X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Kurt Cobain, il riflesso di un artista incredibile nel film diretto da Brett Morgen

07/01/2013 06:20
Kurt Cobain il riflesso di un artista incredibile film diretto da Brett Morgen

Il film sul cantante, compositore e chitarrista statunitense

Kurt Cobain al cinema, c'è molta attesa per l'uscita del film sul cantantecompositore e chitarrista statunitensefrontman deNirvana. Il film sarà diretto da Brett Morgen, il quale sta lavorando da cinque anni per la realizzazione di questo progetto. Il regista ha già diretto Crossfire Hurricane, un docufilm sui Rolling Stones. Nel corso di un'intervista rilasciata a NME, Brett Morgen ha dichiarato: "A pensarci Kurt è una contraddizione. Può essere sincero e sentimentale, e anche ironico e sarcastico. Kurt era dolce e acido. Era anche incredibilmente divertente e il film vuole riflettere tutto ciò. Una cosa che le persone sanno poco di lui, è che Kurt era un incredibile artista visuale e ha lasciato un tesoro in fumetti, dipinti, pellicole super8 e altro ancora. Speriamo che il film su Cobain, che verosimilmente potrebbe uscire nel 2014, possa diventare il "The Wall" di questa generazione. Un mix di animazione e riprese dal vivo che permettono agli spettatori di vedere Kurt in un modo mai visto prima. È un progetto molto ambizioso".

Il 21 Settembre 1993 è stato pubblicato In Utero, il terzo ed ultimo album dei Nirvana, il gruppo grunge statunitense che si è formato ad Aberdeen (Washington) nel 1987 e attivo sino al 1994, anno della morte di Kurt Cobain. Il disco ha riscosso un grande successo e la rivista Rolling Stone lo ha inserito al 439° posto della lista dei 500 migliori album. Pennyroyal Tea è uno dei brani inseriti all'interno dell'ultimo album dei Nirvana. "Sono puntuale con tutti ho un atteggiamento molto brutto siedo e bevo il tè Penny Royal distillo la vita che è dentro di me", questa canzone fu pubblicata per la prima volta nel 1993 e poi estratta nel 1994 come terzo singolo dall'album. "Sono anemico di regalità datemi quel che è rimasto dopo Leonard Cohen cosicché io possa singhiozzare in eterno sono così stanco che non riesco a dormire sono un bugiardo e un ladro mi siedo e bevo il tè Penny Royal", il testo del brano si riferisce alle proprietà dell'erba Pennyroyal.

Curiosità, Kurt Cobain aveva pensato di intitolare il terzo album dei Nirvana, I Hate Myself and I Want to Die (Odio me stesso e voglio morire). Questa frase è stata tratta dal diario del 1992 dello stesso artista, in quel periodo Kurt Cobain utilizzava la frase come risposta quando gli veniva domandato come stava. Il titolo che egli voleva dare al disco era considerato come uno scherzo, lo stesso artista aveva dichiarato all'epoca di essere "stanco di prendere il gruppo sul serio e che tutti gli altri lo prendano sul serio". Krist Novoselic, il bassista dei Nirvana, convinse Kurt Cobain a cambiare il titolo, ed il gruppo pensò allora di intitolare l'album come la canzone Verse Chorus Verse, titolo originario del brano Sappy. Successivamente fu deciso di chiamare il disco In Utero, tratto da una poesia scritta da Courtney Love, una cantante e attrice statunitense.

 

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 
Personaggi correlati
Kurt Cobain,



 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Courtney Love: all'Arsenale di Venezia l'ex leader delle Hole grintosa per la Diesel

Courtney Love, celebre rockstar e attrice nota anche per essere stata la moglie di Kurt Cobain, leader dei Nirvana suicidatosi esattamente venti anni fa, ha fatto il suo sbarco trionfale a Venezia inguantata in pantalone gessato e camicetta maculata. Diesel. L'occasione per vedere da vicino la riot girl per eccellenza è la presentazione del...

 

Kurt Cobain: niente riapertura del caso a 20 anni dalla morte

Kurt Cobain, leader dello storico gruppo grunge dei Nirvana, si uccideva il 5 aprile del 1994 con un colpo di fucile alla testa dopo una overdose. L'eredità effettiva che questo cantante ha lasciato al mondo del rock è ancora oggi oggetto di dibattito. Nirvana. Di certo i Nirvana hanno catalizzato il fermento musicale che si respirav...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni