X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione film Una famiglia perfetta, la doppia finzione di Sergio Castellitto

29/11/2012 06:48
Recensione film Una famiglia perfetta la doppia finzione di Sergio Castellitto

Paolo Genovese dirige un cast composto da Sergio Castellitto, Carolina Crescentini e Claudia Gerini

Una famiglia perfetta ricalca i temi pirandelliani che il regista Paolo Genovese ha trattato anche in film precedenti. La trama ruota attorno a Leone (un catartico Sergio Castellitto) che vive nella sua solitudine perenne, e stanco di monologhi decide di ingaggiare una compagnia teatrale che allieti il Natale.

La compagnia vede come capocomico Fortunato (un istrionico Marco Giallini), con contorno di attrici come Sole (un’irruente Carolina Crescentini), la problematica Carmen (Claudia Gerini) e Nonna Rosa (Ilaria Occhini). Nel cast c’è anche Francesca Neri. Ma Leone avendo pagato si sente in dovere di poter cambiare le carte in tavola, e metterà a dura prova la nuova famiglia acquisita.

Paolo Genovese nel precedente Immaturi - Il viaggio (2012) aveva affrontato il tema della finzione, con gli otto adulti scolari che si trasferiscono nell’isola di Paros in Grecia per far rivivere un passato giovanilistico che non c’è più. Lo stesso personaggio interpretato in Immaturi da Paolo Kessisoglu fingeva di avere un figlio per fuggire dalla donna che lo assilla, tanto che poi paga il ragazzino costringendolo a mentire.

Paolo Genovese nello stesso film Nessun messaggio in segreteria (2005) raccontava dell’uomo anziano interpretato da Carlo Delle Piane, il quale cercava nel giovane Piero (Pierfrancesco Favino) un modo per riempire la propria vita, ossessionandolo quasi come un padre. 

Un tema, quello metatestuale che è ben calibrato in Una famiglia perfetta, composto da un cast armonico e coeso, che dall’altra parte cerca di dare colore all’asprezza del paesaggio in cui è ambientato, la città di Todi. L’ascendenza della sophisticated comedy è evidente, con richiami anche ad Arsenico e vecchi merletti (Arsenic and Old Lace, 1944) di Frank Capra, tanto da non riuscire poi ad intravedere chi sia il savio e il pazzo. Un gioco di specchi che evidentemente non svia dalla tematica di fondo, malinconica nel momento in cui il protagonista Leone si mostra in tutta la sua fragilità.

Sergio Castellitto è ormai un attore monolitico, capace di passare con disinvoltura dalla regia di Venuto al mondo - sempre distribuito da Medusa - ad interprete calibrato. Una piacevole riscoperta è quella dell’attrice Carolina Crescentini: era dal film Generazione mille euro (2009) di Massimo Venier che non alternava con tanta perizia il registro serio a quello comico. Marco Giallini propone una figura di capocomico avaro e dittatore, alla fine più cinico del povero Leone abbarbicato dietro la sua maschera di ferocia. 

Una famiglia perfetta è attraverso questo aspetto di doppia finzione che alla fine pare un film distante, quasi nascosto dietro i suoi personaggi che non riescono a far emergere la storia: una sceneggiatura - quella dello stesso Genovese con Luca Miniero, Marco Alessi da un soggetto di Fernando Leon de Aranoa - che dopo la metà tende ad arrovellarsi su sé stessa senza un punto di fuga. Ossia cadendo nel rischio di chi non sa sviluppare un originale assunto iniziale.

Ma la sophisticated comedy è ardua da sviluppare: c’è riuscito di recente il regista Dennis Dugan nel film Mia moglie per finta (Just Go with It, 2011) con Jennifer Aniston e Adam Sandler. Anch’esso affrontava il tema della finzione, ma era tratto da Fiore di Cactus (Cactus Flower, 1966) di Gene Saks e scritto da I.A.L. Diamond, sceneggiatore di Billy Wilder.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Paolo Genovese, Pietro Castellitto
Film correlati
Una famiglia perfetta



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Tutta colpa di Freud, l'esperimento di Canale 5: dal grande al piccolo schermo

Tutta colpa di Freud miniserie tv Dopo il grande successo in sala (con i suoi 8 milioni di euro di incasso, è al momento la terza pellicola italiana più vista del 2014), Tutta colpa di Freud approda su Canale 5 per un doppio appuntamento, mercoledì 17 e giovedì 18 dicembre. Non si tratta della classica “prima tv&rd...

 

Tutta colpa di Freud: incontro con Paolo Genovese e il cast del nuovo film in uscita il 23 gennaio

ROMA - Il nuovo film di Paolo Genovese si intitola Tutta colpa di Freud ed è stato presentato alla stampa questa mattina, presso il Cinema Adriano a Roma. Nel cast Marco Giallini, Vittoria Puccini, Anna Foglietta, Vinicio Marchioni, Laura Adriani, Alessandro Gassmann e Claudia Gerini. Il film uscirà nelle sale cinematografiche il 23 g...

 

Fiction Anna Karenina, su Rai Uno la seconda puntata della tragica eroina innamorata di Vronskji

Anna Karenina giunge alla seconda ed ultima puntata, su Rai Uno. La trama si snoda qui attorno ad Anna che è stata sedotta da Vronskji, il quale per questa passione sconosciuta è disposto a rinunciare alla carriera militare, all’onore in società, le ricchezze della famiglia. Ma dopo la nascita della loro figlia Annuska, ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni