X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Tinto Brass, la donna audace filmata dal regista in un libro e nel docufilm al Festival di Venezia

14/08/2013 10:25
Tinto Brass la donna audace filmata dal regista in un libro docufilm al Festival di Venezia

“The Tinto Brass Handbook - Everything You Need to Know about Tinto Brass” č un volume che ripercorre la carriera di Tinto Brass. Intanto La Mostra del Cinema di Venezia omaggia il regista con un documentario intitolato “Istintobrass”, dagli esordi parigini fino ai successi della cinematografia erotica

Tinto Brass - il cui vero nome è Giovanni Brass - in attesa dell’omaggio che gli riserva la Mostra Internazionale d’Arte cinematografica di Venezia è al centro di un volume in lingua inglese che analizza le vare fasi della sua carriera. “The Tinto Brass Handbook - Everything You Need to Know about Tinto Brass” è il titolo del libro scritto da Emily Smith, che parte dall’esordio erotico del regista veneziano con “Io, Caligola”, proseguendo con “Così fan tutte” (“Do It” in inglese) “Paprika” ( sceneggiati da Bernardino Zapponi), “Monella” (“Frivolous Lola” in inglese) e l’ultimo suo lavoro “Trasgredire”. Due capitoli in particolare affrontano l'amicizia con Gore Vidal, nonché i dettagli della trasposizione cinematografica del romanzo di Tanizaki Jun'ichir? che diverrà il film “La chiave” con Stefania Sandrelli. 

Sempre nel 2013 Tinto Brass ha curato la prefazione di due libri a sfondo erotico: si tratta di “Sette Piccoli Racconti Erotici” di Federica Tommasi e “Sesso, scarpe e pesciolini” di Fabio Brigazzi. Del 2008 è un volume scritto dallo stesso Brass: “Elogio della donna erotica. Racconto pornografico” dove in immagini si cerca di respingere l'accusa spesso rivolta dalle femministe al regista: qui si mostra come la donna rappresentata da Brass non sia un oggetto, bensì disinvolta, autonoma, intraprendente, capace di divincolarsi dalla prigione del romanticismo secolare, audace nel prendere iniziativa  e soggetto di desideri e passioni.

Per la Mostra d’Arte cinematografica di Venezia il documentario che omaggia Brass è “Istintobrass”, con la partecipazione di Adriana Asti, Serena Grandi, Helen Mirren, Sir Ken Adam, Gigi Proietti e Franco Nero. Girato da Massimiliano Zanin - assistente alla regia e sceneggiatore di Brass - si parte dal racconto della formazione parigina alla Cinématèque Francaise al fianco di Roberto Rossellini, Henri Langlois e Joris Ivens, con cineasti come Bresson, Godard, Truffaut. Si prosegue con lavori come “Col cuore in gola”, “Chi lavora è perduto”, “La vacanza”, “L’urlo” e la collaborazione con Dino de Laurentiis, Alberto Sordi, Silvana Mangano. Infine la scoperta del cinema erotico, con il citato “La Chiave”.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Elio Grimani
Home
 
Personaggi correlati
Tinto Brass



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni