X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista a Roberto Fabbri, gli ideali nascono da una chitarra

31/07/2013 12:04
Intervista Roberto Fabbri gli ideali nascono da una chitarra

Roberto Fabbri, chitarrista risponde alle domande i mauxa per la rubrica ‘Di che cultura sei?’

Mauxa intervista Roberto Fabbri, chitarrista che ha pubblicato il video del brano "02:00 A.M." tratto dall'album "Nei tuoi occhi” edito da Sony Classics. Fabbri ha realizzato oltre trenta pubblicazioni per chitarra, tradotte in cinque lingue e con oltre 150.000 copie vendute.

D. Cosa racconta il tuo ultimo singolo "02:00 A.M."?
R. Racconta una delle tante notti in cui, dopo un concerto, mi sono ritrovato carico di adrenalina e quindi insonne, nel Lounge Bar dell’Hotel dove risiedevo. Questo brano è nato a Miami ascoltando nel locale appena descritto quel tipo particolare di musica che prende appunto il nome di Lounge, parola inglese che significa atrio o salotto ed è il nome attribuito alla musica trasmessa come sottofondo nelle hall degli alberghi o nei loro bar e che sostanzialmente è caratterizzata dal suo “facile” ascolto.

D. Nel nuovo album "Nei tuoi occhi" ti basi su oggetti o personaggi per giungere poi a delle sensazioni: "Il cavaliere errante", "Come un battito d’ali", "Rainbow". Come mai?
R. La musica ha un forte potere descrittivo, la chitarra in particolare con i suoi mille colori timbrici ha un immenso potenziale evocativo ed io amo usarlo per ricreare immagini, situazioni, luoghi o personaggi.

D. Qual è il tuo film, attore e attrice preferito e perché?
R. “The Blues Brothers” e John Belushi che in quel film è assolutamente straordinario, tanta musica, tanto ritmo, tanta ironia e follia! L’ho visto un numero imprecisato di volte e penso proprio che lo rivedrò altrettante. Per l’attrice sono molto legato agli anni ’80 quindi direi senza ombra di dubbio Ornella Muti, la sua voce in “Flash Gordon” è di una sensualità unica.

D. Qual è il tuo libro preferito e perché?
R. Il “Don Chisciotte” di Cervantes, cui è ispirato il Cavaliere Errante. La follia di questo personaggio unito alla sua passione per la cavalleria ed al suo amore per la donna dei suoi sogni, la bella Dulcinea è in perfetta sintonia con il mio essere musicista. Come lui errante per il mondo a voler trasmettere a tutti l’amore per questo strumento così come Don Chisciotte voleva trasmettere a tutti gli ideali della cavalleria, girovago con la mia inseparabile chitarra e la mia Dulcinea nel cuore.

D. Qual è il tuo cantante e album preferito e per quale motivo?
R. Sting, ho avuto modo di conoscerlo nel 2007 ad un Festival a Belgrado dove entrambi eravamo in cartellone, io aprivo il concerto di Ennio Morricone, lui presentava il suo splendido album “Songs From The Labyrinth”, dedicato al repertorio di John Dowland (1563-1626), uno dei più grandi compositori dell' Inghilterra elisabettiana. Con questo album Sting ha fatto conoscere al grande pubblico un repertorio straordinario altrimenti sconosciuto.

D. Qual è la tua serie tv e fumetto preferito?
R. “Il commissario Montalbano”, ho letto tutti i libri di Andrea Camilleri, amo i fumetti di Milo Manara e Corto Maltese di Hugo Pratt.

D. Qual è la tendenza che segui, sia nell’ambito della moda che tecnologico?
R. Vesto sempre di nero e non mi separo mai dal mio Iphone5, sempre connesso a Facebook!

D. Qual è il tuo prossimo progetto?
R. Sto scrivendo le musiche del mio nuovo cd per la Sony classica che uscirà il prossimo anno, sarò anche questo un cd “corale” ci saranno gli archi ed io oltre che come solista suonerò anche in questo album con il mio quartetto di chitarre.
Questo album riserverà delle sorprese che sono certo stupiranno molto, specialmente in ambito “Accademico”, ma per ora sono “Top secret”!

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Roberto Fabbri,



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni