X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione Outrage Beyond, Takeshi Kitano ed il compromesso tra gestione del conflitto e la vendetta

04/09/2012 07:00
Recensione Outrage Beyond Takeshi Kitano ed il compromesso tra gestione del conflitto la vendetta

Takeshi Kitano porta alla 69° Mostra del Cinema di Venezia il conflitto interno alla Yakuza e la lotta per la conquista del territorio.

Outrage Beyond">Outrage Beyond svela il conflitto generazionale ed interno alla Yakuza, la sua ramificazione e le dinamiche nonché i patti che legano i suoi capi.

Othomo (Takeshi Kitano) ormai creduto morto in prigione, viene liberato grazie alla macchinazione che pone in essere un ambizioso ed astuto investigatore. Una volta fuori dal carcere vorrebbe vivere la sua vita lontano dall'organizzazione. Creduto l'autore di un assassinio che ha sconvolto i capi della Yakuza, vine ricercato per essere eliminato. Non gli resterà che tentare di compiere la vendetta alla quale stava per rinunciare.

Questo film segue il prequel del 2010 dal titolo Outrage nel quale Othomo è vittima di una macchinazione. Othomo era uno dei capi della famiglia Ikemoto che viene tradito ed accusato indegnamente di un delitto che non ha commesso. Al fine di sfuggire al destino toccato ai suoi suoi uomini e porre fine alla scia di sangue si consegnò alla polizia.

Outrage Beyond">Outrage Beyond fa emergere la contrapposizione tra i metodi subdoli e sleali di un tutore dell'ordine, contro un codice che sebbene posto al fuori dalla legalità segue una propria regola d'onore. L'organizzazione manageriale della mafia giapponese viene rappresentata come una stratificazione a più livelli con ruoli e funzioni che sono necessari al fine di assicurare il controllo o la conquista del territorio. I capi sono tenuti a rispettare vincoli d'onore ai quali non possono derogare. I giuramenti sono considerate leggi e la fiducia deve essere conquistata attraverso prove eccessivamente dure. Emblematica in tal senso è la scena in cui viene conquistata la fiducia di alcuni capi clan attraverso l'asportazione di una falange utilizzando i propri denti. Il tradimento e la vendetta sono comunque i temi portanti di questo lungometraggio che s'inseriscono nella trama come elemento di rottura dal rispetto delle regole poste dalla stessa organizzazione mafiosa.

In questo film il regista e scrittore Takeshi Kitano pone a confronto la gestione del conflitto contro la prevaricazione della violenza espressa attraverso un considerevole uso di piombo. Se da una parte i capi delle famiglie devono osservare compromessi, non sempre condivisi, per assicurare la convivenza e la sopravvivenza delle famiglie, dall'altra la conquista del potere e la sua scalata impone inevitabilmente l'esercizio della forza.

Takeshi Kitano porta sullo schermo un personaggio impenetrabile che interagisce con la trama attraverso una maschera inalterabile. Un film dalla narrazione scorrevole e dettagliata mai banale ed a tratti ironica che diverte e coinvolge lo spettatore. Questo lungometraggio nipponico amalgama personaggi appartenenti a differenti estrazioni sociali che sebbene non approfonditi negli aspetti caratteriali, vengono inseriti magistralmente in una trama ben congegnata e scorrevole.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

L'invasione degli ultracorpi, il film sull'orrore psicologico alieno

L’invasione degli ultracorpi (“Invasion of the Body Snatchers”) è il film uscito il 5 febbraio 1956 diretto da Don Siegel, con Kevin McCarthy e Dana Wynter. In questi giorni è stato presentato alla Berlinale, ed in versione restaurata grazie a Park Circus. In California, su richiesta del Dr. Harvey Bassett, lo psic...

 

Oscar 2017, immagini dell'after party al Ballo del Governatore

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidati e presentatori agli Oscar 2017 che dopo la cerimonia presso il Dolby Theatre di Los Angeles hanno partecipato al Ballo del Governatore. Vediamo Viola Davis, vincitrice dell’Oscar per “Barriere”; Warren Beatty; Justin Hurwitz, vincitore per la colonna sonora di “La La Land&rdq...

 

Film più visti della settimana in USA: l'horror 'Get Out' è al primo posto

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 24 al 26 febbraio 2017 vede al primo posto “Get Out” (30.524.435): la storia è quella del giovane afro-americano Chris che fa visita alla tenuta di famiglia della sua ragazza bianca Rose, per poi scoprire quale sia la realtà celata sotto la famiglia. Scende al ...

 

Oscar 2017, immagini del red carpet con i presentatori e candidati

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidati e presentatori agli Oscar 2017 che si sono svolti stanotte: hanno posato al red carpet prima di entrare alla cerimonia presso il Dolby Theatre di Los Angeles. Tra gli attori vediamo Chris Evans, Jennifer Aniston, Isabelle Huppert, Viggo Mortensen. Ironico è Jackie Chan con due pupazzi, mentr...

 

Oscar 2017, il film vincitore è 'Moonlight' prodotto dalla Plan B Entertainment di Brad Pitt

Si sono stanotte gli Oscar 2017, presso il Dolby Theatre di Los Angeles. Il miglior film è “Moonlight” di Barry Jenkins (leggi la recensione) prodotto da Adele Romanski, Dede Gardner e Jeremy Kleiner per la Plan B Entertainment di Brad Pitt. La stessa società aveva vinto il premio per “12 anni schiavo” nel 201...

 

Intervista a S. Leigh Savidge, lo sceneggiatore candidato all'Oscar racconta il film 'Straight Outta Compton'

La notte degli Oscar svoltasi ieri ha tra le sezioni anche quella riservata ai film con sceneggiatura originale (Best Writing, Original Screenplay), inaugurata nel 1940. Prima di allora esisteva il premio Oscar al miglior soggetto, poi confluito in questo. Mauxa ha intervistato S. Leigh Savidge, che nel 2016 è stato candidato a questo premi...

 

Oscar 2017, immagini delle ultime prove con i candidati

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidati agli Oscar 2017 durante le ultime prove della cerimonia, che si stanno svolgendo in queste ore. L’attore Dwayne Johnson è tra i presentatori, insieme a Michael J. Fox, Seth Rogan e al regista della cerimonia Glenn Weis. In altre immagini c’è Samuel Jackson, Mark Rylance, Sc...

 

Oscar 2017: l'Academy esclude dalla nomination un candidato al Miglior Missaggio sonoro

Su indicazione della commissione per la categoria inerente il “Miglior Missaggio sonoro” (Sounf Mixing), l’Academy e il consiglio di amministrazione hanno votato giovedì scorso affinché venisse annullata la nomination per Greg P. Russell, che ha lavorato al film “13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi”...

 

Oscar 2017, immagini dei candidati alla categoria miglior documentario

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidati alla sezione miglior documentario, che posano in attesa della cerimonia degli Oscar 2017. La cerimonia si tiene stasera 26 febbraio 2017, condotta da Jimmy Kimmel. Tra gli italiani vediamo il regista Gianfranco Rosi e la produttrice Donatella Palermo, per il film “Fuocoammare”; Ezra Edel...

 

Oscar 2017, immagini delle prove del cantante John Legend

Nelle immagini che mostriamo c’è il cantante John Legend, mentre presso il Dolby Theatre di Los Angeles effettua le prove in attesa dell’esibizione alla cerimonia degli Oscar 2017, che si tiene il 26 febbraio. Il cantante si esibirà con "City of Stars" e "Audition (The Fools Who Dream)”, dal film “La La Land&r...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni