X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione The Master, disagio dell'uomo e della società

02/09/2012 07:30
Recensione The Master disagio dell'uomo della società

Paul Thomas Anderson dirige un cast formato da Philip Hoffman, Amy Adams e Joaquin Phoenix, in un film che riprende le vicende di Scientology.

The Master, anche per la sua ambientazione, è stato additato dalla critica americana come il film che ripercorre le vicende del movimento religioso denominato Scientology ma propone anche storie di disagio personale ed incapacità della gestione del conflitto.

Una trama che vede Joaquin Phoenix nel ruolo di Freddie Quell, un marinaio esperto ed alcolizzato che finita la guerra si ritrova a dover cambiare diversi lavori per via della sua irascibilità a la mancanza di adattamento alla vita di ogni giorno. In fuga da un gruppo di coltivatori si rifugia in una nave nella quale incontra Lancaster Dodd (Philip Hoffman) capo di un gruppo religioso che tenterà di aiutarlo attraverso una dura disciplina.

L'uomo ed il suo disagio sono lo sfondo dipinto dal regista in questo lungometraggio in concorso alla 69° mostra del Cinema di Venezia. Disagio vissuto anche dai seguaci del movimento, alla ricerca di risposte che non trovano nella vita quotidiana e di una guida che possa dare un senso alle loro esistenze. Il disadattamento viene espresso attraverso il personaggio interpretato Freddie Quell, l'uomo a cui Dodd dedica parte del suo studio per offrirgli un nuovo futuro. Tra i due nasce un'intensa amicizia ma i dubbi e le incertezze di Freddie lo porteranno ad abbandonare il suo amico e maestro.

Scientology è probabilmente stata d'ispirazione al regista che comunque ha negato una connessione tra la trama del suo film con il movimento religioso che vede tra i partecipanti anche personaggi illustri dello spettacolo. Dodd è a capo di un gruppo che propone una nuova filosofia di vita ed anche la possibilità di offrire cure mediche attraverso la conoscenza delle proprie esperienze spirituali passate. Motivo quest'ultimo di scherno da parte degli ambienti scientifici dai quali viene considerato un folle e ciarlatano.

Amy Adams, prossima a vestire i panni di Lois Lane in Man of Steel, interpreta la determinata moglie di Lancaster Dodd, esprimendo sullo schermo una personalità forte e decisa. Brillanti anche le interpretazioni di Joaquin Phoenix (Il gladiatore) e Philip Hoffman (I Love Radio Rock) che hanno saputo conferire profondità ai personaggi interpretati. Hoffam è stato già diretto da Thomas Anderson in Magnolia e Ubriaco d'amore.

The Master fotografa con lucidità una situazione sociale profondamente legata ad un determinato periodo storico, quello degli anni cinquanta appena uscito dalla seconda guerra mondiale. L'aspetto di maggiore interesse della trama è la presenza del movimento religioso e la sua organizzazione, i rapporti che vengono intrecciati al suo interno e le dinamiche che s'instaurano. Inoltre emerge anche una lettura affascinate ed al tempo stesso aleatoria relativa all'origine della vita e della sua evoluzione che viene offerta come principio fondante del movimento stesso.

Il film ha ottenuto gli applausi della critica alla 69° Mostra del Cinema di Venezia e presenta una trama dall'evoluzione prevedibile se non fosse per il personaggio di Freddie che dona imprevedibilità alla narrazione. Freddie è il protagonista del film ma al tempo stesso viene presentato come un personaggio irrazionale che pone lo spettatore innanzi al dubbio delle azioni che può compiere. La scene della fuga in moto da un luogo arido dal paesaggio desertico viene probabilmente utilizzata dal regista come metafora dell'evasione, libertà da ciò che non viene condiviso.

 
© Riproduzione riservata
Home
 



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Venezia 73: recensione di Arrival, il sci-fi dove è tutto scritto... nel tempo

“La memoria è una cosa strana”, così si apre il film Arrival, la nuova produzione che vede alla regia Denis Villeneuve e che si avvale delle interpretazioni di Amy Adams e Jeremy Renner per dar corpo ad uno sci-fi che sin dalle primissime inquadrature colpisce ed attrae senza perdere mai quel grado di magnetismo accumulato...

 

Venezia 73. Intervista esclusiva a Amy Adams, 'i film di fantascienza come Arrival aprono molte prospettive'

Abbiamo intervistato in esclusiva Amy Adams e Jeremy Renner, che al Festival di Venezia presentano "Arrival", il film di Denis Villeneuve in Concorso. La pellicola racconta di misteriose astronavi che atterrano in vari punti del pianeta, cosicché la squadra speciale, diretta dalla linguista Louise Banks si riunisce per studiare la situazion...

 

Arrival, il primo trailer del film sci-fi in concorso al Festival di Venezia con Amy Adams

La Paramount Pictures ha diffuso il primo trailer del film "Arrival", film di fantascienza diretto da Denise Villeneuve e interpretato da Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker. Nelle immagini si mostrano dei ricercatori che si avvicinano ad un'astronave, cercando di decifrare il linguaggio sconosciuto. Il trailer ha già raggiunto 1,7 m...

 

Story of Your Life, il film di fantascienza con Amy Adams che riflette sulla comunicazione

È già in fase di post-produzione l’ultimo film dell’acclamato regista di “Sicario” Denis Villeneuve, la cui attenzione questa volta verterà su un genere totalmente differente: la fantascienza. Con Story of Your Life, sceneggiato da Eric Heissere (La Cosa, Final Destination 5), infatti si racconterà...

 

Split, il nuovo film thriller di M. Night Shyamalan con James McAvoy

Split. Ne aveva davvero bisogno M. Night Shyamalan di tornare a un film di successo. Dopo il clamoroso exploit nel 1999 de "Il sesto senso - The Sixth Sense", il regista americano di origini indiane non ha più ripetuto i fasti iniziali, tutt'altro. Gli ultimi film ("After Earth" per esempio) sono stati uno più deludente dell'altro, e ...

 

Woody Allen, un film all'anno: ecco il nuovo trailer di Irrational Man con Joaquin Phoenix

Irrational Man trailer. Warner Bros. pubblica online il nuovo trailer di Irrational Man che vedremo nelle sale italiane a partire dal 17 dicembre. Scritto e diretto da Woody Allen, il film ha come protagonista Joaquin Phoenix nei panni di un tormentato professore di filosofia alle prese con gli interrogativi esistenziali. Trama. Grazie a un nuovo ...

 

Joaquin Phoenix ed Emma Stone, una trama intrisa di mistero per Irrational Man di Woody Allen

Irrational Man film. Presentato in anteprima e fuori concorso allo scorso Festival di Cannes, Irrational Man è il nuovo film di Woody Allen che vedremo, nelle sale italiane, il 17 dicembre. Joaquin Phoenix ed Emma Stone. Protagonisti di Irrational Man sono Emma Stone, già interprete - accanto a Colin Firth - in Magic in the Moonlight...

 

Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte 2 trailer, Jennifer Lawrence: epico scontro finale

Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte 2. Diffuso il teaser trailer di Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte 2. L'appuntamento al cinema per assistere all'episodio che chiude la saga sci-fi tratta dai bestseller di Suzanne Collins, è fissato per il 19 novembre. Si attende un finale con il botto, con scenografie spettacolari...

 

Irrational Man, esce il trailer del nuovo film di Woody Allen fuori concorso a Cannes

Irrational Man, il nuovo film scritto e diretto da Woody Allen, sarà presentato fuori concorso al Festival di Cannes che si terrà dal 13 al 24 maggio. Protagonisti del film sono Joaquin Phoenix, alla sua prima collaborazione con il regista newyorchese, ed Emma Stone, già recentemente interprete in Magic in the Moonlight (2014) ...

 

Child 44 - Il bambino numero 44 anteprima film, dal best seller al grande schermo

Child 44 - Il bambino numero 44 anteprima film. Non c'è bisogno di essere cinefili accaniti per sapere che da grandi libri purtroppo spesso e volentieri non derivano necessariamente grandi film. Ma il regista svedese di origine cilena Daniel Espinosa a questa tendenza non ci sta, e così firma con coraggio e determinazione l'adattament...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni