X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Chapeaux per Damiano Damiani, l'ultimo saluto al talentuoso friulano

08/03/2013 12:04
Chapeaux per Damiano Damiani l'ultimo saluto al  talentuoso friulano

Profondo č il cordoglio generato dalla scomparsa del regista novantunenne

Si è spento nella notte a Roma Damiano Damiani per insufficienza respiratoria. Aveva raggiunto la veneranda età di 91 anni attraversando con stile ed acume quasi un secolo di problematiche e novità; la sua arte lo piazza a pieno titolo accanto ad altri importanti esponenti del cinema di denuncia come Carlo Lizzani, Elio Petri e Francesco Rosi, ma più di loro è stato capace d'inserire con successo tematiche politiche e sociali in pellicole d'intrattenimento.

Damiani, regista, scrittore, attore e sceneggiatore, era nativo di Pasiano di Pordenone. Dopo un'appassionata attività documentaristica, era balzato alla ribalta nel 1960-62 mediante la trilogia psicologica "Il rossetto", "Il sicario" e "L'isola di Arturo", tratto dall'omonimo romanzo di Elsa Morante. Fu grande nome del filone politico-civile con "Quien sabe?"(1967), "Il giorno della civetta" (dal libro di Leonardo Sciascia), "Confessione di un commissario di polizia al procuratore della repubblica" (forse il suo risultato migliore), "L'inchiesta" (ambientato ai tempi di Gesù Cristo) e molti altri titoli. Negli anni Ottanta fu consacrato in tv, in quanto regista di sceneggiati indimenticabili, primo fra tutti "La Piovra" (1984), che rese famosissimo Michele Placido nella parte di Corrado Cattani. Lo stesso Placido è oggi commosso nel ricordare Damiani a cui, ammette, deve tutto, perché il mondo intero ha visto ed amato quella serie televisiva sulla mafia.

Nella sua lunga carriera Damiano Damiani ha ottenuto diversi riconoscimenti: la Targa d'oro nel 1968 ed il Premio Alitalia nel 1987 ai David di Donatello, la Concha de Oro al Festival Internazionale del Cinema di San Sebastián nel 1962, il Gran Premio al MIFF del 1971. Per approfondire la conoscenza del suo prezioso lavoro segnaliamo un testo di Alberto Pezzotta: "Regia Damiano Damiani", Udine, Cinemazero, 2004.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Silvia Niri
Home
 

Altri articoli Home

Recensione del film La tartaruga rossa

La tartaruga rossa (“La tortue rouge”) è il film d'animazione di Michael Dudok realizzato dallo Studio Ghibli. La sceneggiatura è di Michael Dudok de Wit, con adattamento di Pascale Ferran. Isao Takahata è il produttore esecutivo. Il film ripercorre la vita di un uomo, dal momento in cui giunge su un’isola co...

 

Film più visti della settimana: 'Power Rangers' è la novità al box office

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 24 al 26 marzo 2017 vede la conferma al primo posto de “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”, leggi l'intervista all'attrice): Bella s’innamora del principe deformato da un incantesimo, per poi salvarlo (316.952.887 di dollari). Al secondo posto entra &l...

 

Intervista all'attore Alexandre Nguyen: dal film 'Life' a 'Valerian e la città dei mille pianeti'

Life - Non oltrepassare il limite è il film di Daniel Espinosa con Jake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson, Ryan Reynolds, Hiroyuki Sanada e Alexandre Nguyen. La trama segue l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale che deve effettuare esperimenti su un campione giunto da una sonda proveniente da Marte. L'equipaggio ha il compito ...

 

The Sense of an Ending, la scoperta del passato nel film con Charlotte Rampling

The Sense of an Ending è il film di Ritesh Batra con Jim Broadbent, Charlotte Rampling, Harriet Walter. È uscito negli Stati Uniti il 10 marzo. La trama segue Tony Webster (Broadbent), che conduce una vita solitaria e tranquilla, fino a quando i segreti sepolti negli anni emergono. Deve così fronteggiare i ricordi del passato,...

 

Tutto per una ragazza, il libro di Nick Hornby da cui è tratto il film 'Slam'

Tutto per una ragazza (“Slam”) è il libro di Nick Hornby da cui è tratto il film “Slam - Tutto per una ragazza” ora nelle sale. È stato pubblicato nel 2007: il film è diretto da Andrea Molaioli, e ha nel cast Ludovico Tersigni, Barbara Ramella, Jasmine Trinca e Luca Marinelli. Nel romanzo il prot...

 

Il mostro della laguna nera, costruendo lo Universal Monsters Cinematic Universe

“Il mostro della laguna nera” farà parte della Universal Monsters, l’imponente saga con cui la Universal punta a rilanciare la sua collezione di creature dell’horror “vintage”. Le informazioni su questo reboot per ora scarseggiano; un paio di anni fa si vociferava che Scarlett Johansson fosse stata contatt...

 

Non è un paese per giovani, il film sull'esodo di una giovane generazione

Non è un paese per giovani è il film di Giovanni Veronesi nelle sale, con Filippo Scicchitano, Sergio Rubini, Giovanni Anzaldo, Sara Serraiocco e Nino Frassica. La storia è quella di Sandro, ventenne timido il cui desidero è diventare scrittore. L’amico Luciano è invece estroverso, anche se conserva un mist...

 

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni