X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Roberto Bolle, popolarizza un'arte aristocratica ed incanta gli spettatori con l'American Ballet

22/07/2013 10:30
Roberto Bolle popolarizza un'arte aristocratica ed incanta gli spettatori con l'American Ballet

Principal Dancer dell’American Ballet Theatre e primo ballerino italiano al quale sia toccato simile ruolo, la stella trentottenne nativa di Casale Monferrato ieri ha riunito Principals e Soloists della celebre compagnia newyorkese in una spettacolare serata romana, a Caracalla. E stasera si replica per portare fresche ondate d'emozione ad un pubblico desideroso di applaudire la vera danza!

Roberto Bolle insieme all'American Ballet di New York sta estasiando gli spettatori giunti a Roma per assistere ad uno spettacolo intenso e prestigioso, dal titolo Roberto Bolle and Friends from the American Ballet Theatre”: diverse coreografie danzate da talenti assoluti, capaci di trasformare una banale serata d'estate in un evento indimenticabile! Quella dell'American Ballet Theatre (ABT) è una compagnia cosmopolita, che raccoglie ballerini del globo intero: ad esempio Julie Kent del Maryland, la coreana Hee Soo, il russo Daniil Simkin, il brasiliano Marcelo Gomes, la giapponese Juriko Kajika e l'afroamericana Misty Copeland.

Bolle con la Kent danza un estratto de “La dama delle camelie” e con Hee Soo il passo a due di “Romeo e Giulietta”. Se tra le coreografie in programma ci sono anche opere del neoclassico Alexei Ratmansky e di Christopher Wheeldon, talento d'ispirazione balanchiniana, l'assolo “Prototype” conclude il galà: una creazione studiata da Massimiliano Volpini appositamente per Roberto e dedicatagli come ritratto. Si tratta di un percorso colmo di citazioni della carriera del ballerino piemontese, con apparizioni di eroi quali Romeo e Albrecht ed un felice alternarsi di momenti classici e moderni. In un affascinante viaggio sperimentale, testimonianza della sua evoluzione artistica, Bolle omaggia gli astanti grazie ad un carisma inenarrabile.

Usando notevole determinazione, Roberto Bolle sta in questi anni facendo ciò che i i “Tre Tenori” (Plácido Domingo, José Carreras e Luciano Pavarotti) fecero negli anni Novanta per la lirica: raggiungere vaste platee popolarizzando un’arte elitaria. Il danzatore ama dar vita ad esibizioni all'aperto, durante le quali si attornia di splendidi e valenti colleghi e balla su palcoscenici allestiti in siti ampi ed incantevoli.

 

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 
Personaggi correlati
Roberto Bolle



Da non perdere






Ultime news
Recensioni