X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione film Io e te, Bernardo Bertolucci ed il rifugio della solitudine

25/10/2012 07:01
Recensione film Io te Bernardo Bertolucci ed il rifugio della solitudine

Solitudini intime e sfuggenti con una colonna sonora di grande attrattiva per questo atteso ritorno al cinema di Bernardo Bertolucci

Io e te è il nuovo ed attesissimo film con il quale Bernardo Bertolucci torna al cinema, ispirato dall'omonimo romanzo di Niccolò Ammaniti e presentato al Festival del cinema di Cannes dove ha ottenuto gli applausi della critica.

Lorenzo (Jacopo Olmo Antinori) è un adolescente chiuso in sé che vive con disagio il rapporto con i propri genitori. Finge di andare in gita con la sua scuola ma si nasconde nella cantina, evitando così gli amici e i propri cari. Mentre tutti credono che sia a divertirsi in settimana bianca con i propri compagni di classe, Lorenzo, armato di scatolette e libri horror, vive in completo isolamento nel luogo meno frequentato della casa. La sua sorellastra Olivia (Tea Falco) giunge per caso nella cantina e sconvolge i piani del giovane e solitario fratello.

Bernardo Bertolucci compie un'attenta analisi dell'animo umano e della difficoltà degli individui a relazionarsi con i propri coetanei e con i propri genitori. Le crisi intime o esistenziali sono un tema caro al regista che ha spesso costruito i personaggi dei suoi film soffermandosi sul disagio interiore degli stessi. Due mondi che s'incontrano in una cantina, due metafore del disagio fin troppo presenti nell'attuale società. Anime distanti dagli amici e dai propri famigliari, fuori dal contesto e con un loro specifico mondo. Due modi di esprimere una forma di libertà che condiziona i protagonisti fino a nascondersi dalla realtà o cercare forme controverse di evasione.

David Bowie, tra gli altri, firma la colonna sonora di questo atteso film con la versione italiana di Space Oddity, pubblicata per la prima volta, nella versione originale, nel luglio del 1969 pochi giorni prima che l'uomo mettesse piede sulla luna. Ragazzo solo - Ragazza sola, titolo della versione italiana che è stata lanciata sin dal 1970, caratterizza una delle scene più importanti del film, l'abbraccio tra due forme diverse di solitudine giovanili. "Perché sai negli occhi miei c'è un angelo, un angelo che ormai non vola più". Tra gli altri brani scelti per la colonna sonora figurano anche Sing for Absolution dei Muse e Boys don't Cry dei The Cure.

Contraddistintosi per aver diretto celebri film, spesso tratti da altrettanto celebrati romanzi come Piccolo Buddha, Il tè nel deserto, con Io e te il regista torna al cinema a distanza di qualche anno dall'ultimo film The Dreamers - I sognatori del 2003. Lo stesso Ammaniti è già comparso sul grande schermo nel 2003 con il romanzo Io non ho paura diretto da Gabriele Salvatores.

Io e te è un film nel quale la solitudine che vive Lorenzo è fondamentalmente la stessa vissuta dall'imperatore cinese Pu Yi in L'ultimo imperatore (The Last Emperor, 1987) che vinse complessivamente nove Oscar, oppure della diciannovenne Lucy Armon in Piccolo Buddha (Little Buddha1993).

Bernardo Bertolucci ripercorre lo scambio di una formazione continua, dalla giovinezza all'età adulta e viceversa, senza giudicare se sia meglio l'una o l'altra: con una rara capacità per un settantenne di intendere la giovinezza. La stessa maturità infantile di Lorenzo che ad Olivia strappa una promessa: "Che non ti droghi più".

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Bernardo Bertolucci
Film correlati
Io e te
Libri correlati
Io e te



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Lady Gaga censurata in tour, nessun minorenne ai suoi concerti

Lady Gaga lancerà ufficialmente il suo tour mondiale il 27 aprile a Seoul, in Corea del sud. Ma gran parte del suo pubblico potrebbe perderla: infatti il Korea Media Rating ha dichiarato il suo Born This Way Ball vietato ai minori. Così gli adepti sotto i 18 anni saranno costretti ad evitare le stravaganze della cantante, che tra lac...

 

Intervista a Giovanni Spagnoletti. Il futuro del cinema

Abbiamo intervistato Giovanni Spagnoletti, docente di Storia e critica del Cinema presso l’Università Tor Vergata di Roma, direttore della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro e autore di svariati saggi e pubblicazioni sul cinema italo-americano contemporaneo, il cinema tedesco e i linguaggi delle nuove cinematografie tra g...

 

Intervista a Bernardo Bertolucci: L'Italia Demotivata

All'interno della mostra de Cinema di Pesaro, abbiamo raccolto l'intervista del regista Bernardo Bertolucci, premio Oscar per L'ultimo imperatore (1987) e cinefilo convito. L'occasione è l'omaggio che il festival fa a Gianni Amico, suo collaboratore. "Il secondo figlio di Gianni nacque quando avevo appena realizzato Novecento" ricorda...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni