X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Nella bottega di scrittura con Vincenzo Cerami

16/11/2009 09:15
Nella bottega di scrittura con Vincenzo Cerami

Vincenzo Cerami, "La sceneggiatura all'italiana. Fellini, Pinelli e gli altri",Non sapevo bene, ho tante borse da aprire, ditemi voi...

Non sapevo bene, ho tante borse da aprire, ditemi voi...
E c'e' da credergli!
Credi che ci sia un non detto nella bottega della scrittura, qualcosa di non raccontato che sfugge?
C'e' una sottovalutazione del narratore per cui il drammaturgo rimane ancora il frutto di una cultura accademica, burocratica, scolastica. Il regista e' l'artista e tutti gli altri stanno intorno a quello che "c'ha il cappello e le sciarpette". Il cinema di Fellini ha una dimensione bidimensionale fumettistica...in fase di doppiaggio tutto cambiava completamente e noi ci chiedevamo, ma a cosa gli serve una sceneggiatura? In realta' aveva bisogno di un pretesto: lo sceneggiatore era allora come un antagonista, forniva la struttura che Fellini distruggeva. In Europa abbiamo il mito dell'artista totalizzante, ma il talento del narratore e' diverso da quello del regista. Solo Hitchcock era entrambe le cose. Diceva sempre che per fare un buon film ci vogliono 3 cose: una buona sceneggiatura, una buona sceneggiatura e...una buona sceneggiatura! I migliori film sono quelli meglio narrati: non parlo del racconto in se' e per se' ma di quel filo rosso, un sentimento, un'unita' di narrazione, che corre dall'inizio alla fine: ne La Dolce Vita, per esempio, e' Mastroianni il filo rosso di questo affresco, questo picaresco, questo fumetto felliniano. I film di Fellini, come anche quelli di Pasolini, sono apologhi: hanno trame picaresche, episodiche, preborghesi. La narrazione e' un pretesto, una divagazione sul tema, una poetica. L'universo felliniano e' una meravigliosa masquerade, alla Gerald de Nirval, pensiamo al Casanova: non c'e' mai una morale ma soprattutto emozione, divertimento, poesia.

Vincenzo Cerami, "La sceneggiatura all'italiana: Fellini, Pinelli e gli altri" - Fondazione Fellini, Rimini 6-7 novembre 2009

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 
Personaggi correlati
Roberto Benigni, Federico Fellini



Articoli correlati

Paolo Sorrentino, 'c'è l'influenza di Fellini' scrive la stampa estera sul film La giovinezza

Youth - La giovinezza di Paolo Sorrentino è stato presentato al Festival di Cannes, ottenendo pareri genericamente positivi. Peter Bradshaw su The Guardian ha definito il film “irto di occasionale debolezza (...) Michael Caine ha un volto imperscrutabile di delusione mondana, che rompe ogni tanto in un sorriso buffo”. L’am...

 

Anthony Quinn, cent'anni fa nasceva l'attore protagonista di Zorba il greco e La strada

Anthony Quinn è stato un attore molto affermato e celebrato, conosciuto soprattutto per i suoi ruoli di uomini duri e sanguigni. Nato in Messico il 21 aprile 1915, da bambino Quinn si trasferì con la sua famiglia a Los Angeles, dove cominciò a lavorare come attore cinematografico negli anni ’30 interpretando alcune parti ...

 

Roberto Benigni: di nuovo al cinema nel 2015 e in tv a dicembre con i 'Dieci Comandamenti'

Roberto Benigni sarà in tv il 15 e 16 dicembre, dopo la Costituzione leggerà in diretta i 'Dieci Comandamenti. Il comico toscano ha anche annunciato, dopo 10 anni, il suo ritorno al cinema, nel 2015. La Costituzione. Roberto Benigni ha saputo catturare l'attenzione di 12 milioni di telespettatori, solo su un palcoscenico davanti a un...

 

La strada, il film di Federico Fellini che sorpassa il neo-realismo

La strada di Federico Fellini usciva al cinema il 22 settembre 1954, con un cast composto da Giulietta Masina, Anthony Quinn, Richard Basehart e una produzione di Carlo Ponti e Dino De Laurentiis. La trama de La strada di Federico Fellini. La vicenda ruota attorno ad una giovane donna, Gelsomina che a causa dell’indigenza della famiglia &egr...

 

Ballarò, Massimo Giannini fa l'11.8% share mentre Giovanni Floris non arriva al 4% ed è un altro flop

Ballarò, grande attesa per i dati auditel sulla serata di ieri all'insegna dello scontro tra il talk show di Massimo Giannini e quello di Giovanni Floris su La7. La vera sfida è stata però tra Maurizio Crozza e Roberto Benigni. Roberto Benigni ha aperto il nuovo 'Ballarò' di Massimo Giannini. L'attore toscano ha scherza...

 

Roberto Benigni, una sua intervista show aprirà il nuovo Ballarò di Massimo Giannini

Roberto Benigni, si aprirà con il botto la prima puntata del nuovo 'Ballarò' su Rai3 condotto da Massimo Giannini. Probabilmente sarà lui a sostituire, ma solo durante la prima, la storica copertina di Maurizio Crozza. Il nuovo 'Ballarò' di Massimo Giannini. Sarà il vicedirettore de La Repubblica a prendere il po...

 

La Pantera Rosa: la moglie di Blake Edwards produce il nuovo film MGM

La Pantera Rosa torna a colpire. La MGM, per bocca del suo CEO Gary Barber e di Jonathan Glickman, ha infatti annunciato di stare realizzando un film in parte animato incentrato sul leggendario personaggio della "Pantera Rosa". Blake Edwards. Del film non si sa ancora molto se non che i produttori saranno Walter Mirisch, già impegnato nelle...

 

Federico Fellini: Amarcord, il film classico compie 40 anni

Amarcord è il film che usciva nei cinema quaranta anni fa. Era il 13 dicembre del 1973 quando la pellicola diretta da Federico Fellini seminava novità iconografiche al cinema, interpretato da Bruno Zanin, Magali Noël, Pupella Maggio e Armando Brancia. Negli Stati Uniti uscì il 19 settembre del 1974, vincendo L’Oscar ...

 

Fellini, regista della Dolce Vita: a vent'anni dalla morte le celebrazioni continuano

Ricorre oggi il ventesimo anniversario della morte di Federico Fellini, il regista riminese autore di capolavori immortali come "La Strada" (1954), "La Dolce Vita” (≤1960), ”Giulietta degli Spiriti” (1965) e "Amarcord” (1973) Il nome di Fellini non si presta ad equivoci: per chiunque è evocativo dell'età d'o...

 

Fabio Fazio: un nuovo libro studia il ‘fenomeno’ e cala il suo compenso

Fabio Fazio e Roberto Benigni potranno dormire sonni tranquilli: alle 'colonne portanti' della Rai sono stati rinnovati i contratti. E che rinnovi! I due comunque si sono messi una mano sulla coscienza, e vista la crisi che pervade il nostro Paese, non se la sono sentita di far sborsare cife da capogire al loro datore di lavoro. Entrambi quindi h...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni