X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Le poesie di Alda Merini, ultima scrittrice moderna

04/11/2009 10:40
Le poesie di Alda Merini ultima scrittrice moderna

Alda Merini, scomparsa di recente è una delle maggiori esponenti della poesia italiana contemporanea.

Oggi ci saranno i funerali della poetessa Alda Merini, scomparsa domenica scorsa.
Quali poesie ha creato Alda? Fin dall'inizio si è sempre connotata per una vena lirica intimista, che si avvicinava all'ultima fase di Montale, quella di Satura(1963). Una striatura che sotto l'ironia corrosiva lasciava intravedere un sentimentalismo non spocchioso, bensì testimone  di un disagio esistenziale che era troppo facile descrivere come stato di vittimismo, e che quindi veniva quasi preso in giro dalla stessa Merini.

Basti pensare a Il Gobbo, del 1948 (inserite da Vanni Scheiwiller nel volume Poetesse del Novecento, su consiglio di Eugenio Montale e Maria Luisa Spaziani)

Il gobbo

Dalla solita sponda del mattino
io mi guadagno palmo a palmo il giorno:
il giorno dalle acque così grigie,
dall'espressione assente.
Il giorno io lo guadagno con fatica
tra le due sponde che non si risolvono,
insoluta io stessa per la vita
... e nessuno m'aiuta.
Mi viene a volte un gobbo sfaccendato,
un simbolo presago d'allegrezza
che ha il dono di una stana profezia.
E perché vada incontro alla promessa
lui mi traghetta sulle proprie spalle.

Poi la poesia di Alda cambia. Memore sì dell'internamento in un manicomio, ma anche della ferocia dell'intervento umano (con metodi di elettroshock) sulla psiche che non s'invecchia. Ecco quindi La terra santa (1983):

Le più belle poesie
si scrivono sopra le pietre
coi ginocchi piagati
e le menti aguzzate dal mistero.
Le più belle poesie si scrivono
davanti a un altare vuoto,
accerchiati da argenti
della divina follia.
Così, pazzo criminale qual sei
tu detti versi all'umanità,
i versi della riscossa
e le bibliche profezie
e sei fratello a Giona.
Ma nella Terra Promessa
dove germinano i pomi d'oro
e l'albero della conoscenza
Dio non è mai disceso né ti ha mai maledetto.
Ma tu sì, maledici
ora per ora il tuo canto
perché sei sceso nel limbo,
dove aspiri l'assenzio
di una sopravvivenza negata.

 

Arriva poi Alla tua salute. Stranamente, come spesso accade ai poeti, invecchiando diventano ironici e cinici. Era successo per Montale, per Quasimodo. Poi per Luzi e la nobel Wislawa Szymborska.

Sono folle di te, amore
che vieni a rintracciare
nei miei trascorsi
questi giocattoli rotti delle mie parole.
Ti faccio dono di tutto
se vuoi,
tanto io sono solo una fanciulla
piena di poesia
e coperta di lacrime salate,
io voglio solo addormentarmi
sulla ripa del cielo stellato
e diventare un dolce vento
di canti d'amore per te.

 

Una delle ultime poesie è dedicata a Lucio Dalla.

A Lucio Dalla

O poesia che oramai
gemi per terra straziata da mille orrori
quante volte ti hanno ucciso
mentre innocentemente
cercavi un fiore nel Paradiso
Le donne vogliono il tuo indirizzo
e non sanno che tu non hai una casa
ma vivi errabondo nel giardino dell'Eden
e non hai alcun peccato.
Sei sola nella dimora degli Angeli
attaccata alla catena di Dio
e i tuoi ululati di lupo ferito
non li ode oramai più nessuno.
Sembri quasi morta dolce poesia
qui su questa quiete terra
dove dimorano gli assassini.

 

Ma in questa società quale ruolo è concesso al poeta? Lo steso ruolo che gli riva l'antica Grecia e l'Urbe, di cantare qualcosa che non tutti riescono a recepire, ma che tutti sentono. Che avvertono i ragazzi delle scuole medie e supereroi, quando affollano le pagine del diario di frasi e versi. Lo stesso ruolo che oggi hanno i cantautori, che da Vasco Rossi a Bruce Springsteen affollano gli stadi, con spettatori ansiosi di evadere in due ore di sentimentalismo.

E questo Alda Merini, pur nella sua introspezione da vate, lo aveva ben capito. Da quando partecipava al Maurizio Costanzo Show e s'intrometteva con versi nelle più disparate discussioni, a quando uscirà il 6 novembre in radio il brano di Giovanni Nuti che interpreta Alda: Una piccola ape furibonda. Il sodalizi con Nuti nasce nel 1994: gli aforismi della Merini sono "assoluti come la sua poesia". Sono raccolti nel volume Aforismi e magie (RCS Libri). Nel 2004 Nuti compone le musiche dell'album Milva canta Merini.

Se n'è andata l'ultima anziana poetessa moderna.

 

 

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Da 'Atomica Bionda' a 'Codename Baboushka': intervista a Antony Johnston e Shari Chankhamma

Antony Johnston è l‘autore della graphic novel “The Coldest City”, da cui è tratto il film “Atomica Bionda” di David Leitch con protagonista Charlize Theron (leggi la recensione del film). Johnston è anche autore della serie comics “Codename Baboushka” disegnata da Shari Chankhamma e i...

 

Matterfall, recensione videogame per PS4

Matterfall è il nuovo videogioco sviluppato da Housermarque, un action shooter in due dimensioni sullo stile degli storici Metal Slug e Contra. La versione moderna del run & gun è dello stesso team che ha partorito gli ottimi giochi pubblicati su PS4 da Sony, quali Resogun, Alienation e Nex Machina, da poco uscito. Lo stile grafic...

 

Marvel's Inhumans, un nuovo video svela il dietro le quinte della serie tv

Il debutto di “Marvel's Inhumans” avverrà negli Stati Uniti il 1° settembre, i primi due episodi saranno proiettati nei cinema IMAX per due settimana e dal 29 settembre la serie televisiva sarà trasmessa su ABC. La trama ruota attorno ai personaggi degli Inhumans creati da Stan Lee e Jack Kirby. Si tratta di un g...

 

Recensione Redlands il nuovo fumetto horror della casa editrice Image Comics

Redlands è il nuovo fumetto horror della casa editrice Image Comics. Il primo numero di questa nuova serie è stato pubblicato lo scorso 9 agosto in America e per leggere il secondo volume si dovrà aspettare fino al 13 settembre. Per la realizzazione di questo albo si è riunito un team creativo davvero d’eccezione, ...

 

The Shadow/Batman n.1 il nuovo fumetto creato in collaborazione tra DC e Dynamite

The Shadow/Batman n.1 sarà in vendita in America dal 4 ottobre prossimo, questo nuovo fumetto è stato creato in collaborazione tra DC Entertainment e Dynamite Entertainment. La nuova miniserie creata dallo scrittore Steve Orlando e disegnata da Giovanni Timpano arriva nell’arco temporale subito successivo al precedente crossover...

 

LawBreakers, recensione videogame per PS4 e PC

LawBreakers è uno sparatutto competitivo ideato da Cliff Bleszinsky, storico creatore della saga di Gears of War. Il nuovo progetto vira verso gli arena shooter degli anni Novanta, dove velocità, bravura e precisione facevano la differenza nei tesi e adrenalinici scontri in multigiocatore di Unreal Tournament e Quake. LawBrekers &egra...

 

IDW Publishing, Zombies vs Robots: dal fumetto al film

“Zombies vs Robots” è la celebre serie fumettistica realizzata da Chris Ryall, sceneggiatore a capo della sezione creativa della casa editrice IDW Publishing, e dall'artista Ashley Wood.Il debutto del fumetto avviene nel 2006, mentre dal 2011 si parla dell'interessamento da parte di Hollywood per farne un adattamento cinematograf...

 

Bao Publishing, Ryuko: il nuovo manga di Eldo Yoshimizu

Bao Publishing pubblica il nuovo manga "Ryuko", opera dell'artista giapponese indipendente Eldo Yoshimizu. Il primo volume, dei due previsti, sarà disponibile dal 31 agosto. La trama invita il lettore a conoscere Ryuko, giovane donna a capo di una potente comunità criminale appartenente alla Yakuza, la famigerata organizzazione mafio...

 

Hellblade: Senua's Sacrifice, recensione videogame per PS4

Hellblade: Senua's Sacrifice è un videogioco sviluppato da un team di sole venti persone, una produzione indipendente di Ninja Theory, autori dell’ultimo capitolo di Devil May Cry, un reboot coraggioso e ben riuscito. Hellblade è un progetto piccolo ma dall’ampio respiro narrativo, un viaggio di una decina di ore che ci co...

 

Valerian e la città dei mille pianeti, Luc Besson porta al cinema la graphic novel sci-fi

“Valerian e la città dei mille pianeti” è il prossimo film diretto da Luc Besson, in uscita nelle sale italiane il 21 settembre prossimo. Il film è ispirato a “Valérian and Laureline”, fumetto francese di successo internazionale a firma di Pierre Christin (sceneggiatura) e Jean-Claude Mézi...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni