X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Sting, antipatia e talento da Linus per il nuovo album 'The last ship' - 2013 11 13

13/11/2013 11:32
Sting antipatia talento da Linus per il nuovo album 'The last ship' - 2013 11 13

Il cantante inglese presenta il nuovo disco dopo 8 anni di blocco creativo, ma Linus e il dj Nicola Savino, pur apprezzando la qualitą e il talento di Sting, ne danno un ritratto umano poco edificante. D'altronde, come dicono, bisogna separare l'opera dall'operaio

Sting è un genio della musica, e non smentisce il detto secondo cui questa caratteristica si accompagna alla sregolatezza. Ospite di Linus e Nicola Savino a Radio Deejay per presentare l'ultimo album "The last ship", il cantante inglese ha affascinato per il proprio talento cristallino ma non ha brillato altrettanto per simpatia e disponibilità.

Linus ha commentato sul suo blog con parole che non consentono equivoci: "ci sono ospiti simpatici e collaborativi ed altri come Sting. La sua fama a riguardo lo precedeva, e quindi non sono rimasto sorpreso dall’atteggiamento. Sarà supponenza, poca voglia, snobismo britannico, poco importa. (...) La cosa curiosa è che nonostante l’antipatia non cambio idea nei suoi confronti: il disco nuovo è molto bello, lui ha un carisma incredibile e soprattutto i Police saranno sempre nel mio cuore."

Lo stesso Savino ha raccontato di come durante le pause di registrazione, mentre andava in onda la musica di Sting, alla domanda se gradisse la compressione radiofonica, ovvero come il suono esce dalla radio, ha risposto con un secco no. Tanto che il giudizio sulla persona da parte dei dj è univoco e lapidario: simpatico come la sabbia nel letto.

Ma l'opera, quella sì, affascina. Ispirata ai cantieri navali della sua città, Newcastle, Sting ha raccontato di come da giovane abbia fatto di tutto per fuggire dai luoghi natii, per poi ora, a 62 anni suonati, smani per ritornare tutte le volte che può. Un fenomeno assolutamente imprevedibile per il giovane Sting, che non desiderava altro che calcare i palcoscenici di Londra e New York.

In "The last ship" il tema dominante è quello della nave, legato ai primi ricordi dell'infanzia, quando guardava fuori da casa e vedeva una montagna di acciaio dei cantieri. Per quindici anni vivendo a Newcastle ha visto sempre quelle navi come simbolo di speranza, di paura ma anche di morte. Un'opera sofferta, che giunge dopo 8 anni di blocco creativo che Sting ha superato semplicemente mettendo da parte il proprio ego.

Un disco che diventerà anche un musical nel 2014, sulla storia di una comunità di lavoratori capeggiata dal protagonista interpretato dall' attore Jimmy Nail, contro i soprusi dei dirigenti e decide di riprendersi in mano lavoro e dignità. C'è un po' della poesia di 'Don Chisciotte' ma anche della visione politica dell'artista britannico.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Sting,

Da non perdere

Ultime news
Recensioni