X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Il richiamo del cuculo, il nuovo libro di J. K. Rowling sotto mancato pseudonimo

12/11/2013 13:00
Il richiamo del cuculo il nuovo libro di J. K. Rowling sotto mancato pseudonimo

I protagonisti ricordano due beniamini di Hogwarts, Hermione e Hagrid - un omaggio all'universo potteriano che i lettori più attenti non hanno tardato a riconoscere: uscito la scorsa settimana, Il richiamo del cuculo di J. K. Rowling entra nella top ten dei libri più venduti in Italia.

J. K. Rowling è in libreria con la crime story Il richiamo del cuculo (Salani Editore), atteso in Italia e preceduto dal clamore dello scoop estivo del Sunday Times. The Cuckoo's Calling, infatti, uscito in Gran Bretagna lo scorso aprile è un giallo a firma dell'esordiente Robert Galbraith, salutato favorevolmente dalla critica con tiepido riscontro di vendite. Poi la rivelazione e l'impennata delle vendite: Galbraith non è che la celeberrima autrice di Harry Potter.

Il seggio vacante - Nel febbraio del 2012 la Rowling annuncia un cambio di editore - da Bloomsbury alla Little, Brown Book Group - e abbandona la narrativa per ragazzi. Vuole collaborare con l'editore David Shelley, nome di spicco associato ai thriller.
A settembre dello stesso anno dà alle stampe Il seggio vacante - pubblicato in Italia a dicembre da Salani - un romanzo satirico-sociale che, in poche ore dalla sua uscita, si piazza in vetta alla classifica di Amazon di Regno Unito e Stati Uniti. In dicembre La BBC One, in collaborazione con BBC Drama, annuncia di aver acquistato i diritti per l'adattamento tv. Tuttavia, il successo è frutto della curiosità. Le critiche sono maggiormente positive, ma non mancano voci fuori dal coro.

Robert Galbraith, il segreto dal fiato corto - Intanto, per la stessa casa editrice, sta per essere pubblicato Il richiamo del cuculo con una nota biografica sulla pagina web dell'autore fittizio, un veterano di guerra che dal 2003 si è riciclato nel business dell'investigazione privata.
Nella prima settimana il giallo viaggia su binari di vendita piuttosto mediocri, ma tutto sommato soddisfacenti per un esordiente assoluto. Con la soffiata del Sunday Times - la Rowling dietro il fantomatico Galbraith, del resto non sarebbe la prima volta che pubblica sotto pseudonimo - le vendite, oltremanica e oltreoceano, schizzano.
L'affaire risale a un cinguettio su Twitter fatto i primi del luglio scorso a India Knight, scrittrice e giornalista del britannico Sunday Times, da parte di Jude Callegari. Sarebbe l'amica della moglie di Chris Gossage, socio di Russells Solicitors, studio legale che annovera tra i suoi clienti la stessa Rowling. La faccenda si risolve con una donazione a titolo di indennizzo da parte dello studio legale alla Soldiers' Charity, associazione di volontariato che assiste veterani di guerra. La Rowling è celebre anche per la dedizione a numerose attività filantrope, l'accordo soddisfa tutti. 
L'autrice dichiara alla stampa: “Speravo di mantenere il segreto più a lungo. È stata un'esperienza liberatrice. È stato meraviglioso pubblicare per il puro piacere di ottenere un riscontro con un nome diverso, senza il peso dell' aspettativa”.

Il richiamo del cuculo trama - Robin si è da poco trasferita a Londra con il fidanzato Matthew. Originaria di una cittadina dello Yorkshire, passa da un lavoro temporaneo all'altro. Mappa discreta alla mano, non è prudente passare per turista, è al primo giorno del lavoro interinale di quella settimana. Infine, imbocca Denmark Street. È arrivata a destinazione quando il campanello di C.B. Strike si rivela essere quello di un investigatore privato. Robin rimane “immobile, con la bocca leggermente aperta, provando un senso di meraviglia che nessuno tra coloro che la conoscevano avrebbe potuto capire. Non aveva mai confessato ad anima viva (nemmeno a Matthew), il sogno segreto di tutta la sua vita, sin da quand'era bambina. E si realizzava proprio quel giorno”
Cormoran Strike è un ex poliziotto militare - funzionario del SIB, il reparto investigativo speciale - e un reduce della guerra in Afghanistan. Figlio di una rockstar e una supergroupie. Di stazza imponente, con una gamba e mezza. Quando incontra Robin è malconcio e sommerso dai debiti. È stato appena lasciato dalla compagna Charlotte, una bellezza d'altri tempi e rampolla di sangue blu. L'ufficio è squallido, munito di branda per la notte. Strike è “un vecchio dinosauro a pezzi” - come lui stesso si definisce. Non ha bisogno della segretaria interinale mandata dall'agenzia delle Soluzioni Temporanee. Tuttavia, l'arrivo di Robin porta un provvidenziale, facoltoso cliente, l'avvocato John Bristow: è il fratellastro di Lula Landry, top model precipitata tre mesi prima dal suo attico nel quartiere esclusivo di Mayfair. Un suicidio di cui si sono occupati tutti i media per settimane: una personalità bipolare con un passato ingombrante e frequentazioni dubbie.
Bristow non crede al suicidio e, soprattutto, paga bene. Strike accetta riluttante il caso e la presenza della segretaria a scadenza settimanale.
A Robin basteranno pochi giorni per distinguersi. Ha spirito d'iniziativa e raro senso della discrezione. È brillante, coraggiosa, perspicace. Farà cambiare idea a Strike?

Primo caso per Strike e Robin - Nei protagonisti, i lettori della Rowling hanno riconosciuto un omaggio ai due dei personaggi più amati della saga di Harry Potter, Hermione e Hagrid: il detective Strike e la segretaria Robin ne sublimano certi tratti caratteriali.
Il richiamo del cuculo è un thriller raffinato, senza spargimenti di sangue, corredato con una vivace geografia dei pub londinesi, a uso e consumo della detection di Strike.
Come d'abitudine, alla fine il lettore della Rowling è costretto a ripercorrere la storia dall'inizio e sotto una luce diversa.
La critica è concorde nel tessere le lodi di un giallo di ottima fattura – ci mancherebbe altro. Tuttavia qualcuno lamenta un ritardo riguardo al decollo del plot criminale, altri muovono perplessità su certi clichés ribaditi: su tutti, il personaggio di Strike, l'ennesimo investigatore maledetto e in bolletta. Due “punti deboli”, frutto della stessa esigenza: presentare i protagonisti con un passato eccentrico (Strike) e un concentrato di virtù (Robin) che promettono inattese implicazioni future.
Un secondo caso per Strike&Robin, infatti, è in pubblicazione per il 2014.

Un'idea di nome Potter - La leggenda narra che Harry Potter sia nato all'Elephant House, tappa consueta di una mamma single a passeggio con la figlia in fasce. Le passeggiate favoriscono il sonno sereno alla piccola e la madre si rifugia nella saletta sul retro del pub, gestito dal cognato, con vista sul castello di Edimburgo. Qui può dedicarsi alla stesura di una saga fantasy a cui sta lavorando da un po'.
Disoccupata, un matrimonio lampo alle spalle, la madre scomparsa prematuramente: all'epoca la Rowling vive del sussidio statale, “povera come lo si può essere nella moderna Gran Bretagna, senza essere un senzatetto”. Una situazione estrema da cui - anche questo è noto - prenderanno vita letteraria i Dissennatori, le creature malefiche dedite a succhiare le forze positive degli individui.
Tuttavia, in un articolo per Harvard Magazine del 2008 intitolato “The Fringe Benefits of Failure, and the Importance of Imagination”, la Rowling benedice quel periodo che si presenta sotto il segno di una grande liberazione: “Il fallimento libera da tutto ciò che non è essenziale. Ho smesso di fare finta di essere qualcos'altro da quello che ero e ho iniziato a indirizzare tutta le mie energie per finire l'unico lavoro che ritenevo importante. Avessi avuto altre opportunità, probabilmente non avrei mai trovato la determinazione di provare a farcela nell'ambito a cui sentivo di appartenere (scrive storie dall'infanzia, ndr). Ero finalmente libera, il mio incubo maggiore si era materializzato. Ma ero ancora viva, e avevo ancora mia figlia che adoravo, e avevo una vecchia macchina da scrivere, e una grande idea. Toccare il fondo divenne un solido fondamento per ricostruire la mia vita”.
Sappiamo com'è andata: con oltre 400 milioni di libri venduti nel mondo, la "donna di spettacolo" più ricca nel 2004 del Regno Unito - secondo la classifica di Forbes - è una scrittrice.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 

Altri articoli Home

Wonder Woman: l'intramontabile supereroina tra uscite DC Comics e l'atteso cinecomic

Wonder Woman rimane la supereroina più amata di DC Comics, icona di emancipazione femminile capace di attraversare indenne i decenni dal debutto in “All Star Comics #8” in 1941. Paladina indiscussa della giustizia, ha spento le settancinque candeline l'anno scorso accompagnata da molteplici iniziative per renderle omaggio. Molti...

 

Recensione L'Homme qui tua Lucky Luke una magnifica graphic novel di Mattihieu Bonhomme

“L’Homme qui tua Lucky Luke” è una graphic novel creata dal grande scrittore e disegnatore Mattihieu Bonhomme. Con questa sua opera, uscita in Francia il primo aprile scorso, lo scrittore ha voluto omaggiare lo storico creatore di Lucky Luke, Morris. Inoltre Mattihieu Bonhomme con questa graphic novel ha vinto il premio Sai...

 

Recensione Civil War II una nuova guerra si trova alle porte nell'universo Marvel Comics

Civil War II è iniziato il nuovo grande evento della Marvel Comics, per ora in Italia sono stati pubblicati dalla Panini Comics solo i primi tre numeri di questo grandissimo evento ma le premesse sono veramente fantastiche. Questa nuova Civil War vede contrapposti due grandi personaggi, da una parte come sempre c’è Iron Man e da...

 

For Honor, recensione videogame per PS4 e Xbox One: Cavalieri, Vichinghi e Samurai

For Honor è il videogioco action sviluppato e pubblicato da Ubisoft, un progetto innovativo che unisce epoche e stili di combattimento differenti. La software house francese è, sicuramente, la più attiva e importante casa di sviluppo a presentare annualmente nuove proprietà intellettuali all’interno del panorama vi...

 

Dylan Dog quadrimestrale, un maxi formato comics con tre storie inedita

Bonelli Editore ha comunicato proprio in questi giorni che il prossimo anno Tex Willer compirà settant’anni. Traguardo storico che l’editore italiano si appresta a vivere con la dovuta attenzione. Premura che viene rivolta ai numerosi fan del longevo personaggio Bonelliano. L’Editore ha infatti comunicato che i festeggiamen...

 

Valiant, Secret Weapons: Livewire a capo di un team di reietti, il fumetto che vi sorprenderà

Valiant annuncia l'uscita di “Secret Weapons”, il cui primo numero debutterà in fumetteria il 28 giugno. A rendere la miniserie particolarmente ghiotta è il team creativo riunito dalla casa editrice formato da Eric Heisserer, sceneggiatore nominato all'Oscar per lo script non originale di “Arrival” (2016), Raul...

 

Dark Horse Comics, The Visitor: How and Why He Stayed: le ragioni dell'alieno sulle tracce di Hellboy

Dark Horse Comics annuncia una nuova miniserie radicata nell'universo di Hellboy. Si tratta di “The Visitor: How and Why He Stayed”, cinque numeri con il primo in uscita il 22 febbraio. Il protagonista è uno dei personaggi più intriganti introdotti nel fumetto, apparso nel primo “Hellboy: Seed of Destruction” (...

 

Z Nation comics, dopo la serie tv arriva la nuova saga a fumetti sugli zombie

Z Nation è la fortunata serie Tv che traccia delle trame nelle quali la trasformazione in zombie dell’umanità costituisce la minaccia più pericolosa per coloro che ne sono rimasti incontaminati. Una lotta nella quale persone comuni, strappate alla quotidianità, si ritrovano proiettate a dover affrontare un viaggio ...

 

Agents of S.H.I.E.L.D. tra fumetto e serie televisiva

Ispirato dalla fortunata serie televisiva, la serie comics di “Agents of S.H.I.E.L.D.” targato Marvel Comics debutta nelle fumetterie americane il 13 gennaio 2016 con un primo arco narrativo intitolato “The Coulson Protocols”. La trama riserva molte sorprese. Maria Hill non è più a capo dello S.H.I.E.L.D. e il...

 

Sniper Elite 4, recensione videogame per PS4 e Xbox One: la vita di un cecchino

Sniper Elite 4 è il videogioco a sfondo bellico sviluppato da Rebellion, che mette il giocatore nei panni di Karl Fairburne, cecchino professionista impegnato nella Campagna italiana durante la Seconda Guerra Mondiale. Il focus della produzione, che lo differenzia dagli altri sparatutto, è da ricercare nel gameplay, incentrato su elim...

 

Da non perdere






Ultime news
Recensioni