X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione film Skyfall, Daniel Craig in una prova di fedeltà

31/10/2012 07:00
Recensione film Skyfall Daniel Craig in una prova di fedeltà

Sam Mendes dopo aver firmato la regia di film come American Beauty ed Era mio padre, si confronta con la saga creata dallo scrittore Ian Fleming

Skyfall è solo l'ultimo episodio della fortunata saga che ha per protagonista l'agente segreto James Bond. Nome in codice 007, nato dalla penna e dall'immaginazione dello scrittore inglese Ian Fleming che ha mutuato il personaggio dalla sua esperienza personale vissuta durante gli anni di servizio in guerra.

James Bond (Daniel Craig) si trova a lottare con il proprio istinto per affermare la sua lealtà verso il suo capo M (Judi Dench). Mentre Bond veniva dato per disperso a seguito di una operazione, le identità di tutti gli agenti del MI6 venivano rese pubbliche. Il grave accaduto getta nell'occhio del ciclone proprio M e la sua onestà verso l'agenzia viene messa in dubbio. Bond ricompare ed M lo incarica di far visita al criminale conosciuto come Silva (Javier Bardem) per difendere il suo passato.

007 trae il suo successo da un atteggiamento sprezzante e freddo sul campo ma anche da una personalità affabile, dai modi discreti, sempre circondato da donne avvenenti e da auto sportive super accessoriate. Tanto che molti uomini vorrebbe essere come James Bond e molte donna vorrebbero vestire i panni della bond-girl. In questo nuovo episodio viene presentato come elemento preponderante della trama l'affidabilità e l'onestà personali, il rapporto di fiducia intimo e complesso come fattore interiore che mette alla prova l'agente segreto al servizio di sua maestà. Tuttavia Bond viene presentato meno invincibile che mai e fiaccato dall'ultima missione, un eroe in pericolo che permette di alzare il livello di tensione del film.

James Bond ha avuto il volto di diversi interpreti che si sono susseguiti nel corso degli anni quasi a palesare l'inossidabilità del personaggio che è ormai entrato nell'immaginario collettivo come la spia più famosa del cinema e della letteratura. Un personaggio che fa da contraltare al più introverso e geniale Sherlock Holmes che almeno nei romanzi si basa maggiormente sull'intuito che non sull'azione spettacolare. 007 si è invece contraddistinto proprio per la spettacolarità delle scene e dell'azione a volte al limite del possibile come nella migliore tradizione del personaggio. Tra gli interpreti che l'hanno maggiormente rappresentato e caratterizzato il personaggio si possono ricordati Sean Connery, forse il più celebre dei James Bond, Roger Moore, Pierce Brosnam e da ultimo proprio Daniel Craig.

Adele entra inoltre a far parte della saga bondiana firmando la colonna sonora "Skyfall" molto apprezzata dallo stesso Craig che ammette: "Era esattamente quello che avrei voluto fin dall'inizio. E nel corso del film acquista sempre valore". La canzone è al secondo posto della classifica italiana.

Sam Mendes già regista di Era mio padre del 2002, realizza con Skyfall un film d'azione con tematiche thriller ad alta tensione. La trama si svela con dinamismo e le scene rappresentate sono estremamente spettacolari. Un film dalla narrazione efficace con un'ottima fotografia e con un cast che offre una eccelsa prestazione. Judi Dench nel ruolo M e Javier Bardem come criminale compiono un interpretazione efficace e convincente come buone sono le rappresentazione di Naomie Harris e Bérénice Marlohe.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
007-Skyfall



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni