annuale del premio Sarah Siddons Society ci sono vari drammaturghi, tra cui Addison DeWitt (George Sanders), Lloyd Richards (Hugh Marlowe) e la moglie, assieme e personaggi dello spettacolo tra cui la famosa attrice...

 

Movies Anywhere, la nuova App che centralizza i film

Movies Anywhere è lanciato oggi negli Stati Uniti con cinque studios che forniranno i contenuti. Si tratta di Sony Pictures Entertainment, The Walt Disney Studios (che comprendono Disney, Pixar, Marvel Studios e Lucasfilm), Twentieth Century Fox Film, Universal Pictures e Warner Bros. Entertainment. L’obbiettivo è fornire un'e...

 

Recensione del film Barracuda, la tensione familiare apprezzata dalla critica

Barracuda è il film di Julie Halperin e Jason Cortlund, uscito nelle sale statunitensi in questi giorni e che ha ottenuto un ottimo successo di critica. I primi minuti, con una barca su un lago dorato, un saluto sulla tomba di un uomo dove si versa del whisky si svolgono in silenzio. Quello di cui molti film avrebbero bisogno per essere app...

 

'L'arte deve far riflettere': intervista ad Ori Pfeffer protagonista di 'The Testament'

A Venezia abbiamo avuto l’occasione di intervistare Ori Pfeffer, protagonista di “The Testament”, un film intenso in cui il regista e sceneggiatore Amichai Greenberg riflette sui temi dell’identità, della famiglia e dell’importanza della memoria, sia a livello individuale che collettivo. Pfeffer ha interpretato ...

 

Il miracolo della 34ª strada, per i 70 anni del film nuove immagini

Per i settanta anni dell’uscita del film “Il miracolo della 34ª strada” (“Miracle on 34th Street”, 1947) di George Seaton negli Stati Uniti esce in questa settimana un nuovo dvd e blu-ray. Durante la stagione delle vacanze natalizie un gentiluomo colto, panciuto e una barba bianca (Edmund Gwenn) è assunto ...

 

Recensione del film Il palazzo del Viceré

Il palazzo del Viceré (“Viceroy's House”) è il film di Gurinder Chadha con Hugh Bonneville, Gillian Anderson e Manish Dayal. Louis Mountbatten ( Hugh Bonneville ) arriva nella sua residenza a Delhi nel 1947. È Governatore generale, ossia capo dell'amministrazione britannica della nazione, che è da poco uscit...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin