X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione film Bella addormentata, i dubbi tra morale e desiderio

06/09/2012 06:49
Recensione film Bella addormentatadubbi tra morale desiderio

Bella addormentata è l'ultimo film di Marco Bellocchio, con Toni Servillo, Michele Riondino e Isabelle Huppert

Abbiamo visto alla Mostra de Cinema di Venezia Bella addormentata di Marco Bellocchio, film in concorso che affronta il tema dell’eutanasia. Lo spunto narrativo è la vicenda dei Eluana Englaro, ragazza che nel 2009 morì in maniera naturale per interruzione della nutrizione artificiale. Da questo motivo medico si addipana uno morale, quello del senatore Uliano Beffardi (un dimesso Toni Servillo) che deve votare una legge a favore dell’eutanasia, lui che aiutò la moglie malata a morire. La figlia è la cattolica Maria (Alba Rohrwacher) che sta lottando contro l’eutanasia, sebbene ad una manifestazione sotto l’ospedale dov’è ricoverata Eluana s’innamori di un ragazzo della fazione opposta, Roberto (Michele Riondino).

La narrazione procede per blocchi, concentrandosi poi sulla storia di Divina Madre (una algida Isabelle Huppert, nell'episodio migliore del film), attrice che accudisce la figlia Rosa, costretta a vivere grazie ad un respiratore artificiale. Divina Madre ha annientato la sua vita per Rosa, ha interrotto la sua carriera di attrice teatrale, tanto da compromettere il rapporto con il figlio Federico. Abita da sola in una villa, nella stanza dov’è Rosa due suore l’aiutano, seminando preghiere sempre “a voce più alta” durante le ore. Federico in un tentativo di liberare la madre da questa schiavitù, senza farsene accorgere stacca il respiratore della sorella: il padre interviene, ma la madre ha intuito il gesto e rimprovera il figlio. La donna alla fine chiede di togliere tutti gli specchi della casa.

L’altra vicenda è quella di un medico, Pallido (Piergiorgio Bellocchio) che tenta di impedire ad una disintossicata di suicidarsi, Rossa (una brillante Maya Sansa): la sorveglia nella stanza d’ospedale ogni ora, in un suo momento di distrazione Rossa apre la finestra e si getta di sotto. Ma Pallido riesce ad afferrarla.

Il tema dell’eutanasia è affrontato da Bellocchio come in un film a tesi, e come tale il rischio era quello dell’equazione morale: ogni episodio assommato all’altro avrebbe creato una soluzione, esprimendo in conclusione l’opinione del regista. Ma Bellocchio con scaltrezza evita questa pastoia, perché dà forza e vigore ad ogni episodio facendolo respirare di vita propria: Uliano e Maria alla fine raccontano di un rapporto paterno riconquistato, Maria e Roberto delle differenze caratteriali che costringono ad allontanarsi, Divina Madre e Federico  della difficoltà di recuperare un rapporto con la madre, Pallido della solitudine cui si cerca di uscire (lui a casa “non ha nessuno che lo aspetti”).

Roberto Herlitzka interpreta uno psichiatra del Senato, che dispensa ironia: ad Uliano che vorrebbe dimettersi dice “sei alla prima legislatura, se te ne vai ora non prenderai la pensione”.

Bellocchio non esprime la propria opinione, e la macchina da presa è sempre più presente sul volto dei personaggi. Rispetto all’asettico L'ora di religione (Il sorriso di mia madre) del 2002 è più appassionato alle storie che racconta, e osserva le vicende con disincanto, come nella scena in cui Rossa parla con Pallido. Prima gli racconta della non importanza della vita, lo pone di fronte ai propri dubbi e poi, mentre lui dorme, lo accudisce togliendogli le scarpe.
Chiedersi cosa ritenga dell’eutanasia è superfluo: con perspicacia la sua idea è scolpita nel personaggio di Pallido, interpretato dal figlio Piergiorgio Bellocchio. 

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Toni Servillo, Marco Bellocchio
Film correlati
Bella addormentata



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Paolo Sorrentino si espone sull'Oscar, 'dobbiamo fare come gli allenatori di calcio'

Paolo Sorrentino intervistato da Catherine Shoard de The Guardian esprime tutta la sua diplomazia sulla possibile candidatura nella conquista degli Oscar con il suo film “La grande bellezza”. “Dobbiamo fare come gli allenatori di calcio: prendere una partita alla volta - dice il regista - Ora ci sono i Golden Globes. Poi ved...

 

Sorrentino record: La grande bellezza, con Toni Servillo, dopo le polemiche, premiato dal botteghino

Record. La maturità artistica di Paolo Sorrentino viene premiata dal pubblico. La grande bellezza, il suo ultimo film, al cinema dal 21 maggio scorso, e che ha lasciato assaporare al regista napoletano la Palma d'Oro al festival di Cannes 2013, riconoscimento poi assegnato a La Vie d'Adèle di Abdellatif Kechiche, diventa ufficialmente...

 

Paolo Sorrentino concorre al Festival di Cannes con La grande bellezza

Paolo Sorrentino prenderà parte alla sessantaseiesima edizione del Festival di Cannes con “La grande bellezza”, pellicola la cui trama ruota intorno ad personaggio dal fascino senza tempo interpretato da Toni Servillo. Jap Gambardella, così si chiama il protagonista della storia del film, è un giornalista di sessant...

 

Toni Servillo, è il perplesso politico Enrico Oliveri nel film Viva la libertà

Viva la libertà è il film di Roberto Andò in uscita il 14 febbraio. Interpretato da Toni Servillo è ambientato nel mondo della politica, con un plot noir e pirandelliano. La trama ruota attorno ad Enrico Oliveri, segretario del principale partito d’opposizione in crisi poiché i sondaggi per la competizione e...

 

Venezia 69, incontro con Marco Bellocchio e Toni Servillo sul film Bella addormentata

Abbiamo incontrato alla Mostra del Cinema di Venezia Marco Bellocchio, regista del film in concorso Bella Addormentata. Con lui ci sono anche i protagonisti Piegiorgio Bellocchio, Maya Sansa, Toni Servillo. Il film racconta quattro storie collegate con il tema dell’eutanasia, partendo come spunto dal caso di Eluana Englaro. Come mai ha decis...

 

Bella Addormentata di Bellocchio e i film sull'eutanasia

Sempre pronto a cimentarsi in tematiche che creano dibattito dividendo le coscienze, il regista Marco Bellocchio, premiato con il Leone d'Oro alla carriera nella scorsa edizione della Mostra del cinema di Venezia, presenterà in concorso alla presente 69 edizione la sua ultima fatica: Bella Addormentata. Il film, che sarà nelle sale c...

 

Mostra del Cinema di Venezia, oggi 5 settembre in concorso la morale di Bella addormentata

La Mostra Internazionale del Cinema di Venezia in concorso oggi propone Bella addormentata (Italia) di Marco Bellocchio con Toni Servillo, Isabelle Huppert, Alba Rohrwacher, Michele Riondino e Maya Sansa: la vicenda è quella negli ultimi sei giorni di vita di Eluana Englaro. Un senatore deve scegliere se votare per la legge che va contro le ...

 

Mostra del cinema di Venezia, le immagini di Toni Servillo per È stato il figlio

Nelle immagini che mostriamo è Toni Servillo, protagonista di È stato il figlio diretto da Daniele Ciprì e presentato in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia. La vicenda è ambientata a Palermo, con una famiglia vittima di un incidente di mafia e che tenta poi di trarne un vantaggio economico. Nel cast ci sono anche...

 

Incontro con Daniele Ciprì e Toni Servillo: la casualità del film È stato il figlio

Abbiamo incontrato alla Mostra de Cinema di Venezia Daniele Ciprì e Toni Servillo, regista e interprete de È stato il figlio, film in concorso che racconta di una famiglia palermitana che dopo la perdita della figlia, credendo di incassare del denaro s’indebita. Come ha scelto questo cast composito?Daniele Cipri. Non avevo un'...

 

Mostra del cinema di Venezia, oggi 1 settembre giungono Daniele Ciprì e Claudia Mori

Gli attori e registi presenti oggi alla Mostra internazionale d’Arte cinematografica di Venezia sono  Liliana Cavani e Claudia Mori, regista e produttrice del documentario Clarisse. Pascal Bonitzer presenta Cherchez Hortense, assieme a Kristin Scott Thomas  e Isabelle Carré. Amos Gitai propone Lullaby To My Father con l&rsqu...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni