X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Addio Rolex per Lino Banfi, vittima di due balordi

25/03/2013 11:07
Addio Rolex per Lino Banfi vittima di due balordi

Il popolarissimo attore pugliese subisce un furto rincasando

Lino Banfi, all'anagrafe Pasquale Zagaria nativo di Andria, è stato derubato due notti fa, mentre rientrava nella sua casa di Roma, nei pressi di piazza Bologna. Il celebre attore, che è comico, presentatore tv, cantante, doppiatore, sceneggiatore, scrittore ed anche ambasciatore dell'UNICEF italiano, è stato affiancato da due malviventi armati nell'androne del palazzo dove abita con la sua famiglia. Bloccato in ascensore e costretto a sfilarsi l'orologio da polso, ha consegnato ai mascalzoni il suo prezioso Rolex come lauto bottino.

Banfi ama molto la Capitale ed il quartiere in cui abita, ma ha affermato, rammaricandosi, che, senza un maggior controllo della zona da parte della polizia, sarà obbligato ad andarsene. La coppia di ladri si è data alla fuga in motocicletta ed il famoso nonno Libero del piccolo schermo fa appello alle forze dell'ordine affinché in giro vi sia più sicurezza per tutti, ad ogni ora diurna o notturna: i cittadini debbono sentirsi tutelati e difesi dallo Stato per vivere serenamente.

Il grande Lino Banfi è tra gli attori italiani di commedia leggera più caratteristici e distintivi del dopoguerra. Durante la sua lunga carriera ha mostrato notevole versatilità, recitando in tanti ruoli, anche drammatici, ed ha lavorato con registi come Fernando Di Leo, Nanny Loy, Luciano Salce, Dino Risi. Ci piace segnalare due suoi testi: l'autobiografico "Ti racconto una storia... Ricordi di vita e di scena" (Rizzoli, 2006) e l'umoristico "Il chèlcio secondo Oronzo Canà" (Mondadori, 2009). Nel primo Banfi ripercorre la propria vicenda personale e professionale in una sorta di romanzo picaresco che, attraverso memorie intime, narra l'iter complesso ed avventuroso che lo ha portato al successo. Nel secondo si diverte a raccontare con straordinaria verve che cosa c'è alla base del pensiero calcistico di Oronzo Canà, il mitico "allenatore nel pallone", da lui interpretato in due film cult (al seguente link è possibile acquistare "Il chèlcio secondo Oronzo Canà").

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 
Personaggi correlati
Lino Banfi



Da non perdere






Ultime news
Recensioni