X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

L'obesità, ne è afflita l'età infantile che chiede rimedi

07/11/2013 17:30
L'obesità ne afflita l'età infantile che chiede rimedi

Esiste un nuovo inquietante problema mondiale che mette a rischio la salute di migliaia di persone: si tratta dell’obesità (obesity), condizione medica in cui accumula del grasso corporeo in eccesso che può portare effetti negativi sulla salute. Colpiti è l'eta infantile di tutto il mondo, dall'Italia agli Stati Uniti

Esiste un nuovo inquietante problema universale che mette a rischio la salute di migliaia di persone. E come qualsiasi altra malattia non “guarda in faccia” né sesso, né età e ceto sociale: si tratta dell’obesità, condizione medica in cui si accumula del grasso corporeo in eccesso e che può portare effetti negativi sulla salute con una conseguente riduzione dell'aspettativa di vita ed un aumento dei problemi di salute.

Questa patologia tipica del nostro secolo, attribuita spesso alla società dette "del benessere", è quasi sempre correlata ad altre malattie, tra queste le disfunzioni cardiocircolatorie, il diabete mellito di tipo 2, patologie a carico del sistema osteo-articolare, ictus, sindrome da apnea notturna e alcuni tipi di tumore (fegato, conlon-retto, ovaie). Fatto che la rende ancora più grave, è una delle principali cause di morte prevenibile a livello mondiale: ricerche statunitensi effettuate su un campione a larga scala, hanno dimostrato che il rischio di mortalità è più basso negli individui con IMC (Indice di massa corporea) tra i 20 e i 25 kg/m2 e non fumatori e nei 24–27 kg/m2, con un aumento del rischio con eventuali cambiamenti in entrambe le direzioni.

Uno stato fisico e mentale da non sottovalutare e cercare di prevenire, soprattutto con un’aedguata educazione alimentare che parte dalla prima infanzia. Infatti il grasso in eccesso in giovane età può causare uno “scombussolamento ormonale” accelerando l’arrivo della pubertà. I cambiamenti fisici della pubertà si verificano spesso in ragazze che sono tra i 10 ei 14 anni, ma l'epidemia di obesità possono dare il via al processo di maturazione in anticipo. I ricercatori del Cincinnati Children Hospital Medical Center hanno esaminato più di 1.000 giovani ragazze in soprappeso e molte di loro hanno mostrato segni di pubertà già dai 9 anni.
Gli autori dello studio affermano che, stando ai i risultati dello studio, potrebbe essere giunto il momento di cambiare la definizione della pubertà, avvertendo che se essa arriva troppo "presto" o troppo in "ritardo" potrebbe interferire con la salute psicologica degli adolescenti.

L’obesità può limitare la vita sociale dell’individuo. Questo è ormai appurato, basta dare un’occhiata a tutte quelle trasmissioni tv in cui i protagonisti, giovani e meno in soprappeso, devono combattere ogni giorno con i pregiudizi e gli impedimenti motori causati dal loro peso ma che tentano, grazie alla dieta, l’esercizio fisico e l’incitamento del conduttore, a tornare in forma. Le Monde diplomatique di un anno fa ha condotto un’interessante inchiesta in merito, affermando che, come spesso accade, il sistema colpevolizza gli obesi, sostenendo che se sono così è colpa loro. Ragionamento affrettato in cui a farla da padrone è il luogo comune: come dire che agli italiani piace la pizza e che sono mafiosi. Come l’articolo propone, si dovrebbero individuare tutti quei fattori che favoriscono questa disagiata condizione fisica, ovvero quei individuale meccanismi di ordine sistemico che favoriscono la diffusione del grasso superfluo. In primo luogo, come l’inchiesta indica, è il limitare la promozione dell’American way of life, stile di vita che prevede una serie di attrezzi volti a ridurre al minimo lo sforzo fisico: “ascensori, scale mobili, telecomandi, inaffiamento automatico, aspirapolvere, lavatrici-essiccatrici, apriscatole e coltelli elettrici”. E si potrebbe aggiungere, come metodo di prevenzione ormai decantata da anni da dottori e pediatri, da anni, una sana dieta, esercizio fisico e approccio psicologico: tutte le basi per la terapia preventiva e curativa contro l'obesità. Inoltre, è fondamentale una corretta alimentazione riducendo al minimo gli alimenti ricchi di calorie, come quelli ad alto contenuto di grassi e zuccheri, e aumentando l'apporto di fibre alimentari.

Per favorire la terapia, possono essere prescritti farmaci anti-obesità che funzionano riducendo l'appetito o inibendo l'assorbimento del grasso. Come accennato in precedenza, l'obesità è la principale causa di morte prevenibile in tutto il mondo, con l'aumento della prevalenza in adulti e bambini e le autorità la considerano “la bestia nera”, uno dei più gravi problemi di salute pubblica di questo secolo. 

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Intervista a Simonetta Spiri: 'è un'eresia pensare che le passioni abbiano un'età'

Simonetta Spiri inaugura il suo nuovo percorso artistico con "Il tempo di reagire", canzone scritta insieme con Mario Cianchi ed Emilio Munda.  La cantante ha guadagnato notorietà grazie alla partecipazione alla settima edizione del talent show "Amici". Nel corso della sua carriera ha pubblicato gli album "Il mio momento" (20...

 

Campioni omaggio: dai concerti ai trucchi il risparmio e la sua storia

Il sistema è ormai saldo: nato nel 1851 negli Stati Uniti grazie a Benjamin T. Babbitt, ora si è diffuso sul web. Tra i siti nazionali di spicco c’è supercampione.it, che grazie ad un lavoro attento e particolarmente minuzioso offre molteplici tipologie di campioni omaggio. In questo caso basta registrarsi in maniera gra...

 

Michael Bublé: 'Ora apprezzo la vita molto di più' confida la moglie sulla guarigione del figlio

La moglie di Michael Bublé, Luisana Lopilato ha diffuso la notizia sulla guarigione del loro figlio, Noah. I due avevano confermato nel 2016 che il figlio fosse affetto da una forma di tumore al fegato. Durante una conferenza stampa in Argentina, Luisana Lopilato ha detto ai giornalisti: “Grazie a Dio, mio figlio sta bene. Quando si ...

 

'La nostra società sta diventando eccessivamente protettiva': intervista a Daniele Fabbri

Abbiamo intervistato il comico Daniele Fabbri, protagonista il 7 aprile al Teatro Douze di Roma con un nuovo significativo show.  D: Il tuo nuovo monologo si intitola “Infarto Cesareo”, cosa lo distingue rispetto ai precedenti? R: La voglia di essere più scemo. Nei miei primi spettacoli ho cercato di esplorare un umor...

 

Care figlie vi scrivo, il libro tra cinema e passione di Marisa Bruni Tedeschi

Care figlie vi scrivo è il libro uscito di recente di Marisa Bruni Tedeschi che racconta una famiglia cresciuta tra il cinema la politica.  Marisa Bruni Tedeschi è pianista, ha vissuto una vita da artista: racconta qui la giovinezza nell'Italia fascista, la morte precoce del padre, l'incontro nel 1952 con il marito Alberto, indu...

 

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni